Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tolleranza, non punire i telelavoratori dissidenti

Scritto da Andrew Osborne e Alexander Marrow

LONDRA (Reuters) – Lunedì un magnate russo ha invitato le autorità a perdonare le centinaia di migliaia di lavoratori fuggiti all’estero a causa della guerra di Mosca in Ucraina piuttosto che punirli, sostenendo che il Paese aveva bisogno del loro cervello.

“Le persone che lavorano per la nostra economia dall’esterno – a distanza o in altro modo – non dovrebbero essere punite”, ha detto il CEO di metalli miliardari Vladimir Potanin al sito Web di notizie RBC, chiedendo la fine del discorso sulle misure punitive contro di loro, che ha definito “demagogia”. .

Mosca dovrebbe essere tollerante anche se i lavoratori remoti hanno opinioni che non piacciono ai patrioti russi, ha detto, sottolineando il fatto che molti di coloro che se ne sono andati, compresi i professionisti IT, lo hanno fatto per evitare di essere arruolati nell’esercito o perché hanno litigato con Mosca. Si chiama la propria “operazione militare” in Ucraina, iniziata il 24 febbraio dello scorso anno.

Si stima che Potanin sia la persona più ricca o la seconda più ricca in Russia grazie alla sua partecipazione nel gigante dei metalli Nornickel.

L’entità dell’esodo – stimato da alcuni media russi fino a 700.000 persone, una cifra che il Cremlino ha definito esagerata – ha sollevato timori di una fuga di cervelli in un momento in cui la Russia è soggetta a dure sanzioni economiche occidentali.

Maksut Chaadaev, capo del ministero russo per gli affari digitali, ha dichiarato a dicembre al parlamento che circa 100.000 professionisti IT lasceranno la Russia nel 2022.

Traditori

Un dibattito a volte aspro su come dovrebbero essere trattate queste persone ha attanagliato per settimane l’élite politica e imprenditoriale russa.

READ  I residenti di Pechino e Shanghai sono tornati al lavoro mentre la Cina si muove verso la convivenza con COVID

Intransigenti come l’ex presidente Dmitry Medvedev hanno definito alcuni di coloro che sono fuggiti “traditori” a cui non dovrebbe essere permesso di tornare a casa.

Altri politici intransigenti hanno chiesto che i lavoratori e gli immigrati vengano colpiti a distanza con tasse più alte e privati ​​dei loro passaporti e beni russi. Stanno prendendo in considerazione una legislazione che vieterebbe del tutto il telelavoro in alcuni settori.

Al contrario, i rapporti del quotidiano economico russo Kommersant sui piani all’esame del Ministero degli affari digitali indicano che vuole attrarre nuovamente specialisti con pacchetti di reinsediamento ed esenzioni dalla coscrizione nell’esercito.

Il ministero non ha risposto a una richiesta di commento di Reuters, ma ha chiarito che si oppone alle proposte per impedire ai lavoratori IT di lasciare il Paese o per imporre tasse più alte a coloro che lo fanno.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto, nei commenti della scorsa settimana sul portale di notizie online Life, che mentre il Paese deve combattere i suoi “nemici”, deve anche garantire che i russi che non hanno adottato una posizione ostile al loro Paese e alle sue politiche siano in grado di Restituzione. Pagina iniziale.

Potanin ha affermato che Mosca ha un disperato bisogno di lavoratori remoti, inclusi programmatori di computer, per aiutare la sua malconcia economia a riprendersi.

“La maggior parte di loro continua a lavorare per il nostro Paese, la nostra economia e le nostre aziende. Alcuni torneranno e altri no. Allora perché dovremmo respingerli e perseguitarli?” Potanin ha detto a RBC.

I programmatori remoti, ha detto, sono “la nostra forza, non la nostra debolezza, i loro cervelli, la loro capacità di produrre un prodotto, che, tra l’altro, ci manca terribilmente”, stimando che la Russia fosse in grado di fornire solo il 20% del proprio esigenze software.

READ  Cos'è il vortice polare? E altre domande relative al freddo

Potanin ha aggiunto che suggerire che i loro appartamenti o altri beni dovrebbero essere confiscati equivalgono a furto e indebolirebbero il potenziale di investimento della Russia.

Un medico che è fuggito dalla Russia per un paese dell’UE lo scorso febbraio ha dichiarato di essere scettico nei confronti di eventuali dolcificanti che le autorità potrebbero offrire per attirare le persone indietro.

“Nessuno è convinto che queste misure funzioneranno”, ha detto il medico, che ha chiesto di rimanere anonimo per paura di rappresaglie.

“Prima fermare la guerra e poi far sentire il popolo padrone del proprio destino”.

(Segnalazione di Andrew Osborne e Alexander Marrow; Montaggio di Gareth Jones)