Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trova misteriose uova nere nascoste nelle profondità dell'oceano

Trova misteriose uova nere nascoste nelle profondità dell'oceano

Scritto da Brian Myers | pubblicato

Ricercatori giapponesi hanno recentemente scoperto una quantità insolita proveniente da una delle profondità marine più oscure. Le uova nere, deposte secondo quanto riferito dai vermi piatti, sono state prelevate dalla fossa delle Curili-Komchatka nel Pacifico nordoccidentale. Le uova e le creature che le depongono sono tra le tante misteriose forme di vita marina che si sono evolute per esistere a profondità superiori a 20.000 piedi sotto la superficie del mare.

Credito: Pubblicazioni della Royal Society

L'esperto team di ricerca ha estratto le uova nere dalle profondità oscure e ha utilizzato veicoli di recupero telecomandati. A profondità sorprendenti, scoprirono le uova attaccate a pezzi di roccia e riuscirono a rimuoverle ed estrarle. Keiichi Kakuei, ricercatore presso l'Università di Hokkaido, non era del tutto sicuro di ciò che il team avesse scoperto, ma rimase scioccato nell'apprendere cosa contenessero queste uova nere.

Le uova nere contengono un'enorme quantità di embrioni di vermi piatti.

L'analisi del DNA delle uova nere diede presto ai ricercatori una scoperta inaspettata. All'interno delle minuscole capsule c'erano embrioni di platelminti a diversi stadi di sviluppo. Sorprendentemente, questa era la prima volta che queste uova venivano trovate a questa profondità, superando la profondità di 17.000 in cui si era precedentemente scoperto che sopravvivevano.

Anche se la scoperta delle uova nere ha effettivamente sorpreso i ricercatori giapponesi, non dovrebbe essere così scioccante quando gli scienziati scoprono una specie che vive in zone precedentemente sconosciute.

Quando le uova vengono aperte con attenzione, dall'interno fuoriesce un liquido bianco lattiginoso. Ogni uovo contiene più embrioni di platelminti, da tre a sette per campione sezionato. Una quantità abbastanza impressionante, considerando che le uova nere hanno un diametro di solo circa un decimo di pollice.

READ  Una gigantesca nuvola di detriti individuata da un telescopio della NASA dopo la collisione di corpi celesti
Verme piatto marino

Ancora più scioccante è ciò che ha rivelato l’analisi del DNA. Questi vermi piatti sono cugini stretti di quelli che troviamo ogni giorno sulla Terra. Gli scienziati ritengono che i vermi piatti che vivono in acque poco profonde potrebbero essersi spostati nel tempo in acque più profonde, aprendo infine la strada alle specie che i ricercatori hanno recuperato da profondità incredibili.

I ricercatori hanno trovato le uova nere migliaia di piedi al di sotto di quello che pensavano fosse il limite dei platelminti.

I misteri delle parti più profonde degli oceani vengono lentamente risolti, anche se gli scienziati ammetteranno che ciò che è attualmente noto è lungi dal comprendere tutto ciò che si trova nell'abisso. Anche se la scoperta delle uova nere ha sorpreso i ricercatori giapponesi, non dovrebbe essere così scioccante quando gli scienziati scoprono una specie che vive in zone precedentemente sconosciute.

Un altro tipo di verme piatto marino

È opinione diffusa tra gli scienziati marini che potrebbero esserci fino a due milioni di specie diverse di vita nelle acque salate che ricoprono la maggior parte della superficie terrestre. Attualmente la scienza ne ha identificati solo circa 250.000. Conoscere i platelminti e le loro uova nere a parte mostra quanto c'è da imparare sulle profondità dell'oceano.

Le specie recentemente identificate provenienti dalle parti più profonde dell'oceano non si limitano alle uova di piccoli vermi piatti, piccoli crostacei e varie amebe. Un tempo si pensava che il calamaro gigante fosse frutto dell'immaginazione dei marinai finché questi giganteschi mostri marini non furono catturati. Nel 2021, gli scienziati giapponesi hanno identificato con successo un pesce dalla testa liscia da 55 libbre che non era mai stato scoperto prima. Il grosso pesce si chiamava “Yokozuna”, dal nome del grado più alto nella lotta di sumo.

READ  Previsioni sulla copertura nuvolosa per l'eclissi anulare nel 2023

fonte: Lettere di biologia della Royal Society