Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Twitter chiede di riportare indietro decine di dipendenti licenziati, ‘sbagliato’: report

Dopo che Twitter sta ora contattando dozzine di dipendenti che hanno perso il lavoro.

Dopo che Twitter Inc ha licenziato metà dei suoi dipendenti venerdì in seguito all’acquisizione da 44 miliardi di dollari di Elon Musk, la società sta ora contattando dozzine di dipendenti che hanno perso il lavoro e chiedendo loro di tornare, secondo quanto riportato domenica da Bloomberg News.

Alcuni di coloro a cui è stato chiesto di tornare sono stati licenziati ingiustamente. Altri sono stati licenziati prima che la direzione si rendesse conto che il loro lavoro e la loro esperienza erano necessari per costruire le nuove funzionalità immaginate da Elon Musk, afferma il rapporto, citando persone che avevano familiarità con le mosse.

Twitter ha recentemente licenziato il 50% dei suoi dipendenti, compresi i dipendenti del team di fiducia e sicurezza, ha detto Yoel Roth, responsabile della sicurezza e integrità dell’azienda, in un tweet all’inizio di questa settimana.

I team responsabili dei tweet dei dipendenti della società di social media, delle comunicazioni, della moderazione dei contenuti, dei diritti umani e dell’etica dell’apprendimento automatico sono stati tra quelli spazzati via, così come alcuni team di prodotti e ingegneri.

Twitter ha aggiornato la sua app sull’Apple App Store sabato e ha iniziato ad addebitare $ 8 per i segni di spunta blu di verifica, nella prima grande revisione della piattaforma di social media da parte di Elon Musk.

Twitter non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Reuters.

(A parte il titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

READ  Putin ha avvertito che la Finlandia potrebbe mettere a repentaglio l'adesione alla NATO

Video in primo piano della giornata

BJP vince il sondaggio di Adampur di Haryana, l’eredità di Bhajan Lal continua