Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un deposito di carburante ha preso fuoco vicino a un importante ponte in Crimea, in Russia

Un deposito di carburante ha preso fuoco vicino a un importante ponte in Crimea, in Russia

(Reuters) – Un deposito di carburante russo ha preso fuoco mercoledì presto vicino a un ponte chiave che collega la Russia continentale e la Crimea, ha detto un funzionario russo, pochi giorni dopo che Mosca ha accusato l’Ucraina di un attacco che ha incendiato un deposito di petrolio a Sebastopoli.

Fiamme e fumo nero si sono alzati sopra quelli che sembravano grandi carri armati adornati con avvisi rossi di “infiammabilità” nei video pubblicati sui social media russi, anche se Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente le segnalazioni degli incendi o dei video.

“L’incendio è valutato come la massima difficoltà”, ha detto Veniamin Kondratyev, governatore della regione di Krasnodar dall’altra parte del Mar d’Azov dall’Ucraina, sull’app di messaggistica Telegram, aggiungendo che non ci sono state vittime.

Kondratyev ha detto che l’incendio è scoppiato nel villaggio di Volna. Il piccolo villaggio si trova vicino al ponte di Crimea sullo stretto di Kerch, un’importante arteria per le forze russe, che collega la terraferma alla Crimea, annessa nel 2014 dall’Ucraina.

L’incidente è avvenuto pochi giorni dopo che sabato un attacco di droni ha incendiato un deposito di carburante russo nel porto di Sebastopoli in Crimea, in quello che Mosca ha definito un attacco ucraino.

L’Ucraina non ha rivendicato la responsabilità dell’attacco di Sebastopoli, in linea con la sua prassi abituale durante il conflitto, iniziato nel febbraio 2022.

Ma durante il fine settimana, l’esercito di Kiev ha affermato che l’indebolimento della logistica russa faceva parte dei preparativi per una controffensiva tanto attesa, aiutata da nuove spedizioni di armi occidentali più potenti.

READ  Rapporto: Kushner dice nel libro che Netanyahu non era entusiasta di riconoscere Gerusalemme

Le esplosioni hanno fatto deragliare un treno lunedì nella regione russa di Bryansk al confine con l’Ucraina, il secondo incidente del genere in due giorni. Funzionari russi affermano che i gruppi di sabotaggio filoucraini hanno lanciato attacchi lì dall’inizio delle ostilità.

La Russia ha anche intensificato i suoi attacchi contro l’Ucraina in vista di un previsto contrattacco da parte di quest’ultima, con ondate quasi notturne di droni e missili che hanno preso di mira Kiev e altre regioni nell’ultima settimana.

Mercoledì scorso, le autorità della capitale ucraina hanno dichiarato di aver respinto l’attacco notturno di Mosca mentre i sistemi di difesa aerea hanno distrutto tutti i droni lanciati.

(Segnalazione di Lydia Kelly da Melbourne); Montaggio di Muralikumar Anantharaman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.