Luglio 19, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

una flessione del mercato del lavoro negli Stati Uniti; Il calo della produttività aumenta il costo del lavoro

una flessione del mercato del lavoro negli Stati Uniti;  Il calo della produttività aumenta il costo del lavoro
  • Le richieste di disoccupazione settimanali sono aumentate da 13.000 a 242.000
  • Le richieste continue scendono da 38.000 a 1,805 milioni
  • La produttività diminuisce a un tasso del 2,7% nel primo trimestre

WASHINGTON (Reuters) – Il numero di americani che hanno presentato nuove domande per l’indennità di disoccupazione è aumentato la scorsa settimana con il graduale restringimento del mercato del lavoro dovuto all’aumento dei tassi di interesse, che ha rallentato la domanda nell’economia.

Ma i costi di indebitamento potrebbero rimanere elevati per un po’ di tempo, poiché altri dati di giovedì hanno mostrato che il costo del lavoro è aumentato nel primo trimestre con il calo della produttività dei lavoratori.

Mercoledì la Fed ha alzato il suo tasso overnight chiave di altri 25 punti base a un intervallo compreso tra il 5,00% e il 5,25% e ha indicato che potrebbe sospendere ulteriori aumenti, pur mantenendo una propensione aggressiva. La Fed ha alzato il suo tasso ufficiale di 500 punti base da marzo 2022.

“I mercati del lavoro continuano a sperimentare condizioni eccezionalmente difficili, ma il continuo aumento delle richieste ora e il potenziale rialzo a seguito di diffusi annunci di licenziamenti potrebbero essere i primi passi verso condizioni del mercato del lavoro più equilibrate”, ha affermato Stuart Hoffman, responsabile della società. Ufficiale capo operazioni. Consulente economico presso PNC Financial a Pittsburgh, Pennsylvania.

Le richieste iniziali di indennità di disoccupazione statale sono aumentate di 13.000 a 242.000 destagionalizzate per la settimana terminata il 29 aprile. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano 240.000 reclami nell’ultima settimana. Le richieste non rettificate sono diminuite di 5.518 a 219.619 la scorsa settimana.

READ  L'aereo Boeing è stato costretto a effettuare un atterraggio di emergenza dopo che è stata scoperta una crepa nel finestrino della cabina di pilotaggio

C’è stato un aumento delle dichiarazioni in Kentucky e Massachusetts, nonché notevoli guadagni in California, che hanno compensato un calo di 9.358 a New York poiché gli aumenti delle richieste nello stato sono stati annullati dalle vacanze di primavera.

Quest’anno le richieste di risarcimento sono rimaste bloccate nella fascia alta del loro intervallo di 194.000-247.000, riflettendo un aumento dei licenziamenti poiché il ritardo e gli effetti cumulativi della campagna di rialzo dei tassi più rapida della banca centrale statunitense dagli anni ’80 iniziano a manifestarsi al di fuori del mercato immobiliare e della tecnologia settore.

Tuttavia, il mercato del lavoro rimane stretto. Martedì il governo ha riferito che a marzo c’erano 1,6 posti di lavoro per ogni disoccupato, ben al di sopra dell’intervallo 1,0-1,2 che secondo gli economisti corrisponde a un mercato del lavoro che non genera molta inflazione.

“Il mercato del lavoro rimane molto teso”, ha detto mercoledì in una conferenza stampa il presidente della Federal Reserve Jerome Powell, ma ha notato che ci sono stati “alcuni segnali di domanda e offerta del mercato del lavoro che tornano a un migliore equilibrio”.

Il rapporto sui sinistri ha mostrato che il numero di persone che ricevono sussidi dopo una settimana iniziale da Help, un proxy per l’occupazione, è sceso da 38.000 a 1,805 milioni durante la settimana terminata il 22 aprile. È stato il più grande calo delle cosiddette richieste continue dallo scorso luglio, indicando che alcuni lavoratori licenziati stanno trovando rapidamente lavoro.

Le azioni di Wall Street sono scese. Il dollaro è salito contro un paniere di valute. I prezzi dei buoni del Tesoro USA sono scesi.

READ  Elon Musk annuncia che Starlink fornirà la copertura della zona morta per T-Mobile

LICENZIAMENTI In aumento

Il rapporto sui sinistri non ha alcuna relazione con il rapporto sull’occupazione di aprile, attentamente monitorato dal governo, che è previsto per venerdì, perché non rientra nel periodo dell’indagine.

Secondo un sondaggio di economisti Reuters, i libri paga non agricoli sono probabilmente aumentati di 180.000 il mese scorso dopo essere aumentati di 236.000 a marzo. Il tasso di disoccupazione dovrebbe salire al 3,6% dal 3,5% di marzo.

Un rapporto separato della società globale di personale Challenger, Gray & Christmas di giovedì ha mostrato che i datori di lavoro statunitensi hanno annunciato 66.995 tagli di posti di lavoro ad aprile, in calo del 25% rispetto a marzo. Tuttavia, i licenziamenti sono aumentati del 176% rispetto ad aprile dello scorso anno.

Grafica Reuters

Sebbene il mercato del lavoro si stia allentando, il che potrebbe contribuire a rallentare la crescita salariale, è probabile che la minore produttività dei lavoratori mantenga forti le pressioni inflazionistiche.

La produttività non agricola, che misura la produzione oraria per lavoratore, è diminuita a un tasso annualizzato del 2,7% nel primo trimestre, dopo essere aumentata a un ritmo dell’1,6% nel periodo ottobre-dicembre, ha affermato giovedì il Dipartimento del lavoro in un altro rapporto.

Gli economisti si aspettavano che la produttività sarebbe diminuita a un tasso dell’1,8%. È sceso dello 0,9% rispetto a un anno fa, segnando il quinto trimestre in cui la produttività è diminuita su base annua, il periodo più lungo dall’inizio della serie nel 1948.

Durante l’attuale ciclo economico, a partire dall’ultimo trimestre del 2019, la produttività del lavoro è cresciuta a un tasso annuo dell’1,1%, che il Bureau of Labor Statistics del Dipartimento del lavoro, che produce il rapporto, descrive come “un tasso di crescita della produttività storicamente basso. “

READ  Le azioni dei fornitori Apple crollano dopo che Barclays ha declassato il produttore di iPhone

Il BLS ha osservato che “nessun altro ciclo economico precedente ha registrato una crescita della produttività inferiore, ad eccezione del breve ciclo di sei trimestri dal 1° trimestre 1980 al 3° trimestre 1981, che ha mostrato una crescita dell’1,0%”.

Il costo unitario del lavoro – il prezzo del lavoro per unità di produzione – è aumentato a un tasso del 6,3% dopo essere aumentato a un ritmo del 3,3% nel quarto trimestre. Il costo unitario del lavoro è aumentato in media del 5,8% rispetto allo scorso anno. Il costo del lavoro sta aumentando troppo rapidamente per raggiungere l’obiettivo di inflazione federale del 2%.

“Un potenziale stop dei tassi da parte della Fed è interamente subordinato a ulteriori progressi nella riduzione delle pressioni inflazionistiche”, ha affermato Sal Guattieri, capo economista di BMO Capital Markets a Toronto. “Il rapporto di oggi ha indicato l’esatto contrario.”

(Segnalazione di Lucia Mutecani) Montaggio di Paolo Simao

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.