Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una foto senza precedenti cattura un’esplosione solare stranamente grande

Una foto senza precedenti cattura un'esplosione solare stranamente grande

Prominenza solare osservata dal Solar Orbiter il 15 febbraio 2022.

Prominenza solare osservata dal Solar Orbiter il 15 febbraio 2022.
foto: Orbita solare / EUI Team / ESA e NASA

TLa navicella solare in orbita aveva un’interfaccia-Mostra classe questa settimana Dà un rutto insolitamente grande, risultando in un’immagine unica.

Il Solar Orbiter ha notato l’importanza solare, o rito, il 15 febbraio, secondo A europeo Vuoto un’agenzia Pubblicazione. Le protuberanze solari sono nubi di gas solare depositate sopra la superficie del campo magnetico solare, che spesso appaiono come gigantesche strutture a spirale che persistono per giorni o addirittura settimane. Questi eventi possono portare a espulsioni di massa coronale (CME), in cui il gas espulso corre attraverso il sistema solare. Se diretto a terra, può farlo Giocare con la nostra tecnologia – come appena lanciato Satelliti.

Fortunatamente, questo pacco non è stato indirizzato verso la terra. In realtà, è vero il contrario. La vista dal Solar Orbiter, una missione congiunta tra la NASA e l’ESA, indica che la miccia ha avuto origine sul lato opposto del Sole dalla prospettiva del veicolo spaziale.

Questa particolare prominenza solare era enorme e si poteva vedere raggiungere almeno 2,2 1 milione di miglia (3,5 milioni di km), secondo ESA. In effetti, l’Agenzia spaziale europea afferma che è “il più grande evento del suo genere mai catturato in un unico campo visivo insieme al disco solare, Un risultato che apre “nuove possibilità per capire come tali eventi siano correlati al disco solare”.

L’esplosione è stata rilevata anche dal monitor di radiazione BepiColombo, che ha raccolto letture contemporanee di elettroni, protoni e ioni pesanti. Il veicolo spaziale ESA/JAXA è attualmente vicino all’orbita di Mercurio. Anche la navicella spaziale Soho ha catturato l’eruzione, ma dal primo punto di Lagrange tra la Terra e il Sole. A differenza del Solar Orbiter, SOHO, una collaborazione tra l’Agenzia spaziale europea e la NASA, utilizza un dispositivo chiamato Stealth Instrument per bloccare il riverbero del sole, risultando in un grande punto nero al centro dell’immagine.

Lanciato a febbraio 2020, Solar Orbiter utilizza 10 strumenti a bordo per catturare viste ravvicinate del sole senza precedenti. La sonda ha utilizzato il suo Full Solar Imager (FSI) Extreme Ultraviolet Imaging (EUI) per catturare questa prospettiva unica del Sole e dei suoi filamenti appena lanciati.

Lo scienziato del progetto Solar Orbiter Daniel Muller ha detto che le osservazioni EUI/FSI hanno mostrato che il materiale eccezionale copre una distanza pari a cinque volte il raggio del Sole e “può essere rintracciato molto più lontano nei dati del paragrafo Soho/Lasko”, come mi ha spiegato in una e-mail. Ha aggiunto che prima dell’eruzione del vulcano, “la prominenza non poteva essere osservata dall’orbiter solare né dalla vicina Terra perché si trovava sul lato opposto del sole, quindi non sappiamo quale fosse la lunghezza della sporgenza prima dell’eruzione .”

Come suggerisce il nome, il Full Sun Imager può acquisire viste dell’intero disco solare e continuerà a farlo anche quando il Solar Orbiter farà il suo prossimo perielio, o il più vicino avvicinamento al Sole, il 26 marzo, quando è circa 0,3 volte la distanza tra il Sole e la Terra.

Gli scienziati terranno d’occhio questa importanza solare usando anche gli strumenti di cui sopra La sonda solare Parker della NASA. È fantastico ora Abbiamo così tanti occhi puntati sul Sole che è sempre più importante per noi comprendere i processi dietro questi drammatici eventi stellari. In questo modo, saremo in grado di prevedere meglio gli effetti di queste esplosioni quando le dirigeremo verso di noi.

di più: Macchie solari tropicali precedentemente sconosciute ‘falò’ sul sole.

READ  Sito di impatto di un missile misterioso da ricognizione orbitale lunare della NASA