Dicembre 4, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Valery Gergiev, un sostenitore di Putin, non agirà alla Carnegie Hall

Valery Gergiev, un sostenitore di Putin, non agirà alla Carnegie Hall

La Carnegie Hall e la Filarmonica di Vienna hanno annunciato giovedì che il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev, amico e eminente sostenitore del presidente russo Vladimir Putin, non condurrà una serie di concerti lì questa settimana in mezzo alla crescente condanna internazionale dell’invasione di Putin. Ucraina.

Il signor Gergiev, che avrebbe dovuto esibirsi con l’Orchestra Filarmonica in tre apparizioni di alto profilo nella sala a partire da venerdì sera, è stato sempre più esaminato per il suo sostegno a Putin, che conosce da tre decenni e ha ripetutamente difeso. .

Non è stato fornito alcun motivo per la sua rimozione dai programmi. Ma la straordinaria decisione dell’ultimo minuto di sostituire il maestro stellare per i suoi legami con il signor Putin – a pochi giorni dal presidente della Filarmonica insistere su Che l’emergere di Gergiev come artista piuttosto che come politico riflettesse la protesta globale in rapida crescita per la conquista.

Anche se il signor Gergiev non ha parlato pubblicamente dell’attacco rivelato, ha appoggiato le precedenti mosse del signor Putin contro l’Ucraina, e la sua apparizione al Carnegie avrebbe dovuto provocare rumorose proteste. È stato l’obiettivo di manifestazioni simili durante le precedenti manifestazioni a New York tra le critiche al signor Putin Legge che vieta “la pubblicità di rapporti sessuali non tradizionali,Che è stato visto come un tentativo di sopprimere il movimento per i diritti dei gay in Russia e il suo movimento annessione della Crimea.

Carnegie e l’orchestra hanno anche detto che il pianista russo Denis Matsuev, che avrebbe dovuto esibirsi con il signor Gergiev e l’orchestra venerdì, non si sarebbe presentato. Il signor Matsuev è anche l’aiutante di Putin; Nel 2014 ha espresso il suo sostegno all’annessione della Crimea.

READ  I maghi degli effetti sonori di Spider-Man: No Way Home non potevano vedere i meme in arrivo

Gergiev sostituirà Gergiev ai tre concerti della Carnegie, che lunedì dirigerà una nuova produzione del “Don Carlos” di Verdi al Metropolitan Opera, di cui è direttore musicale. Un sostituto per il signor Matsuev non è stato immediatamente annunciato.

Sia la Carnegie Hall che la Filarmonica di Vienna hanno precedentemente difeso il signor Gergiev. Ma l’annuncio di Putin dell’inizio di una “operazione militare speciale” in Ucraina giovedì ha esercitato nuove pressioni sull’auditorium e sull’orchestra per riconsiderare.

Gli attivisti hanno lanciato l’hashtag #CancelGergiev su Twitter e hanno pubblicato le foto del signor Gergiev insieme al signor Putin. I due si conoscono dall’inizio degli anni ’90, quando Putin era in carica a San Pietroburgo e il signor Gergiev aveva iniziato il suo mandato come leader del Teatro Kirov (poi Mariinsky) lì.

Nel 2012, Gergiev è apparso in una pubblicità televisiva per la terza campagna presidenziale di Putin. Nel 2014 ha firmato una petizione elogiando l’annessione della Crimea, dopo il Ministero della Cultura russo di nome Artisti e intellettuali senior per suggerire il loro sostegno per questo passaggio. “L’Ucraina è per noi una parte essenziale del nostro spazio culturale, in cui siamo cresciuti e in cui abbiamo vissuto fino ad ora”, ha affermato Gergiev in un quotidiano statale.

Nel 2016, il sig. Gergiev Guidavo Un concerto patriottico nella città siriana di Palmira, poco dopo gli attacchi aerei russi che hanno contribuito a cacciare lo Stato Islamico dalla città. Alla televisione russa, il concerto includeva video delle atrocità dello Stato Islamico, come parte di uno sforzo di propaganda per rafforzare l’orgoglio per il ruolo militare della Russia all’estero, anche nel suo sostegno al governo del presidente siriano Bashar al-Assad. Putin è stato visto ringraziare i musicisti tramite un collegamento video dalla sua casa per le vacanze sul Mar Nero.

READ  Chris Rock non presenterà una denuncia alla polizia dopo che Will Smith lo ha schiaffeggiato agli Oscar

Negli ultimi giorni, il signor Gergiev è stato anche sotto pressione in Europa, dove mantiene un fitto programma di tournée. I funzionari di Milano hanno detto giovedì che deve condannare l’invasione o affrontare la possibilità che i suoi impegni con il Teatro alla Scala, dove ha diretto l’opera di Čajkovskij “La regina di picche”, siano revocati, secondo i media italiani.

L’Orchestra Filarmonica di Vienna ha recentemente affermato qualche giorno fa che il signor Gergiev era un artista di talento e sarebbe salito sul podio alle date della Carnegie. “È uno strumentista, non un politico”, ha detto Daniel Froschauer, il capo dell’orchestra, in un’intervista domenica al New York Times.

READ  Il rap batte il Super Bowl all'intervallo, bilanciando celebrazione e protesta

Anche Clive Gillinson, amministratore delegato e direttore tecnico di Carnegie, aveva precedentemente offerto il suo sostegno a Gergiev, dicendo che non doveva essere punito per aver espresso le sue opinioni politiche.

“Perché gli artisti dovrebbero essere le uniche persone al mondo a cui non è permesso avere opinioni politiche?” Il signor Gillinson ha detto in un’intervista al Times a settembre. “Il punto è che giudichi le persone solo in base alla loro arte.”

Gli attivisti che stavano progettando di protestare per l’apparizione del signor Gergiev al Carnegie si sono rallegrati alla notizia del suo ritiro. “Le arti dovrebbero essere contro l’aggressione”, ha affermato Valentina Bardakova, un’insegnante di matematica e scienze a New York che ha contribuito a organizzare le proteste.

Il signor Gergiev dovrebbe tornare al Carnegie a maggio per dirigere due esibizioni con la Mariinsky Orchestra. Non è chiaro se queste esibizioni andranno come previsto.

Il Sig. Gergiev è apparso spesso con la Filarmonica di Vienna negli ultimi mesi, in Austria e all’estero. Di recente è risultato positivo al coronavirus e ha dovuto cancellare alcuni spettacoli, incluso uno con la Filarmonica la scorsa settimana. Da allora si è ripreso ed è tornato a recitare, incluso lo spettacolo “Queen of Spades” a Milano mercoledì sera.