Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Video Boost su Google Pixel 8 Pro è un pratico strumento video da utilizzare in condizioni di scarsa illuminazione

Video Boost su Google Pixel 8 Pro è un pratico strumento video da utilizzare in condizioni di scarsa illuminazione

Quando Google ha introdotto Night Sight sul Pixel 3, è stata una vera rivelazione.

Era come se qualcuno avesse letteralmente acceso le luci nelle tue foto in condizioni di scarsa illuminazione. Ora sono possibili scatti precedentemente impossibili, senza la necessità di un treppiede o di flash nei fari.

Cinque anni dopo, scattare foto al buio è obsoleto: quasi tutti i telefoni di tutta la fascia di prezzo sono dotati di una sorta di modalità notturna. Ma il video è una storia diversa. Le modalità notturne per le immagini fisse catturano più fotogrammi per creare un'immagine più luminosa e non è possibile copiare e incollare i meccanismi di questa funzione nel video, che per sua natura è In realtà Una serie di immagini. La risposta, a quanto pare di recente, è l’intelligenza artificiale.

Quando Pixel 8 Pro è stato lanciato questo autunno, Google ha annunciato una funzionalità chiamata Video Boost with Night Sight, che arriverà con un futuro aggiornamento software. Utilizza l'intelligenza artificiale per elaborare i tuoi video, evidenziando più dettagli e migliorando i colori, il che è particolarmente utile per le clip in condizioni di scarsa illuminazione. C'è solo un problema: questa elaborazione avviene nel cloud sui server di Google, non sul tuo telefono.

Come promesso, Video Boost ha iniziato ad arrivare sui dispositivi un paio di settimane fa con l'aggiornamento Pixel di dicembre, inclusa la nostra unità di prova Pixel 8 Pro. Va bene! Ma non è il momento decisivo come lo era l'originale Night Sight. Ciò dimostra quanto fosse eccezionale Night Sight quando è uscito per la prima volta, così come le sfide speciali che il video presenta al sistema di fotocamere di uno smartphone.

Video Boost funziona in questo modo: innanzitutto, e soprattutto, devi avere un telefono Pixel 8 in prima linea, non un normale telefono Pixel 8: Google non ha risposto alla mia domanda sul perché. Puoi attivarlo nelle impostazioni della fotocamera quando desideri utilizzarlo e quindi iniziare a registrare il tuo video. Una volta terminato, è necessario eseguire il backup del video sul tuo account Google Foto, automaticamente o manualmente. Allora aspetti. E aspetta. E in alcuni casi, continua ad aspettare: Video Boost funziona su video lunghi fino a dieci minuti, ma anche una clip lunga solo pochi minuti può richiedere ore per l'elaborazione.

READ  Nuove icone delle app stanno arrivando su Google Messaggi, Contatti e Telefono

A seconda del tipo di video che stai registrando, questa attesa potrebbe valere o meno la pena. Documentazione di supporto di Google Dice che è progettato per consentirti di “creare video sul tuo telefono Pixel di qualità superiore e con illuminazione, colori e dettagli migliori” in qualsiasi condizione di luce. Ma no Principale Ciò che Video Boost offre sono video migliori in condizioni di scarsa illuminazione: questo è ciò che mi ha detto il product manager del gruppo Isaac Reynolds. “Consideralo come un video di Night Sight, perché tutte le modifiche agli altri algoritmi riguardano il raggiungimento di Night Sight.”

Tutti i processi che migliorano l'aspetto dei nostri video in condizioni di buona luce (stabilizzazione e mappatura dei toni) smettono di funzionare quando provi a registrare video in condizioni di scarsa illuminazione. Anche, spiega Reynolds Cortesemente La quantità di sfocatura che si ottiene nei video in condizioni di scarsa illuminazione varia. “O.I.S [optical image stabilization] Può stabilizzare il fotogramma, ma solo fino a una certa lunghezza.” I video in condizioni di scarsa illuminazione richiedono fotogrammi più lunghi, e questa è una grande sfida da stabilizzare. “Quando inizi a camminare in condizioni di scarsa illuminazione, con fotogrammi molto lunghi, puoi ottenere un certo tipo di di sfocatura all'interno dell'inquadratura è solo il resto che l'OIS può compensare”. In altre parole, è molto complicato.

Tutto ciò aiuta a spiegare ciò che vedo nei miei video Video Boost. Con una buona illuminazione non vedo molta differenza. Alcuni colori risaltano un po' di più, ma non vedo nulla che mi costringa a usarli regolarmente quando la luce disponibile è abbondante. In Nella misura massima In condizioni di scarsa illuminazione, Video Boost può recuperare completamente alcuni colori e dettagli persi in un video standard. Ma non è così drammatico come la differenza tra un'immagine normale e un'immagine Night Sight nelle stesse condizioni.

READ  iOS e iPadOS 17: recensione di MacStories

C'è un punto debole tra questi due estremi, dove vedo che Video Boost diventerà davvero utile. In una clip stavo camminando lungo un sentiero al tramonto all'interno di un pergolato buio Custodia Coby BellC'è un notevole miglioramento nei dettagli delle ombre e nella stabilità dopo il miglioramento. Più usi Video Boost con illuminazione interna normale, media e bassa, più vedrai le condizioni giuste per farlo. Inizi a vedere come appaiono sbiaditi i video standard in queste condizioni, come mio figlio che gioca con i camion sul pavimento della sala da pranzo. L'attivazione di Video Boost ha ripristinato parte della vivacità che avevo dimenticato di perdere.

Video Boost è limitato alla fotocamera posteriore principale di Pixel 8 Pro e registra a 4K (impostazione predefinita) o 1080p a 30 fps. L'utilizzo di Video Boost crea due clip: un file di “anteprima” iniziale che non è potenziato ed è immediatamente disponibile per la condivisione, ed eventualmente un secondo file “potenziato”. Tuttavia, c'è molto da fare sotto il cofano.

Reynolds mi ha spiegato che Video Boost utilizza una pipeline di elaborazione completamente diversa che conserva molti dati di immagine catturati che normalmente verrebbero scartati durante la registrazione di un file video standard, un po' come la relazione tra file RAW e JPEG. Un file temporaneo conserva queste informazioni sul tuo dispositivo finché non vengono inviate al cloud; E poi viene cancellato. Questa è una buona cosa perché i file temporanei possono essere enormi: diversi gigabyte per clip più lunghi. Tuttavia, i video finali migliorati hanno dimensioni molto più ragionevoli: 513 MB per una clip di tre minuti che ho registrato contro 6 GB per un file temporaneo.

La mia reazione iniziale a Video Boost è stata che sembrava una soluzione temporanea: una demo di una funzionalità che necessita del cloud per funzionare ora, ma che verrà trasferita sul dispositivo in futuro. Qualcomm ha mostrato una versione simile sul dispositivo questo autunno, quindi questo deve essere il gioco finale, giusto? Reynolds dice che non è quello che pensa. “Le cose che puoi fare nel cloud saranno sempre più impressionanti di quelle che puoi fare su un telefono.”

READ  Jay Leno cerca la tutela di sua moglie Mavis, che soffre del morbo di Alzheimer

La distinzione tra ciò che può fare il tuo telefono e ciò che può fare un server cloud passerà in secondo piano

Caso in questione: in questo momento, dice, i telefoni Pixel eseguono sul dispositivo diverse versioni più piccole e migliorate del modello HDR Plus di Google. Ma il modello HDR Plus “nativo” completo che Google ha sviluppato negli ultimi dieci anni per i suoi telefoni Pixel è troppo grande per funzionare realisticamente su qualsiasi telefono. Le funzionalità di intelligenza artificiale sul dispositivo miglioreranno nel tempo, quindi è probabile che ciò accada Alcuni Le cose che possono essere fatte solo nel cloud si sposteranno sui nostri dispositivi. Ma cambierà anche ciò che è possibile fare nel cloud. Reynolds ritiene che il cloud sia solo “un altro componente” delle capacità di Tensor.

In questo senso, miglioramento del video Lui è Uno sguardo al futuro: è semplicemente un futuro in cui l'intelligenza artificiale sul tuo telefono funziona insieme all'intelligenza artificiale nel cloud. Più funzioni saranno gestite da un mix di intelligenza artificiale interna e esterna al dispositivo e la distinzione tra ciò che può fare il tuo telefono e ciò che può fare un server cloud passerà in secondo piano. Non è certo il momento “aha” di Night Sight, ma segnerà comunque un cambiamento importante nel modo in cui pensiamo alle capacità dei nostri telefoni.