Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

14 morti e oltre 100 dispersi in India dopo l’alluvione dei laghi glaciali dell’Himalaya

14 morti e oltre 100 dispersi in India dopo l’alluvione dei laghi glaciali dell’Himalaya

NUOVA DELHI, 5 ottobre (Reuters) – Almeno 14 persone sono state uccise e 102 risultano disperse dopo che le forti piogge nel nord-est dell’India hanno causato il collasso delle sponde di un lago glaciale dell’Himalaya. Giovedì i funzionari.

Mercoledì il lago Lonak, nello stato del Sikkim, ha rotto gli argini causando massicce inondazioni, colpendo la vita di 22.000 persone, hanno detto i funzionari. È l’ultimo evento meteorologico mortale attribuito al cambiamento climatico negli altopiani dell’Asia meridionale.

“Le operazioni di ricerca vengono effettuate in mezzo a piogge incessanti, alle acque impetuose del fiume Teesta e strade e ponti spazzati via in molti luoghi”, ha detto un portavoce della sicurezza.

Giovedì scorso, l’agenzia statale per la gestione dei disastri ha dichiarato che 26 persone sono rimaste ferite e 102 disperse, inclusi 22 soldati. Undici ponti furono spazzati via.

Le riprese video dell’agenzia di stampa ANI hanno mostrato diverse case crollate, basi militari e altre strutture danneggiate e veicoli sommersi dall’acqua.

Le immagini satellitari mostrano che due terzi del lago si sono prosciugati.

Nei prossimi due giorni sono previste forti piogge in alcune parti del Sikkim e negli stati vicini, avvertendo di frane e interruzioni dei voli, ha avvertito il dipartimento meteorologico. L’autostrada principale del Sikkim da Siliguri nel Bengala occidentale è stata interrotta a causa del crollo.

Il deputato del Sikkim GT Dhungal ha detto a Reuters che benzina e diesel scarseggiano già nella capitale dello stato Gangtok, ma il cibo è facilmente disponibile.

Mercoledì un breve nubifragio sul lago glaciale Lonak ha scaricato una grande quantità di pioggia, provocando inondazioni improvvise nella valle di Teesta, a circa 150 km (93 miglia) a nord di Gangtok, vicino al confine con la Cina.

READ  Hu Jintao ha lasciato il Congresso del Partito Cinese

Un rapporto del 2020 della National Disaster Management Agency indiana afferma che i laghi glaciali stanno crescendo e i ghiacciai nell’Himalaya si stanno ritirando a causa dei cambiamenti climatici, rappresentando una grave minaccia per le infrastrutture e i mezzi di sussistenza a valle.

“Sfortunatamente, questa è l’ultima di una serie di inondazioni improvvise mortali nella regione dell’Hindu Kush-Himalaya durante questo monsone, che porta a casa la realtà dell’estrema vulnerabilità della regione ai cambiamenti climatici”, ha affermato il direttore generale Pema Kiamtsho. Centro internazionale per lo sviluppo integrato della montagna con sede in Nepal.

Altre regioni montuose dell’India, così come parti dei vicini Pakistan e Nepal, sono state colpite da forti piogge, inondazioni e smottamenti negli ultimi mesi, uccidendo molte persone.

Dieci anni fa un articolo degli scienziati del Centro nazionale indiano per il telerilevamento avvertiva che il lago aveva una probabilità “estremamente alta” del 42% di superare le sue sponde.

Il disastro di mercoledì è stato peggiore della breccia nel lago del Sikkim del 1968, che comportò il rilascio dell’acqua della diga Teesta V della NHPC, gestita dallo stato, hanno detto i funzionari.

Una fonte governativa ha detto a Reuters che quattro paratoie della diga sono state spazzate via e non è chiaro il motivo per cui non sono state aperte in tempo. L’Nhpc ha affermato che valuterà i danni una volta che il livello dell’acqua tornerà alla normalità.

Reporting di Subrata Nag Chaudhary a Calcutta, Tanvi Mehta, Krishnan Kaushik e Sarita Sakanti Singh a Nuova Delhi, Jatindra Dash a Bhubaneswar; Montaggio di Robert Birzel e Michael Perry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda