Alle origini dell’autonomia locale: da Santi Romano a Mortati

Prosegue il ciclo di incontri del DRASD sul tema generale “Le metamorfosi dell’autonomia locale”.

Venerdì 16 febbraio, ore 15, Palazzo Borsalino, si terrà il secondo incontro previsto a programma, con l’intervento dei proff. Enzo Balboni (emerito di Istituzioni di diritto pubblico nell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) e Jörg Luther (ordinario di Istituzioni di diritto pubblico nell’Università del Piemonte Orientale).

I relatori torneranno a due momenti fondamentali per lo sviluppo dell’idea e del concetto di autonomia locale nel nostro ordinamento.

Il prof. Luther terrà una lezione su “Il concetto di autonomia nel pensiero di Santi Romano”, richiamando le teorie di uno dei padri del diritto pubblico italiano, che all’inizio del Novecento rivolse i propri studi anche al tema dell’autonomia e, in particolare, alla figura del Comune (proprio al Comune dedicò, nel 1908, un volume del Trattato di diritto amministrativo diretto da Vittorio Emanuele Orlando).

Alle origini delle autonomie locali come concepite all’interno della Carta costituzionale, sta anche il pensiero di diversi giuristi di area cattolica della prima metà del Novecento, alcuni dei quali furono poi protagonisti in Assemblea costituente. A loro sarà dedicata la lezione del prof. Balboni, intitolata “L’idea di autonomia nel pensiero giuridico e nella cultura politica di ispirazione cattolica (Sturzo, Meda, Mortati, Ambrosini)”.

Introdurrà e concluderà l’incontro il prof. Renato Balduzzi, componente del Consiglio superiore della magistratura e responsabile scientifico del DRASD.

L’incontro si terrà presso la sala riunioni del Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche Economiche e Sociali (al primo piano di Palazzo Borsalino, via Cavour 84, Alessandria).

La partecipazione è libera ed è possibile iscriversi all’indirizzo drasd@uniupo.it. L’invito è rivolto a tutti gli interessati e specialmente a sindaci, amministratori locali, dirigenti e funzionari delle pubbliche amministrazioni, professionisti e operatori del diritto che possono trovare in questa iniziativa un’occasione di formazione professionale e di approfondimento culturale.