Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

60 paracadutisti russi si sono rifiutati di combattere durante l’invasione, afferma il rapporto

60 paracadutisti russi si sono rifiutati di combattere durante l'invasione, afferma il rapporto
  • Un rapporto afferma che almeno 60 paracadutisti russi di un’unità nella provincia di Pskov si sono rifiutati di combattere in Ucraina.
  • Un giornale russo ha riferito che i soldati hanno aperto il fuoco e alcuni sono stati minacciati di perseguimento penale.
  • Le forze russe hanno subito pesanti perdite e i rapporti indicano un deterioramento del morale.

Secondo il quotidiano russo indipendente Pskovskaya Gubernia, fino a 60 paracadutisti russi di un’unità nella provincia di Pskov si sono rifiutati di combattere in Ucraina.

Il giornale ha scritto nella sua dichiarazione che le truppe sono state licenziate e alcuni hanno minacciato di essere perseguiti penalmente per diserzione o mancato rispetto di un ordine. Canale Telegram.

Insider non è stato in grado di verificare in modo indipendente il rapporto.

Pskovskaya Gubernia è un quotidiano russo noto per i suoi reportage indipendenti. In mezzo alla repressione del paese sui media indipendenti, il mese scorso le autorità hanno fatto irruzione negli uffici del giornale e nelle case del personale senior, secondo Comitato per la tutela dei giornalisti.

L’attivista locale Nikolai Kuzmin, affiliato al partito di opposizione russo Yabloko, sembrava approvare il rapporto. su Telegram.

Kuzmin ha detto di aver parlato con un autista che ha trasportato alcuni paracadutisti dalla Bielorussia a Pskov, un’importante base per le forze aviotrasportate russe.

La forza aerea dell’esercito russo, VDV, ha subito pesanti perdite in Ucraina, che ha subito enormi perdite Declassare il loro precedente status di “elite”..

Un’unità all’interno del VDV, il famoso 331st Ranger Parachute Regiment, perse il suo comandante, il colonnello. Sergey Sukhareve almeno 39 altri membri.

READ  Una prolungata crisi sanitaria minaccia l'economia del Regno Unito

Le forze russe hanno subito pesanti perdite da quando hanno iniziato la loro invasione dell’Ucraina, indicano i rapporti Il morale si sta deteriorando.

I paracadutisti di Pskov non sono gli unici che si dice si siano rifiutati di combattere.

Almeno 11 membri della Guardia nazionale russa si sono ribellati nella regione di Khakassia, NEWSETTIMANA È stato riportato, citando il notiziario in lingua russa New Focus.

L’avvocato per i diritti umani Pavel Chekhov ha dichiarato su Telegram che il capitano Fred Shetav e 11 dei suoi subordinati a Rosgvardia si sono rifiutati di invadere l’Ucraina il 25 febbraio perché gli ordini erano “illegali”, ha detto Newsweek.

Alcuni russi catturati hanno detto che i loro leader menti loro Sul piano per invadere l’Ucraina, che li ha resi impreparati a una feroce resistenza.

Nonostante i numerosi vantaggi dell’esercito russo, non è riuscito a ottenere la rapida vittoria che aveva sperato in Ucraina.

Il capo dell’intelligence britannica Jeremy Fleming ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin ‘sbagliato ampiamente’ Era la situazione prima dell’invasione, in parte perché i suoi consiglieri avevano “paura di dirgli la verità”.

La NATO ha stimato il mese scorso che tra 7000 e 15.000 soldati russi Sono stati uccisi durante i combattimenti in Ucraina.

Con una rara ammissione franca, un portavoce del Cremlino lo ha ammesso Notizie del cielo E giovedì ha annunciato che la Russia “ha subito pesanti perdite di truppe, il che è una grande tragedia per noi”.