Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ah! Il prossimo supercontinente del mondo, Amasya

Ah!  Il prossimo supercontinente del mondo, Amasya

Possibile formazione di Amasya dopo 280 milioni di anni nel futuro. Credito: Università di Curtin

Una nuova ricerca ha scoperto che il prossimo supercontinente del mondo, Amasia, si formerà probabilmente quando l’Oceano Pacifico si chiuderà tra 200 e 300 milioni di anni.

Un gruppo di ricerca guidato dalla Curtin University ha utilizzato un supercomputer per simulare la formazione di un supercontinente. Hanno scoperto che, poiché la Terra si è raffreddata per miliardi di anni, lo spessore e la forza delle placche sotto gli oceani diminuiscono nel tempo, rendendo difficile l’assemblaggio del prossimo grande continente chiudendo gli oceani “giovani”, come l’Atlantico o gli oceani indiani. Lo studio è stato recentemente pubblicato in Rassegna scientifica nazionale.

Secondo l’autore principale, il dottor Chuan Huang, dell’Earth Dynamics Research Group di Curtin e della School of Earth and Planetary Sciences, le nuove scoperte sono significative e forniscono informazioni su ciò che accadrà alla Terra nei prossimi 200 milioni di anni.

“Negli ultimi 2 miliardi di anni, i continenti della Terra si sono scontrati insieme per formare un supercontinente ogni 600 milioni di anni, noto come il ciclo del supercontinente. Ciò significa che gli attuali continenti si incontreranno di nuovo entro poche centinaia di milioni di anni”, ha affermato il dott. Huang.

“Il nuovo supercontinente risultante è già stato chiamato Amasya perché alcuni credono che l’Oceano Pacifico si chiuderà (al contrario dell’Oceano Atlantico e dell’Oceano Indiano) quando l’America entrerà in collisione con l’Asia. Anche l’Australia dovrebbe svolgere un ruolo in questo importante evento terrestre, in primo luogo scontrandosi con l’Asia e poi collegando l’America e l’Asia una volta chiuso il Pacifico.

“Simulando l’evoluzione delle placche tettoniche della Terra utilizzando un supercomputer, siamo stati in grado di dimostrare che in meno di 300 milioni di anni, l’Oceano Pacifico probabilmente si chiuderà, consentendo la formazione di Amasia, sfatando alcune precedenti teorie scientifiche”.

L’Oceano Pacifico è ciò che resta del gigante Panthalassa, che iniziò a formarsi 700 milioni di anni fa, quando l’ex supercontinente iniziò a disintegrarsi. È l’oceano più antico che abbiamo sulla Terra e si è ridotto dalla sua dimensione massima dai tempi dei dinosauri. Attualmente, le sue dimensioni si stanno riducendo di alcuni centimetri all’anno. Si prevede che l’Oceano Pacifico, le cui dimensioni attuali sono di circa 10mila chilometri, impiegheranno duecentotrecento milioni di anni per chiudersi.

Il controllo del mondo intero da parte di una singola massa continentale altererebbe drammaticamente l’ecosistema terrestre, secondo il coautore John Curtin Distinguished Professor Zheng-Xiang Li, anche lui della Curtin School of Earth and Planetary Sciences.

“La Terra come la conosciamo sarà molto diversa quando si formerà Amasia. Il livello del mare dovrebbe essere più basso e il vasto interno del supercontinente sarà estremamente arido con temperature giornaliere in aumento. “

“La Terra è attualmente composta da sette continenti con ecosistemi e culture umane molto diverse, quindi sarebbe bello pensare a come potrebbe apparire il mondo tra 200 e 300 milioni di anni”.

Riferimento: “Il prossimo supercontinente della Terra si riunirà chiudendo l’Oceano Pacifico?” Di Chuan Huang, Zheng-Xiang Li e Nan Zhang, 28 settembre 2022 Disponibile qui. Rassegna scientifica nazionale.
DOI: 10.1093/nsr/nwac205

La ricerca è stata co-autrice di ricercatori della Curtin School of Earth and Planetary Sciences e dell’Università di Pechino in Cina.

READ  La splendida foto del telescopio spaziale di James Webb diventa un vestito