Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Amazon deve affrontare una causa da 1 miliardo di dollari nel Regno Unito per aver favorito i propri prodotti

Amazon deve affrontare una causa da 1 miliardo di dollari nel Regno Unito per aver favorito i propri prodotti
  • L’avvocato dei consumatori fa causa per i clienti
  • Amazon afferma che il lavoro di squadra è “inutile”
  • Il caso si concentra sulla funzione “Buy Box” sul mercato

LONDRA, 20 ottobre (Reuters) – Amazon.com Inc (AMZN.O) Stanno affrontando una causa in Gran Bretagna per danni fino a 900 milioni di sterline (miliardi di dollari) per le accuse secondo cui il mercato online ha abusato della sua posizione dominante a favore dei propri prodotti, hanno affermato gli avvocati.

Gli avvocati che la rappresentano hanno affermato che l’avvocato dei consumatori Julie Hunter ha in programma di intraprendere un’azione collettiva per conto dei consumatori britannici che hanno effettuato acquisti su Amazon da ottobre 2016.

Il caso proposto – che Amazon ha definito “infondato” – sarebbe l’ultima azione collettiva contro il gigante della tecnologia da intentare presso la London Competition Court of Appeal (CAT).

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo studio legale Housefield, che rappresenta Hunter, ha dichiarato giovedì che Amazon ha violato la legge sulla concorrenza utilizzando un “algoritmo segreto e privilegiato” per promuovere i suoi prodotti attraverso la funzione Buy Box sul suo sito web.

“Lungi dall’essere una raccomandazione basata sul prezzo o sulla qualità, Buy Box preferisce i prodotti venduti dalla stessa Amazon o dai rivenditori che pagano Amazon per gestire la propria logistica”, ha affermato Hunter in una nota. Sono di fatto esclusi”.

“Questa accusa è infondata e siamo fiduciosi che verrà chiarita attraverso il processo legale”, ha affermato un portavoce di Amazon in una nota.

Il caso dovrebbe essere depositato presso il Comitato contro la tortura entro la fine di questo mese e dovrà essere ratificato dal tribunale prima di procedere.

READ  Azioni e obbligazioni scendono, il dollaro è caldo mentre i tassi di interesse salgono Di Reuters

Sono offerti su base “opt-out”, il che significa che tutti i potenziali ricorrenti saranno inclusi nella richiesta a meno che non scelgano di rinunciare.

Il caso arriva sulla scia del cane da guardia dell’antitrust britannico che ha annunciato a luglio che stava indagando su Amazon per sospette violazioni delle leggi sulla concorrenza, incluso il modo in cui seleziona quali prodotti sono inseriti nella sua funzione Buy Box.

Amazon ha affrontato indagini simili altrove, avendo recentemente fatto un’offerta alla Commissione Europea per evitare sanzioni antitrust potenzialmente enormi nell’Unione Europea.

La piattaforma ha anche rifiutato di descrivere il suo sistema di ricerca dei prodotti all’autorità di regolamentazione della concorrenza australiana, che ha ricevuto lamentele da grandi piattaforme di mercato che privilegiano gli strumenti interni.

Il Comitato contro la tortura ha autorizzato una richiesta di risarcimento danni da 920 milioni di sterline (1,1 miliardi di dollari) contro Google (GOOGL.O) a luglio e concordato Un altro caso da 1,7 miliardi di sterline contro Apple (AAPL.O) a maggio.

Il tribunale dovrebbe anche decidere a gennaio se dare il via libera a un reclamo per un valore fino a 2,2 miliardi di sterline contro le piattaforme Meta. (META.O)titolare di Facebook e Instagram, per presunti comportamenti anticoncorrenziali.

Google e Apple negano le accuse, secondo i documenti del tribunale, e Meta non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Sam Tobin) Montaggio di Andrew Heavens

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.