Luglio 13, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La UAW inizia gli scioperi in 3 fabbriche del Midwest

La UAW inizia gli scioperi in 3 fabbriche del Midwest

Migliaia di membri del sindacato United Auto Workers hanno scioperato venerdì in tre stabilimenti in tre stati del Midwest in quello che è stato il primo sciopero simultaneo che ha colpito tutte e tre le case automobilistiche di Detroit.

Il sindacato e le aziende – General Motors, Ford Motor Co. e Stellantis, la società madre di Chrysler – sono rimasti bloccati nelle trattative su un nuovo accordo di contrattazione collettiva quando l’attuale contratto è scaduto alle 23:59 di giovedì.

Con l’avvicinarsi della scadenza, i lavoratori hanno iniziato a recarsi negli stabilimenti presi di mira – in Michigan, Missouri e Ohio – per protestare.

Inizialmente, lo sciopero fermerebbe uno stabilimento di proprietà di ciascuna casa automobilistica e potrebbe costringere le case automobilistiche a fermare la produzione in altre località, scuotendo le economie locali nelle città industriali del Midwest.

“Stiamo utilizzando una nuova strategia”, ha detto il presidente del sindacato Sean Fine in un video pubblicato su Facebook giovedì sera. “Chiediamo a un gruppo selezionato di residenti locali di alzarsi e scioperare”.

Durante gli 88 anni dalla sua fondazione, il sindacato ha indetto scioperi contro un singolo produttore di automobili, alcuni dei quali hanno fermato la produzione per diverse settimane. Gli stabilimenti GM sono rimasti inattivi per 40 giorni nel 2019 prima che l’azienda e il sindacato concordassero un nuovo contratto.

Gli stabilimenti in cui si prevede lo sciopero di venerdì rappresentano solo una piccola frazione di tutti gli stabilimenti sindacalizzati di General Motors, Ford e Stellantis e dei 150.000 membri della UAW.

“Si tratta sicuramente di un approccio diverso, e Fine parla duro e ha proposte difficili”, ha affermato Dennis Devaney, ex membro del National Labor Relations Board e avvocato del lavoro a Detroit.

Le fabbriche interessate includono lo stabilimento GM di Wentzville, Missouri, che produce la GMC Canyon e la Colorado, e il complesso Stellantis a Toledo, Ohio, che produce la Jeep Gladiator e la Wrangler. Nello stabilimento di assemblaggio Ford del Michigan a Wayne, che costruisce il Bronco insieme al camion Ranger, solo i lavoratori usciranno dall’area di assemblaggio e dal reparto di verniciatura, ha detto Fine.

Secondo il sindacato, lo stabilimento della General Motors impiega 3.600 lavoratori orari, mentre lo stabilimento della Stellantis ne impiega 5.800. Saranno colpiti circa 3.300 lavoratori in uno stabilimento di assemblaggio Ford nel Michigan, ha affermato il sindacato.

Il sindacato ha chiesto un aumento salariale del 40% nei prossimi quattro anni, sottolineando che i pacchetti retributivi per gli amministratori delegati delle tre società sono aumentati in media di questo importo negli ultimi quattro anni.

Fine, che quest’anno è entrato in carica come presidente del sindacato, ha anche chiesto aggiustamenti del costo della vita che spingano i salari più in alto in risposta all’inflazione, accorciando le settimane lavorative, migliorando le pensioni e l’assistenza sanitaria e misure di sicurezza del lavoro come la capacità di lavorare. lavoro. Colpire gli impianti destinati alla chiusura. Inoltre, vuole apportare modifiche alla scala retributiva che avvia i nuovi dipendenti a circa 17 dollari l’ora e richiede otto anni per raggiungere il salario massimo della UAW di 32 dollari l’ora.

GM ha detto giovedì che la sua ultima offerta include un aumento salariale del 20% per tutta la durata del nuovo contratto, compreso un aumento del 10% nel primo anno, e aggiustamenti del costo della vita, ma solo per i dipendenti più anziani. GM ha anche affermato che consentirà ai nuovi dipendenti di raggiungere la retribuzione più alta dopo quattro anni di lavoro.

“Abbiamo presentato un’offerta irresistibile e senza precedenti”, ha detto il CEO di GM Mary T. Barra in un video pubblicato giovedì sera sul sito web della società. “Affronta ciò che ci hai detto essere più importante: crescita dei salari, sicurezza del lavoro e stabilità a lungo termine”.

Ha anche indicato che soddisfare la maggior parte o tutte le richieste del sindacato potrebbe danneggiare le prospettive dell’azienda, poiché ha investito decine di miliardi di dollari nella transizione alle auto elettriche.

“Siamo a un bivio nel nostro percorso per trasformare l’azienda”, ha affermato. “Non commettere errori: se non continuiamo a investire, perderemo terreno, e ciò avverrà rapidamente. In uno sciopero non vince nessuno.”

Anche Ford e Stellantis hanno presentato nuove proposte al sindacato nelle 48 ore precedenti la scadenza, ma non hanno rivelato i dettagli.

L’amministrazione Biden ha dichiarato giovedì che il presidente Biden ha parlato con Fine e con i leader delle aziende automobilistiche sullo stato dei negoziati. Un alto funzionario della Casa Bianca ha affermato che Biden non sta facendo pressioni sulle aziende o sul sindacato sui dettagli, ma sta incoraggiando tutte le parti a rimanere al tavolo e assicurarsi che i lavoratori ottengano un contratto giusto.

Le richieste del sindacato per salari molto più alti e nuovi benefici rappresentano un netto cambiamento rispetto agli ultimi 20 anni, quando le case automobilistiche erano in difficoltà e la UAW doveva accettare grandi concessioni per aiutare le aziende a sopravvivere.

READ  Opinione: le azioni di Adobe sono state attaccate per aver speso 20 miliardi di dollari in Figma. Ma ora possiede un'azienda rara.

Ma recentemente, GM, Ford e Stellantis hanno riportato profitti quasi da record. Nella prima metà di quest’anno, Ford ha generato 3,7 miliardi di dollari e General Motors ha generato 5 miliardi di dollari. Stellantis ha riportato profitti per 11 miliardi di euro (circa 11,9 miliardi di dollari).

Il signor Fine, che è cresciuto come elettricista alla Chrysler e ha lavorato nella gestione sindacale prima di essere eletto presidente, ha condotto una campagna promettendo un approccio più aggressivo e conflittuale nelle trattative contrattuali di quest’anno.

Nei suoi discorsi ai membri del sindacato, ha spesso sottolineato la retribuzione degli amministratori delegati delle case automobilistiche. L’anno scorso, la signora Barra ha guadagnato 29 milioni di dollari. Jim Farley di Ford ha ricevuto 21 milioni di dollari, mentre il capo di Stellantis Carlos Tavares ha ricevuto un pacchetto del valore di circa 25 milioni di dollari.

Uno sciopero allargato ostacolerebbe la disponibilità di nuovi veicoli e porterebbe a prezzi più alti. Uno sciopero lungo avrebbe anche un impatto sulla catena di fornitura delle case automobilistiche e potrebbe danneggiare altre aziende poiché i lavoratori sopravvivono con 500 dollari a settimana di retribuzione di sciopero da parte del sindacato.

L’industria automobilistica sta ancora affrontando gli effetti persistenti della pandemia. La produzione è stata interrotta dopo la diffusione del virus Corona, che ha portato ad un forte calo della fornitura di veicoli Stock di automobili nazionali Si tratta di circa un quarto dell’inventario alla fine del 2019.

Michael D. Condividere Contributo ai rapporti.