Giugno 4, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Azioni, Notizie, Dati e Guadagni

Le azioni europee sono aumentate mercoledì poiché i dubbi degli investitori sulla salute del settore bancario hanno continuato ad allentarsi.

paneuropeo Stoxx 600 L’indice è salito dell’1,1% negli scambi pomeridiani, mentre le banche hanno guadagnato l’1,8%. I titoli tecnologici hanno invertito il calo di martedì con un guadagno del 2%, mentre il settore dei servizi finanziari è salito dell’1,7%.

Solo la vendita al dettaglio e le automobili sono state in rosso, avanzando su entrambi i lati della linea piatta per tutta la sessione.

Le azioni UBS sono aumentate del 4,5% nel pomeriggio dopo che la banca ha annunciato che Sergio Ermotti tornerà come CEO del gruppo dal 5 aprile dopo la recente acquisizione di Credit Suisse.

Pete Whitman, partner di Porta Advisors, ha affermato che il livello di rabbia pubblica per il “fallimento delle amministrazioni successive” al Credit Suisse, che ha supervisionato numerosi scandali, non deve essere sottovalutato.

“La fiducia deve essere ricostruita. La fiducia nel settore bancario in generale e la fiducia nei politici, e Sergio Ermotti è certamente qualcuno che può fornire stabilità e ispirare fiducia”, ha detto Whitman a “Squawk Box Europe” della CNBC.

Ermotti è stato Group CEO di UBS da novembre 2011 a ottobre 2020.

Martedì i mercati regionali hanno chiuso contrastanti poiché gli investitori sembravano essere in una modalità di attesa dopo la forte volatilità del mercato.

Le banche sono riuscite a chiudere in rialzo dopo una sessione caotica nonostante nuove cattive notizie mentre le autorità francesi hanno perquisito gli uffici di diverse grandi banche con l’accusa di riciclaggio di denaro e frode finanziaria.

READ  Un altro terremoto di 6,3 milioni in Turchia, la Siria provoca il panico

“Ogni giorno che passa rafforza il mercato e viene tracciata una linea sotto le preoccupazioni bancarie sistemiche (i problemi individuali sono un’altra questione)”, hanno detto gli analisti di ING Bank in una nota mattutina.

“Mentre i mercati hanno trascorso le ultime tre settimane alla ricerca di fratture sottili nel bilancio e nel modello di business di ogni banca, c’è la possibilità che molti scaffali siano già stati controllati per gli scheletri”.

Ora il quadro macroeconomico per i mercati, hanno affermato, è più probabile che porti a una stretta creditizia.