Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bill Weinstein lascia la carica di CEO di Verve – The Hollywood Reporter

Bill Weinstein lascia la carica di CEO di Verve – The Hollywood Reporter

L'agenzia letteraria Verve si è separata dal CEO Bill Weinstein.

“Ringraziamo Bill come co-fondatore e per i suoi 14 anni di servizio e non gli auguriamo altro che successo per il suo futuro”, ha dichiarato lunedì la leadership di Verve in una nota.

L'agenzia non ha fornito alcuna motivazione, sebbene la decisione sia stata “presa dopo ponderate deliberazioni da parte della leadership di Verve e approvata dal consiglio di amministrazione e dai proprietari di Verve”, secondo l'e-mail che annunciava la cacciata. Alcune fonti hanno affermato che questa mossa potrebbe essere finanziaria. L'agenzia, che si concentra principalmente sulle opere letterarie, è stata duramente colpita durante gli scioperi dell'anno scorso. Ciò, unito alla crisi del settore televisivo, sta colpendo molte aziende e l’agenzia potrebbe non fare eccezione. La società ha rifiutato le offerte di acquisizione di Gersh l'estate scorsa.

Verve non nominerà un nuovo amministratore delegato. Le responsabilità per questo ruolo saranno condivise dai fondatori e dal socio amministratore, Liz Parker.

Weinstein è stato nominato CEO nel gennaio 2023. È stato cofondatore insieme a Brian Besser e Adam Levine. Il trio ha lasciato WME dopo che è stata acquisita da Endeavour e ha lanciato il proprio negozio nel 2010.

Weinstein ha assunto un ruolo più attivo a Hollywood al di fuori della recitazione quando è stato coinvolto nelle trattative con la Writers Guild durante i controversi colloqui sulle tariffe di confezionamento e sulla produzione di affiliazione nel 2019. Ha portato Verve a rompere i ranghi per firmare un codice di condotta degli scrittori prima della major. le agenzie hanno concluso i propri accordi.

READ  Kate Middleton arriva al Platinum Jubilee con tre bambini

L'elenco dei clienti di Weinstein includeva Sarah Hess, Michael Arendt, Mike Jones, James Shamos e altri.