Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Boys in the Boat” prende licenze drammatiche con la sua storia di canottaggio

“Boys in the Boat” prende licenze drammatiche con la sua storia di canottaggio

Lui gioca

Dieci anni fa, la storia di un nuovo libro sulla grinta e l'avventura ha rapidamente conquistato critici e lettori. Questa storia è ora l'ultimo lavoro da regista di George Clooney, “The Boys in the Boat” (ora nei cinema).

Ambientato negli anni '30, il film si concentra su Joe Rantz (Callum Turner), un ragazzo povero la cui frequenza all'Università di Washington è finanziata in parte dalla sua capacità di remare per la squadra dell'equipaggio della scuola. “The Boys” ci accompagna nell'improbabile viaggio di questa squadra verso la vittoria sui rivali universitari meglio finanziati e, infine, sulla squadra tedesca di Hitler alle Olimpiadi di Berlino del 1936. Questa storia vera è stata raccontata anche nel documentario dell'American Experience del 2016 “The Boys of '36”. ', che ora è in streaming PBS.org E YouTube.

Ma come per quasi tutti i lungometraggi sviluppati da un libro di saggistica, sono stati creati tagli e riduzioni per creare un film teso di due ore. Questo è stato il caso del materiale originale, “The Boys in the Boat: Nine Americans and Their Epic Quest for Gold at the 1936 Berlin Olympics”.

L'autore Daniel James Brown ha avuto alcune delle prime conversazioni con Clooney sull'adattamento del suo libro del 2013. “Ha catturato lo spirito della storia, ma non mi aspettavo che copiasse il libro”, afferma Brown. Brown evidenzia alcune delle maggiori differenze tra il libro e il film.

Intervista a USA Today: Come George Clooney ha finalmente realizzato un film di rafting “sexy” con “The Boys in the Boat”

READ  Henry Winkler ha 78 anni! L'icona di Happy Days viene presentata con una torta "salta lo squalo" in onore dell'iconico momento di Fonz

Il programma per l'equipaggio vincitore dell'Università di Washington era accurato?

Gli eventi culminati con la vittoria della squadra junior dell'Università di Washington alle Olimpiadi di Berlino sono durati tre anni, ma nel film “tutto è compresso nel 1936, l'anno in cui tutto si è riunito”, sottolinea Brown. Questa strategia “ha senso, a meno che tu non stia realizzando una serie TV (più lunga)”.

Ma la pressione lascia fuori alcuni dettagli importanti sulla dura educazione di Rantz. “C'è stato un momento al liceo, ed era una giornata piovosa e l'auto era piena di suo padre, la sua matrigna e i suoi figli, e loro hanno detto: 'Stiamo partendo, non ti porteremo'”, Brown dice. “È la pietra di paragone della sua storia e rende difficile fidarsi delle persone.”

Lui gioca

Clip esclusiva di “The Boys in the Boat”: il ritorno degli Underdog Rowers

La squadra di canottaggio dell'Università di Washington rivisita la regata di Poughkeepsie del 1936 in una clip esclusiva da “The Boys in the Boat”.

L'allenatore dell'Università di Washington preferiva davvero la sua squadra universitaria junior a quella universitaria?

Brown afferma che è stato in parte dovuto alla forte abilità di Rantz nel canottaggio se la squadra junior dei Green dell'Università di Washington stava registrando tempi più veloci rispetto alla sua controparte veterana. Poiché questa tendenza continuò negli anni successivi, l'allenatore della squadra Al Olbrikson (interpretato da Joel Edgerton nel film) “prese la drammatica decisione di mandare la sua squadra JV alle competizioni della major league in Oriente”.

Questa mossa ha fatto arrabbiare molti dei sostenitori della scuola. “La cosa era seria perché molti dei rinforzi furono investiti nel personale universitario, e alcuni di loro avevano figli in quella squadra”, dice Brown. “Quindi era troppo rischioso per il suo futuro lavoro.”

READ  SRK: Shah Rukh Khan esprime gratitudine a David Beckham dopo aver ospitato una festa privata al Mannat, gli chiede di "dormire un po'"

Negli anni '30 le persone guardavano le gare degli equipaggi seduti su tribune mobili?

Un secolo fa, sport come il canottaggio e le corse di cavalli erano passatempi nazionali allo stesso modo del calcio e del baseball oggi, afferma Brown. E sì, i treni furono riconfigurati in modo da poter trainare le tribune lungo le sponde dei fiumi che ospitavano tali competizioni.

“Gli spettatori su questi treni di osservazione possono monitorare da vicino ogni gara mentre si svolge perché lungo il percorso si verificano molte dinamiche di corsa degli equipaggi”, afferma. E in un posto come Poughkeepsie, New York, il luogo della grande resa dei conti del film, la corsa era lunga quattro miglia, dice Brown.

La squadra vincitrice dell'Università di Washington doveva davvero raccogliere fondi per andare alle Olimpiadi?

Nel film, la celebrazione dell'Università di Washington dopo aver vinto il più alto riconoscimento universitario nel canottaggio viene immediatamente interrotta dalla notizia che il Comitato Olimpico degli Stati Uniti non può permettersi di inviare la squadra a Berlino. Così da un giorno all'altro è partita la campagna di raccolta fondi. “La mattina successiva fu formato un comitato direttivo e nel pomeriggio gli studenti vendevano badge cartacei, chiamavano le aziende per donazioni e in circa 48 ore avevano i 5.000 dollari necessari per il viaggio”, dice Brown.

Ma il momento di benessere nel film – quando l’allenatore della UC Berkeley ha firmato un assegno da 300 dollari per completare la raccolta fondi – non è mai avvenuto. “Ha detto che la squadra di Washington doveva andarsene, il che è stato coraggioso perché erano acerrimi rivali”, dice Brown. Ma non ha mai firmato un assegno.

READ  Frena il tuo entusiasmo Hai quasi ucciso (immaginario) Larry David

Un membro malato dell'equipaggio dell'Università di Washington ha davvero portato la squadra a una medaglia d'oro olimpica?

Il film descrive Hume come un ragazzo socialmente imbarazzante che fu l'ingrediente chiave nella grande vittoria della squadra di fronte a una folla che includeva il leader nazista arrabbiato Adolf Hitler. Hume supera la malattia per portare la sua squadra alla vittoria. “È tutto vero”, dice Brown. “Don Hume era quello che viene chiamato il remo del colpo; è il posto cruciale perché dà il tono a tutta la squadra.”

Come nel film, Hume si ammalò di una malattia respiratoria sulla nave diretta in Germania e le sue condizioni peggiorarono mentre la squadra si preparava per le gare. “Don era molto malato il giorno delle finali e non era del tutto chiaro se sarebbe riuscito ad arrivare alla fine”, afferma Brown. “La sua prestazione parla da sola.”

Il momento vincente alle Olimpiadi del 1936 è già finito?

Al culmine del film, una corsa per la medaglia d'oro molto contesa si conclude alla fine del film. Atleti e spettatori aspettano con ansia mentre il fotografo elabora il negativo per rivelare il risultato.

“Il finale era molto ravvicinato e nessuno sapeva chi avesse vinto”, afferma Brown. “Ci sono state foto scattate (dagli spettatori) di questo traguardo, ma non ho motivo di credere che abbiano scattato una foto per determinare chi ha vinto. Ma funziona alla grande; altrimenti sarebbero rimasti seduti sulla barca, ad aspettare.” “.