Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Centinaia di manifestanti filo-palestinesi si riuniscono a Washington per commemorare il presente e il doloroso passato

Centinaia di manifestanti filo-palestinesi si riuniscono a Washington per commemorare il presente e il doloroso passato

Centinaia di manifestanti si sono radunati vicino al Campidoglio degli Stati Uniti, scandendo slogan filo-palestinesi e criticando i governi israeliano e statunitense.

WASHINGTON – Centinaia di manifestanti si sono radunati in vista del Campidoglio, cantando slogan filo-palestinesi e criticando i governi israeliano e americano mentre rappresentavano un presente doloroso – la guerra a Gaza – e un passato – l’esodo di massa di circa 700.000 palestinesi fuggiti o scappati. . Furono costretti a lasciare quello che oggi è Israele quando lo stato fu creato nel 1948.

Circa 400 manifestanti hanno sfidato la pioggia incessante per riunirsi al National Mall in occasione del 76° anniversario della cosiddetta Nakba, la parola araba per disastro. A gennaio, migliaia di attivisti filo-palestinesi si sono riuniti nella capitale del paese in una delle più grandi proteste degli ultimi tempi.

Ci sono stati appelli a sostenere i diritti dei palestinesi e a fermare immediatamente le operazioni militari israeliane a Gaza. Le frasi “Non c’è pace sulle terre rubate” e “Stop alle uccisioni, stop al crimine/Portate Israele fuori dalla Palestina” sono state scandite tra la folla.

“Biden, Biden, vedrai la tua eredità di genocidio”, hanno detto. Sabato il presidente democratico era ad Atlanta.

Reem Lababdi, studentessa del secondo anno della George Washington University, che ha detto di essere stata colpita con spray al peperoncino dalla polizia la settimana scorsa quando hanno fatto sgomberare un campo di protesta nel campus, ha riconosciuto che la pioggia sembrava far scendere i numeri.

READ  Circa 220 milioni di persone in Pakistan sono senza elettricità dopo le interruzioni di corrente in tutto il paese

“Sono orgogliosa di tutti coloro che sono venuti fuori con questo tempo per esprimere le loro opinioni e inviare il loro messaggio”, ha detto.

La commemorazione di quest’anno è stata alimentata dalla rabbia per il blocco in corso di Gaza. L’ultima guerra tra Israele e Hamas è iniziata quando Hamas e altri militanti hanno preso d’assalto il sud di Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo altri 250 in ostaggio. I militanti palestinesi detengono ancora circa 100 prigionieri e l’esercito israeliano ha ucciso più di 35.000 persone a Gaza, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, che non fa distinzione tra civili e combattenti.

C’è anche rabbia diffusa per la violenta repressione di diversi campi di protesta filo-palestinesi nelle università di tutto il Paese. Nelle ultime settimane, la polizia ha smantellato i campi a lungo termine in più di 60 scuole.

Dopo la guerra arabo-israeliana che seguì la fondazione di Israele, Israele rifiutò di consentire loro il ritorno perché ciò avrebbe portato ad una maggioranza palestinese all’interno dei confini di Israele. Invece, sono diventati una comunità di rifugiati apparentemente permanente che ora conta circa 6 milioni di persone, la maggior parte dei quali vive in campi profughi urbani simili a baraccopoli in Libano, Siria, Giordania e nella Cisgiordania occupata da Israele. A Gaza, i rifugiati e i loro discendenti costituiscono circa i tre quarti della popolazione.

___

Lo scrittore dell’Associated Press Joseph Krause da Gerusalemme ha contribuito a questo rapporto.

READ  La Russia dice all'Ucraina di abbandonare le armi nella battaglia di Severodonetsk