Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro israeliano Gantz promette di dimettersi a causa della mancanza di un piano per il dopoguerra

Il ministro israeliano Gantz promette di dimettersi a causa della mancanza di un piano per il dopoguerra

Fonte immagine, Immagini Getty

  • autore, Christy Cooney
  • Ruolo, notizie della BBC

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha minacciato di dimettersi a meno che il primo ministro Benjamin Netanyahu non presenti un piano postbellico per la Striscia di Gaza.

Gantz ha fissato l’8 giugno come scadenza per un piano volto a raggiungere sei “obiettivi strategici”, tra cui la fine del dominio di Hamas a Gaza e la creazione di un’amministrazione civile multinazionale per la Striscia.

Ha detto: “Se preferisci il nazionale al personale, troverai tra noi dei partner nella lotta”. “Ma se scegliamo la strada dei fanatici e portiamo l’intera nazione nell’abisso, dovremo lasciare il governo”.

Netanyahu ha respinto le dichiarazioni, descrivendole come “parole infondate” che significavano “una sconfitta per Israele”.

La spaccatura crescente arriva mentre i combattimenti si intensificano su entrambi i lati della Striscia di Gaza, con le forze israeliane che operano nella città meridionale di Rafah e nella città settentrionale di Jabalia, uno degli storici campi profughi di Gaza e un’area che l’esercito israeliano aveva precedentemente dichiarato di aver bonificato. Combattenti di Hamas.

Gantz ha parlato pochi giorni dopo che un altro membro del gabinetto di guerra, il ministro della Difesa Yoav Galant, aveva esortato Netanyahu a dichiarare pubblicamente che Israele non ha intenzione di assumere il governo civile e militare a Gaza.

Gallant ha affermato di aver sollevato la questione ripetutamente per mesi ma di non aver ricevuto risposta.

Sabato, in un discorso televisivo, Gantz ha detto a Netanyahu che “il popolo di Israele ti sta guardando”.

Ha detto: “Bisogna scegliere tra il sionismo e il cinismo, tra l’unità e le fazioni, tra la responsabilità e l’illegalità, tra la vittoria e il disastro”.

Tra i sei obiettivi strategici individuati figurano anche il ritorno di tutti gli ostaggi israeliani e stranieri ancora detenuti da Hamas a Gaza e il ritorno dei civili palestinesi sfollati nel nord di Gaza entro il 1° settembre.

Ha anche affermato che Israele deve continuare a cercare di normalizzare le relazioni con l’Arabia Saudita nel quadro di “un processo globale per stabilire un’alleanza con il mondo libero e l’Occidente contro l’Iran e i suoi alleati”.

In risposta alla lettera, Netanyahu ha affermato che soddisfare le richieste di Gantz porterebbe “alla fine della guerra, alla sconfitta di Israele, al rilascio della maggior parte degli ostaggi, al mantenimento di Hamas intatto e alla creazione di uno Stato palestinese”.

Il consiglio di guerra israeliano è stato formato dopo che Hamas ha attaccato le comunità israeliane vicino a Gaza il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo ostaggi.

Il Ministero della Sanità gestito da Hamas afferma che la campagna militare israeliana contro Hamas a Gaza ha ucciso 35.386 persone.

Commenta la foto, Israele sta spingendo i suoi carri armati e i suoi soldati a Jabalia, dove dice che Hamas si sta riorganizzando

Secondo quanto riportato dai media israeliani, anche il capo di stato maggiore dell’IDF, Herzi Halevy, ha sottolineato in privato a Netanyahu la necessità di una strategia del “giorno dopo”.

Si dice che Halevy abbia affermato che in assenza di un processo diplomatico per istituire un organo di governo diverso da Hamas, l’esercito sarebbe costretto a lanciare ripetute campagne per tenere a bada il gruppo.

Gantz ha proposto di formare un’amministrazione americana, europea, araba e palestinese che possa gestire gli affari civili a Gaza gettando le basi per un futuro governo alternativo.

Ha aggiunto che nel frattempo Israele potrebbe mantenere un certo grado di “controllo di sicurezza”.

A Jabalia, l’IDF ha affermato di essere impegnato in battaglie con gruppi armati palestinesi. I medici palestinesi hanno affermato che uno dei raid israeliani ha provocato la morte di 15 persone.

Hamas ha affermato che i “brutali raid” lanciati da Israele su Jabalia hanno provocato la morte di dozzine di civili e il ferimento di centinaia di altri.

Nella tarda serata di sabato, Israele ha anche emesso nuovi ordini di evacuazione per parti del nord di Gaza, affermando che gruppi armati avevano lanciato razzi verso il suo territorio.

La settimana scorsa, Israele ha iniziato le operazioni nella città meridionale di Rafah – che ai civili di Gaza era stato chiesto di evacuare – affermando che era necessario entrare nella città per prendere di mira le ultime roccaforti rimaste di Hamas.

Sabato ha lanciato attacchi aerei e raid su obiettivi nella parte orientale della città.

Philippe Lazzarini, direttore dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA), ha affermato che circa 800.000 palestinesi hanno lasciato Rafah in cerca di rifugio nella città distrutta di Khan Yunis o lungo la costa.

“Quando le persone si spostano, sono esposte al pericolo, senza un passaggio sicuro o protezione e ogni volta sono costrette a lasciare dietro di sé i pochi beni che hanno: materassi, tende, utensili da cucina e beni di prima necessità che non possono trasportare o pagare per il trasporto. .

“L’affermazione secondo cui le persone a Gaza possono spostarsi in aree “sicure” o “umanitarie” è falsa e ogni volta mette in grave pericolo le vite dei civili”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Biden, Jake Sullivan, arriverà in Israele domenica per colloqui con Netanyahu e dovrebbe ribadire l’opposizione dell’amministrazione Biden a qualsiasi attacco israeliano su larga scala a Rafah in assenza di un piano per proteggere i civili.

Sullivan sta tenendo colloqui con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman. I media ufficiali sauditi hanno affermato che hanno discusso di come aumentare gli aiuti a Gaza e di come realizzare uno Stato palestinese.