Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“City” dell’artista Michael Heizer aprirà nel deserto del Nevada dopo 50 anni

"City" dell'artista Michael Heizer aprirà nel deserto del Nevada dopo 50 anni

scritto da Benjamin Sutton

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da giornale d’artepartner editoriale di CNN Style.

City, l’imponente complesso di strutture e terreni all’aperto che l’artista Michael Heizer ha iniziato a costruire nel deserto del Nevada nel 1970, inizierà finalmente ad accogliere i visitatori pubblici il prossimo mese. L’apertura del sito il 2 settembre, più di 50 anni dopo l’inizio dei lavori, segna il raggiungimento del progetto più ambizioso e determinante per la carriera di Heizer.

città“Probabilmente la più grande opera d’arte contemporanea del pianeta, che si estende per oltre un miglio e mezzo e mezzo di larghezza, evocando la scala di siti antichi come le colline dei nativi americani, le capitali mesoamericane e i complessi devozionali egizi. Si trova nel il remoto Basin and Range National Monument nel Nevada centro-orientale, all’interno delle terre ancestrali di Nuwu (a sud di Payot) e Niue (a ovest di Shoshoney), a circa 160 miglia a nord di Las Vegas.

Per il primo anno di accesso al pubblico sarà ammesso solo un numero limitato di visitatori, con registrazione anticipata obbligatoria.

La città è stata descritta come forse la più grande opera d’arte contemporanea del mondo. a lui attribuito: Ben Blackwell

La creazione di “City” è stata inizialmente finanziata dallo stesso Heizer e alla fine ha ricevuto il sostegno di diversi influenti collezionisti, fondazioni e commercianti formando la Triple Aught Foundation nel 1998, che gestirà e manterrà il sito per gli anni a venire. La Fondazione, il cui consiglio di amministrazione include lo stesso Heiser, il direttore e CEO del Museo d’arte della contea di Los Angeles, Michael Govan, e il direttore del Museo d’arte moderna Glenn D. Ha creato una sovvenzione comunale di circa 30 milioni di dollari in finanziamenti iniziali.

READ  Le vere casalinghe di Dubai sono qui! Data di recitazione e premiere annunciata da Bravo

“Nel corso degli anni, a volte ho paragonato il progetto ‘City’ di Michael Heiser ad alcuni dei più importanti monumenti e città antiche”, afferma Jovan in una nota. “Ma ora lo sto solo paragonando a se stesso. È un’opera d’arte che riconosce i nostri motivi fondamentali per costruire e organizzare lo spazio, ma integra la nostra modernità, la nostra percezione e il nostro ragionamento anche nella soggettività della nostra esperienza umana del tempo e dello spazio come le tante storie delle civiltà che abbiamo costruito.”

Lo sforzo di Hazer per costruire "città" Ha una storia complessa che copre cinque decenni.  L'artista, 77 anni, crede che durerà per secoli.

La ricerca di Heiser per costruire una “città” ha una storia complessa che copre cinque decenni. L’artista, 77 anni, crede che durerà per secoli. a lui attribuito: Maria Conversa

La strada per costruire una “città” non è mai stata facile, poiché comporta la formazione di enormi cumuli di terra, lo spostamento di rocce e la costruzione di enormi strutture in cemento. Questo processo è stato talvolta ulteriormente complicato da fattori esterni. Nel 2014 e nel 2015, tra i timori di una contrazione del bacino e dell’areale, che potrebbe consentire uno sviluppo disturbato nei pressi del sito “Madina”, una coalizione di Capi museali Il defunto senatore del Nevada Harry Reid Ha combattuto per proteggere la regione attraverso petizioni pubbliche e leggi presentate al Congresso. E nel 2017, in nome dell’amministrazione Trump lui si è trasferito Per aprire terre precedentemente protette per estrarre risorse, alcune di esse lo erano ha riguardato Il progetto Heiser sarebbe tra i siti a rischio.

Forse in risposta a tali minacce, Heiser ha immaginato The City come un progetto che sarebbe continuato oltre una vita anche per l’arte contemporanea più apprezzata e stimolante.

“Il mio caro amico Richard Serra costruisce in acciaio di grado militare”, ha detto Egli ha detto In un profilo newyorkese del 2016 sul progetto, discute ampiamente del lavoro dello scultore americano del sito. “Tutte queste cose si scioglieranno. Perché la penso così? Gli Inca, gli Olmechi, gli Aztechi – tutte le loro opere d’arte sono state saccheggiate, rase al suolo, distrutte e il loro odore d’oro. Quando sono venuti qui per *nella* mia statua della ‘Città’, loro si renderebbe conto che ci vuole più energia che per distruggerla. Merita”.
Leggi altre storie da giornale d’arte qui.
READ  Buckingham Palace afferma che la regina Elisabetta non aprirà il parlamento del Regno Unito quest'anno