Maggio 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Classifica Honda Classic 2022, punteggi: Sepp Straka diventa il primo austriaco a vincere il PGA Tour

Classifica Honda Classic 2022, punteggi: Sepp Straka diventa il primo austriaco a vincere il PGA Tour

Il giocatore di golf in controllo della sua palla ha prosperato domenica quando le condizioni hanno vacillato alla fine della Honda Classic 2022. Seb Straka, il giocatore statisticamente più efficiente in campo dal tee al green nell’ultimo round, ha lottato per il 18° posto a Rainstorm Cannes Potrebbe essere di più adatto in un torneo aperto per sconfiggere Shane Lowry con un colpo e Kurt Kitayama con un colpo.

Questa vittoria è la prima del PGA Tour nella carriera di Straka e la prima di un austriaco nella storia dell’organizzazione.

L’uccellino di Straka in quest’ultimo gli ha permesso di finire un 3-under attraverso le ultime cinque buche e di segnarne 66, che sono quasi andate giù nel round di oggi. Era un simbolo del completo controllo che aveva in casa.

“Aspetta lì”, ha detto Straka alla NBC su ciò che avrebbe ricordato della settimana. “Il terzo round sicuramente non è stato il mio migliore, sono rimasto lì e ho fatto una buona corsa. Oggi ho colpito la palla molto bene e posso davvero trarre vantaggio”.

Straca ha iniziato l’ultimo round con cinque colpi su Daniel Berger, che è arrivato quarto con il suo 74esimo tiro, uno davanti al peggior round della giornata.

Il punto di svolta nel torneo è arrivato al 4 16esimo quando Straka ha versato un birdie da fuori il green. L’ho agganciato in cima a Lowry per la prima volta e ho ripetuto il calcio di chiusura sul numero 18. Straka, un battitore gentile da un tee, ha battuto il pilota a 334 yard dal traguardo, ha colpito il green e due da 48 piedi per il vincita.

Tra il mini-incidente di Berger e la rissa con l’ultimo camion, la presenza e l’equilibrio di Straka si sono distinti, specialmente nelle condizioni meteorologiche (letteralmente) tortuose.

READ  Chiusura della MLB: progressi compiuti, la lega estende la scadenza autoimposta alle 17:00 ET martedì

La vittoria di Straka è stata un bel piccolo inizio in cui è arrivato tra i primi 20 in due grandi tornei al Farmers Insurance Open di Torrey Pines e al Genesis Invitational al Riviera Country Club. Non è una vittoria che cambierà il percorso professionale di Straka, 29 anni, ma potrebbe sicuramente cambiare la sua stagione e creare nuove opportunità. Ora appartiene ai Master e ha anche un certo slancio nelle classifiche mondiali.

Anche se il suo gioco probabilmente non è all’altezza dei due ragazzi che ha battuto a casa (Laurie e Berger), in questo giorno è stato migliore di entrambi. Aveva più controllo su quello che stava facendo. Ha centrato tiri importanti e chiusi in quando il tempo stava vincendo. È facile provare il futuro o parlare ampiamente di cosa significano le vittorie, ma come lo spettacolo di Straka al 18 di domenica, spesso è molto gratificante vivere semplicemente il momento. Voto: A+

Ecco il resto delle nostre classi della Honda Classic 2022.

Shane Lowry (secondo): Laurie, che stava giocando al fianco di Berger, sembrava essere l’uomo per balzare e ripulire il pasticcio. Ha giocato le ultime 29 buche senza essere invisibile, ma non è riuscito a radunare un uccello in ritardo quando doveva prenderlo. Ha fatto riferimento al tempo e non si sbaglia.

“Ho giocato a golf, abbastanza buono da sentirmi come se avessi vinto il campionato”, ha detto Lowry. “Quel maltempo è arrivato proprio mentre stavamo licenziando il nostro punto di partenza a 18, che è stata una brutta pausa come ho avuto da un po’ di tempo. Sì, è dura. Ci sono ovviamente molti aspetti positivi da prendere dall’intero evento. Sai, probabilmente ho giocato alcuni dei migliori tipi di golf durante la mia carriera questa settimana, mi sento, su un campo da golf davvero difficile. E sai, lo porterò a The Players e spero di arrivarci una settimana.”

READ  Freddy Freeman dei Los Angeles Dodgers ha detto "qualcosa che non dimenticherò mai" al suo debutto in casa.

Lowry ha colpito un tiro debole al numero 18 che sembrava risentire della pioggia e ha dovuto giocare l’intera buca in caso di maltempo mentre Straca, che stava giocando davanti a lui, ha dovuto giocare il suo approccio solo sotto la pioggia. Lowry è arrivato secondo in campo dal tee al green e sta già supplicando gli dei del golf di completarlo in poco più di un mese. Grado: A

Reporter: Dicono che si rompa.
Laurie: “Speriamo tra cinque o sei settimane ad Augusta”.

Daniel Berger (quarto): Ho detto domenica mattina che dovremmo essere pronti a guardare Berger Waltz conquistare il suo quinto titolo, poi ha perso il suo vantaggio a metà del nono vantaggio quando ha commesso un doppio errore al terzo ed è andato 4 volte al giorno attraverso le sue prime sei buche. Quali erano i suoi problemi? Bene, quanto tempo hai? Ha colpito la palla male ma ha compensato orribilmente chiudendo in un bunker in ritardo davanti e tagliandosi la schiena in anticipo. Il problema più grande di domenica è stata la sua racchetta. Berger ha realizzato un (uno!) tiro più alto di 29 pollici.

“Mi sono sentito davvero bene oggi”, ha detto Berger. “Onestamente, mi sono preparato davvero bene e mi sono sentito bene. Semplicemente non ho fatto molti tiri, o nessun tiro, e se non tiri, non segni bene. Questo è quello che è successo oggi”.

È tragico quando sei il miglior giocatore in un campo a non essere l’ottavo consecutivo a convertire un vantaggio di cinque tempi (o più) da 54 buche, ma sarei più preoccupato se Berger non vincesse mai. Vince. Forse non tanto quanto la sua barba statistica ha da offrire, ma abbastanza da non essere interessato ad attribuire questo guasto a qualcosa di così brutto nel PGA National. Grado: A-

Brooks Koepka (T16): Il quattro volte vincitore principale ha ottenuto un ottimo traguardo domenica per salire tra i primi 20 della classifica. Questa è stata in realtà una proposta incoraggiante considerando il modo in cui gioca. Con un paio di tagli mancanti nei suoi ultimi tre tornei (confinati intorno al T3 a Phoenix), è bello vederlo avanzare tra i primi 20 su una pista difficile in un campo lontano dai grandi campionati. Ha anche concluso tra i primi 20 dal tee al green, un altro grande traguardo con il Players and Masters Championship proprio dietro l’angolo. Grado: B+

Ricky Fowler (T42): Come ex campione di questo evento, ho pensato che sarebbe stato un buon momento per dare un’occhiata a Fowler. Ha terminato T42 nella settimana, che in realtà è il suo miglior piazzamento dell’anno, ma le statistiche non erano molto buone. Fowler ha fatto il maggior danno al green ed è stato nella media (al massimo!) dal tee al green. Fowler ha del lavoro da fare se spera di qualificarsi per il master ad aprile. La parte che deve essere più frustrante se sei Fowler è che hai visto (e sentito) cosa serve per essere uno dei primi 10 giocatori al mondo, come era quando ha vinto qui nel 2017, e ora anche annusare i primi 100 sembra emaciato. Grado B