Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi in Medio Oriente: il secondo giorno di lanci di aiuti evidenzia l'urgenza dei bisogni dei residenti di Gaza

Crisi in Medio Oriente: il secondo giorno di lanci di aiuti evidenzia l'urgenza dei bisogni dei residenti di Gaza

La Giordania ha intensificato il coordinamento con i partner internazionali per inviare cibo e altre forniture ai residenti di Gaza questa settimana, in un difficile sforzo che ha evidenziato il disperato bisogno di Gaza mentre i gruppi umanitari hanno avvertito delle crescenti restrizioni sulla loro capacità di distribuire forniture.

L'esercito giordano ha dichiarato in un comunicato che martedì gli aerei provenienti dagli Emirati Arabi Uniti, dall'Egitto e dalla Francia si sono uniti ad un lancio aereo giordano lungo la costa di Gaza. È la prima volta che l'Egitto ritira gli aiuti aerei a Gaza dall'inizio della guerra, e sembra essere la prima volta anche per gli Emirati Arabi Uniti.

L'esercito giordano ha affermato che lunedì gli aerei giordani e francesi hanno lanciato aiuti, inviando pasti pronti e altri rifornimenti in diverse località di Gaza.

I gruppi di soccorso di solito consegnano i rifornimenti per via aerea Solo come ultima risorsadata l'inefficienza di questo metodo e il relativo costo rispetto alle consegne via terra, nonché i pericoli legati alla navigazione nello spazio aereo sopra la zona del conflitto e i rischi per le persone potenzialmente colpite quando i rifornimenti cadono a terra se non è possibile raggiungere una zona di lancio sicura stabilito.

Parte degli aiuti consegnati lunedì sono stati lanciati con il paracadute sul mare, ma l'esercito giordano ha detto che alcuni aiuti sono stati lanciati senza paracadute martedì, costringendo gli aerei a volare a una quota inferiore.

video

Lunedì grandi folle si sono radunate lungo la costa a Deir al-Balah, mentre la Giordania e la Francia lanciavano cibo e altri aiuti umanitari, alcuni dei quali finivano in mare.creditocredito…Alaa Fayyad, via X

Nonostante le restrizioni imposte sui lanci aerei, la Francia ha affermato che sta intensificando il suo lavoro con la Giordania perché “la situazione umanitaria a Gaza è molto urgente”, secondo Reuters. Dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri francese.

READ  La sorella del leader iraniano condanna il suo governo e sollecita le guardie a disarmarlo

La dichiarazione afferma: “Con il crescente numero di civili a Gaza che muoiono di fame e malattie, sono necessari più modi per fornire aiuti, compreso il porto di Ashdod in Israele, a nord di Gaza”.

Le riprese video riprese lunedì hanno mostrato un gruppo di paracadute cadere in mare vicino alla città di Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza. Uomini su piccole imbarcazioni sono usciti attraverso le acque agitate per recuperare gli aiuti, osservati da una folla di centinaia di persone che si sono precipitate a prendere i pacchi non appena hanno raggiunto la riva.

Alaa Fayyad, uno studente di veterinaria che ha filmato una scena sulla spiaggia e l'ha pubblicata online, ha detto che gli aiuti non hanno raggiunto molto. Ha detto: “È stato triste vedere persone che conosco bene correre e affollarsi per chiedere aiuti, e questo non basta”.

Il Ministero degli Affari Esteri francese ha affermato che un aereo dell'aeronautica francese ha partecipato lunedì all'operazione di lancio, insieme a tre aerei della sua controparte giordana, che hanno sganciato più di due tonnellate di cibo e forniture igieniche.

Questa quantità è di gran lunga inferiore a quella che un singolo camion può trasportare di rifornimenti, e in totale rappresenta solo una frazione di ciò che secondo le Nazioni Unite è necessario alla popolazione di Gaza di oltre due milioni di persone.

video

Il lettore video si sta caricando
Gli aerei giordani hanno lanciato cibo e forniture mediche con il paracadute nella zona centrale e meridionale di Gaza. Sono state viste persone remare su una barca per raccogliere aiuti mentre cadeva in mare.creditocredito…Ibrahim Abu Mustafa – Reuters

La Giordania ha iniziato i lanci aerei a novembre e da allora ha completato più di una dozzina di missioni, in gran parte mirate a rifornire i suoi ospedali da campo a Gaza. Almeno una missione di lancio aereo è stata effettuata congiuntamente alla Francia a gennaio, una delle quali con la Francia Olanda Nel mese di febbraio, e uno con gli aiuti forniti da Gran Bretagna la settimana scorsa.

READ  Ken Tanaka, la persona più anziana del mondo, è morto in Giappone all'età di 119 anni

Nei precedenti lanci aerei, la Giordania ha affermato di aver coordinato i suoi sforzi con le autorità israeliane, che hanno insistito per ispezionare tutti gli aiuti che entravano a Gaza. Lunedì l’esercito israeliano ha confermato di aver approvato il lancio.

Si sono intensificate le richieste di lanci aerei coordinati a livello internazionale, mentre le organizzazioni umanitarie hanno avvertito allo stesso tempo che la crisi alimentare a Gaza ha raggiunto il punto di non ritorno e che alcuni ostacoli alla distribuzione degli aiuti tradizionali sono diventati insormontabili.

La settimana scorsa, il Programma alimentare mondiale ha interrotto le consegne di cibo nel nord di Gaza, affermando che, nonostante i disperati bisogni della zona, non poteva operare in sicurezza in mezzo agli spari e al “crollo dell’ordine civile” degli ultimi giorni. Il Programma alimentare mondiale e altre agenzie umanitarie delle Nazioni Unite hanno ripetutamente avvertito che le autorità israeliane stanno sistematicamente ostacolando il loro accesso al nord di Gaza, chiedendo al governo di allentare le sue restrizioni. Israele ha negato di aver impedito l'arrivo degli aiuti.

La sospensione delle consegne del Programma alimentare mondiale nell’area tanto necessaria suggerisce che, nonostante le numerose restrizioni, i lanci aerei potrebbero essere una delle poche opzioni rimaste per consegnare rapidamente cibo nel nord di Gaza, secondo Ahmed Fouad Al-Khatib, analista politico del Medio Oriente. Chi è cresciuto in tasca. Ha detto che i lanci aerei della Giordania costituiscono un “precedente decisivo” per la fattibilità di questo approccio.

Fouad Al-Khatib ha affermato: “Volere semplicemente un cessate il fuoco o semplicemente volere una migliore cooperazione israeliana” non è sufficiente. “Dobbiamo agire adesso.”

READ  11 novembre 2023 Guerra tra Israele e Hamas

Matthew Mbok Grande E Nadir Ibrahim Contributo ai rapporti.