Maggio 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Da Twitter a X: Elon Musk inizia a spazzare via un famoso marchio online

Da Twitter a X: Elon Musk inizia a spazzare via un famoso marchio online

Da più di 10 anni, Twitter è famoso per il suo logo con l’uccello bianco e blu, che è diventato un simbolo della cultura e del lessico unico del social network. È diventato davvero “Twitter”. “Tweet” si riferisce a un post. “Boobs” è diventato un soprannome per i dipendenti di Twitter.

Domenica scorsa, Elon Musk ha iniziato a scrollarsi di dosso tutto.

Il miliardario tecnologico, che ha acquistato Twitter l’anno scorso, ha rinominato la piattaforma social X.com sul suo sito Web e ha iniziato a sostituire il logo dell’uccello con una versione semplificata della 24a lettera dell’alfabeto latino. All’interno del quartier generale di Twitter a San Francisco, i loghi X sono stati visualizzati nella caffetteria, mentre le sale conferenze sono state rinominate con parole contenenti X, tra cui “eXposure”, “eXult” e “s3Xy”, secondo le immagini viste dal New York Times.

Il signor Musk ha a lungo affermato che potrebbe cambiare il nome, ma ha affrettato il processo tweet all’inizio di domenica quando ha annunciato che “presto diremo addio al marchio Twitter e, gradualmente, a tutti gli uccelli”. Ha detto che spera di trasformare Twitter in una “app di tutto” chiamata X, che includerà non solo il social networking, ma anche operazioni bancarie e acquisti.

Lunedì presto, anche Mr. Musk Condividi una foto di una X gigante esposta sull’edificio degli uffici di Twitter a San Francisco con la didascalia: “Siamo a casa stasera”.

Le mosse – che sono ancora in corso – sono i cambiamenti più significativi che Musk ha apportato a Twitter da quando ha concluso l’accordo per l’acquisto della società a ottobre. Dietro le quinte, ha compiuto diversi passi per rinnovare l’azienda, licenziando migliaia di dipendenti e modificando le funzionalità della piattaforma, inclusi i badge destinati a verificare gli utenti, nonché le regole che disciplinano ciò che si può e non si può dire sul servizio.

READ  Le azioni statunitensi ed europee sono aumentate nella speranza che la Fed rallenti il ​​ritmo degli aumenti dei tassi di interesse

Tuttavia, era impossibile ignorare i cambiamenti nel nome e nel logo. E iniziando a cancellare il nome di Twitter, Mr. Musk ha buttato via un marchio consolidato che esisteva dal 2006 – quando la società è stata fondata – e che ha deliziato e frustrato celebrità, politici, atleti e altri utenti in egual misura. Twitter ha introdotto la mascotte Blue Bird nel 2010 e l’ha aggiornata due anni dopo.

Molti utenti di Twitter, che hanno passato anni a twittare e costruire la loro presenza sul sito, sembravano esclusi dal turno. “Hai visto tutti il ​​nuovo logo (rimovibile)?” L’attore Mark Hamill cinguettio lunedì, con l’hashtag #ByeByeBirdie. Altri hanno visto la mossa come l’ultimo schiaffo di Mr. Musk sul sito, con alcuni che hanno ostinatamente affermato che avrebbero continuato a connettersi a Twitter e avrebbero continuato a “twittare”.

Quando i marchi diventano verbi, è il “Santo Graal”, ha affermato Mike Proulx, vicepresidente e direttore della ricerca di Forrester, perché significa che sono diventati parte della cultura popolare.

“L’app stessa è diventata un fenomeno culturale a tutti gli effetti”, ha affermato. “In un colpo solo, Elon Musk ha sostanzialmente cancellato 15 anni di valore del marchio da Twitter e ora sta praticamente ricominciando da zero”.

Il signor Musk ha rischiato l’ira degli utenti di Twitter che non poteva permettersi di turbare. La sua azienda sta affrontando difficoltà finanziarie e una crescente concorrenza, con il rivale Meta che ha lanciato questo mese un’app per conversazioni pubbliche in tempo reale chiamata Threads. La nuova app ha raggiunto rapidamente i 100 milioni di download in meno di una settimana, sebbene l’utilizzo dell’app sia sotto esame.

Mike Carr, co-fondatore della società di branding NameStormers, ha affermato che il logo X di Musk potrebbe essere interpretato come dotato di una minacciosa atmosfera da “Grande Fratello”. A differenza del Blue Bird, che ha descritto come caldo e accattivante ma forse un po’ datato e gravato da cattiva stampa, il nuovo logo è “piuttosto duro”, dice.

READ  NTSB raccomanda tecniche per ridurre la guida in stato di ebbrezza e l'eccesso di velocità nei nuovi veicoli

Tuttavia, ha evocato frasi come “una X segna il posto” e potrebbe aiutare il signor Musk a distinguere la piattaforma dal suo bagaglio di Twitter, ha detto il signor Carr.

“Se commettono questo errore e si tratta di qualcun altro oltre a Elon Musk, corre un rischio maggiore perché le persone possono iniziare a prenderlo in giro”, ha affermato Carr, che ha contribuito a trovare nomi per migliaia di clienti, tra cui CarMax, l’azienda di auto usate.

Nome X è da tempo interessato a Mr. Musk e nel 1999 ha contribuito a fondarlo X. com, una banca online. La società ha cambiato nome dopo essersi fusa con un’altra startup per formare quella che sarebbe diventata PayPal.

Nel 2017, Musk ha affermato di aver riacquistato il dominio X.com da PayPal. “Nessun piano al momento, ma ha un grande valore sentimentale per me”, ha detto cinguettio puntuale.

Tesla, il produttore di auto elettriche di Mr. Musk, ha anche un SUV chiamato Model X. Uno dei figli di Mr. Musk, l’X Æ A-12 Musk, è spesso chiamato X in breve. Le holding create per chiudere l’acquisizione di Twitter si chiamano X Holdings. Il signor Musk guida anche una società di intelligenza artificiale chiamata xAI.

“Amo la lettera X” Pubblicare Domenica.

Il signor Musk ha mostrato disprezzo per la cultura passata dell’azienda su Twitter. Ha sostenuto il numero di riferimenti di uccelli nei nomi e nei prodotti del team interno dell’azienda. Ad un certo punto, ha cambiato il nome della sua funzione di convalida in crowdsourcing in Community Feedback from Birdwatching. Di recente ha anche taggato qualcuno su Twitter nel suo quartier generale di San Francisco.

READ  L'aumento salariale di 20 dollari in California per le attività di fast food inizierà lunedì

Tra coloro che non sembravano infastiditi dal cambiamento c’era Jack Dorsey, fondatore ed ex CEO di Twitter. Lunedì ha detto in un tweet che mentre il rebranding non è “necessario” per raggiungere la visione di Mr. Musk, c’era un motivo per farlo.

“Il marchio Twitter porta un sacco di bagagli”, ha detto Dorsey libri. “Ma tutto ciò che conta è l’utilità che fornisce, non il nome.”

Martin Graser, un artista di San Francisco parte di una squadra nel 2011, che ha contribuito a progettare l’ultimo logo di Twitter Bird, ha affermato che mirava a trasmettere “semplicità, brevità e chiarezza”. Ha detto che l’obiettivo era avere un logo memorabile come Apple o Nike.

Il signor Grasser ha detto che il signor Musk può fare quello che vuole con il marchio, ma “la mia speranza è che l’uccello occupi uno spazio nella cultura che sia un ricordo felice o diventi uno di quei loghi che appartengono alla cultura piuttosto che all’azienda”.