Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Detriti spaziali: il “satellite nonno” causato dalla sua caduta sulla Terra

Detriti spaziali: il “satellite nonno” causato dalla sua caduta sulla Terra
  • Scritto da Jonathan Amos
  • Reporter scientifico
Commenta la foto,

Illustrazione: I satelliti europei per il telerilevamento della Terra pesavano circa 2,5 tonnellate al momento del lancio

Un satellite europeo pionieristico cadrà sulla Terra nelle prossime ore.

ERS-2 era una piattaforma di osservazione all’avanguardia quando fu lanciata nel 1995, formulando tecniche che ora vengono utilizzate abitualmente per monitorare il pianeta.

L'Agenzia spaziale europea (ESA) afferma che la maggior parte del satellite da due tonnellate brucerà durante la sua discesa.

Alcune delle parti più resistenti possono resistere al calore estremo generato durante le immersioni ad alta velocità, ma le probabilità che questi frammenti colpiscano aree popolate e causino danni sono scarse.

Potrebbe atterrare quasi ovunque nel mondo, ma poiché la maggior parte della superficie terrestre è coperta da oceani, è probabile che tutti i detriti rimasti sulla superficie vadano dispersi nel mare.

“Vale la pena notare che nessuno degli elementi che potrebbero ritornare nell'atmosfera (e raggiungere la superficie) sono radioattivi o tossici”, ha affermato Mirko Albani della Divisione di Osservazione della Terra dell'Agenzia spaziale europea.

Commenta la foto,

Temperatura della superficie del mare: le osservazioni climatiche di oggi sono debitori dell'ERS

L’agenzia ha lanciato due satelliti Earth Remote Sensing (ERS) quasi identici negli anni ’90. Erano gli osservatori planetari più sofisticati del loro tempo, dotati di una serie di strumenti per monitorare i cambiamenti sulla terra, negli oceani e nell'aria.

Hanno monitorato le inondazioni, misurato le temperature dei continenti e delle superfici oceaniche, hanno monitorato il movimento dei campi di ghiaccio e hanno percepito la curvatura della Terra durante i terremoti.

ERS-2, in particolare, ha fornito una nuova capacità per valutare lo strato protettivo di ozono della Terra.

“Assolutamente”, ha detto il dottor Ralph Cordy. “In termini di tecnologia, è possibile tracciare una linea diretta dall'ERS fino ai satelliti europei Copernicus/Sentinel che monitorano il pianeta oggi. L'ERS è dove tutto è iniziato”, ha detto alla BBC il direttore dello sviluppo aziendale dell'osservazione della Terra di Airbus.

ERS-2 è il primo binario a tornare a casa. Originariamente posizionato a 780 chilometri sopra la Terra, gli ingegneri hanno utilizzato le sue ultime riserve di carburante nel 2011 per abbassare la sua altitudine a 570 chilometri. Si prevedeva che l'alta atmosfera avrebbe trascinato la navicella verso la distruzione entro circa 15 anni.

Commenta la foto,

La società tedesca Dornier (ora Airbus) ha guidato l'assemblaggio dei satelliti ERS

Questa previsione si avvererà mercoledì sera GMT.

È difficile stabilire esattamente quando e dove. Molto dipenderà dalla densità dell’alta atmosfera, che è influenzata dall’attività solare.

Ciò che si può dire con certezza è che il ritorno avverrà tra gli 82 gradi nord e sud, poiché questa era la distanza dell'orbita del satellite attorno alla Terra.

Commenta la foto,

La società di localizzazione australiana HEO sta monitorando la discesa di ERS-2

I frammenti che colpiscono il pianeta potrebbero includere pannelli interni e alcune parti metalliche, come serbatoi di carburante e pressione.

L'elemento che può avere la più alta probabilità di penetrare in qualche modo nell'atmosfera è l'antenna del sistema radar ad apertura sintetica, costruito nel Regno Unito. L'antenna ha una struttura in fibra di carbonio che può resistere alle alte temperature.

Quando è stato lanciato ERS-2, le linee guida per la mitigazione dei detriti spaziali erano più flessibili. Il rimpatrio dei veicoli spaziali in esubero entro 25 anni dalla fine delle operazioni è stato considerato accettabile.

La nuova carta “zero detriti” dell'ESA. Ora si raccomanda un periodo di grazia per lo smaltimento non superiore a cinque anni. I suoi futuri satelliti verranno lanciati con il carburante necessario e con la capacità di uscire dall'orbita in breve tempo.

La logica è chiara: con così tanti satelliti lanciati in orbita, La probabilità di collisioni aumenta. L'ERS-1 si è improvvisamente guastato prima che gli ingegneri potessero abbassarne l'altitudine. Si trova ancora a più di 700 chilometri dal suolo. A questa altezza potrebbero volerci 100 anni prima che cada naturalmente.

Commenta la foto,

Hayward Fault in California: ERS è stato un pioniere nell'interferometria radar e nella mappatura del movimento delle rocce

La società statunitense SpaceX, che gestisce la maggior parte dei satelliti attualmente in orbita (più di 5.400), ha recentemente annunciato che ne abbatterà 100 dopo aver scoperto un guasto che “potrebbe aumentare la probabilità di guasto in futuro”. Vuole rimuovere la navicella spaziale prima che eventuali problemi rendano la missione più difficile.

“L’accumulo di LEO abbandonati in LEO continua senza sosta, con il 28% degli attuali LEO di lunga durata rimasti in orbita dall’inizio del secolo”, hanno affermato.

“Questi ammassi di massa incontrollabile rappresentano il più grande potenziale di generazione di detriti per le migliaia di satelliti appena dispiegati che alimentano l’economia spaziale globale”.

READ  Il sole può essere cosciente? Entra nel mondo non convenzionale della spiritualità olistica