Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dream Chaser Tenacity arriva al Kennedy Space Center

Dream Chaser Tenacity arriva al Kennedy Space Center

Illustrazione del primo acchiappasogni di Sierra Space, DC#1 (Perseverance). Credito: Sierra Space

Sierra Space Dream Chaser Perseverance, parte di NASAIniziativa per rafforzare le missioni di rifornimento commerciale a Stazione Spaziale InternazionaleÈ arrivata al Kennedy Space Center per la sua prima missione. Dopo rigorosi test pre-lancio, è prevista la consegna di 7.800 libbre di carico utilizzando un razzo ULA Vulcan.

Nell’ambito dello sforzo della NASA di espandere i rifornimenti commerciali nell’orbita terrestre bassa, lo spazioplano senza pilota di Sierra Space è arrivato al Kennedy Space Center della NASA in Florida prima del suo volo inaugurale verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Lo spazioplano Dream Chaser, chiamato Tenacity, è arrivato a Kennedy il 18 maggio all’interno di un container da trasporto climatizzato dal Neil Armstrong Test Facility della NASA a Sandusky, Ohio, e si è unito al modulo cargo Shooting Star, arrivato l’11 maggio.

Test e preparazione pre-lancio

Prima di arrivare a Kennedy, lo spazioplano e il suo modulo cargo sono stati sottoposti a test di vibrazione sul sistema vibrante per veicoli spaziali più potente e di ampiezza più alta del mondo all’interno dello Space Environments Complex dell’agenzia, esponendo la pila a vibrazioni come quelle che avrebbe sperimentato durante il lancio e il rientro nello spazio. L’atmosfera terrestre. Dopo il test di vibrazione, i due si sono trasferiti alla Space Propulsion Facility della NASA e sono stati esposti a basse pressioni ambientali e temperature comprese tra -150 e 300 gradi. F.

L'inseguitore di sogni Perseverance all'interno dello Space Systems Processing Facility della NASA

Dream Chaser Tenacity, lo spazioplano cargo senza pilota di Sierra Space, viene elaborato all’interno dello Space Systems Processing Facility (SSPF) presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida lunedì 20 maggio 2024. Lo spazioplano è arrivato all’interno di un container da trasporto a clima controllato da una stazione Neil convenzionato con l’agenzia. Impianto di prova Armstrong in Ohio. I test finali e l’elaborazione pre-lancio saranno completati nell’high bay della SSPF prima del lancio inaugurale di Dream Chaser a bordo di un razzo Vulcan ULA (United Launch Alliance) dalla vicina stazione spaziale di Cape Canaveral. Credito immagine: NASA/Kim Shifflett

Ultimi preparativi al Kennedy

All’arrivo al Kennedy, i team hanno spostato il Dream Chaser Tenacity nella baia alta all’interno dello Space Systems Processing Facility, dove sarà sottoposto ai test finali e all’elaborazione pre-lancio prima del suo lancio previsto entro la fine dell’anno.

READ  La NASA sta valutando l'utilizzo di SpaceX per salvare gli astronauti dopo la fuga dalla stazione spaziale russa

Lo spazioplano decollerà a bordo di un razzo Vulcan della ULA (United Launch Alliance) dallo Space Launch Complex-41 presso la stazione spaziale di Cape Canaveral e trasporterà 7.800 libbre di carico al laboratorio in orbita.

Le restanti attività pre-volo al Kennedy includono interferenze acustiche ed elettromagnetiche e test di compatibilità, il completamento dei lavori sul sistema di protezione termica dello spazioplano e l’integrazione finale del carico utile.

Design e funzionalità di Dream Chaser

Il Dream Chaser è uno spazioplano con fusoliera levitante che misura 30 piedi di lunghezza e 15 piedi di larghezza. Il suo esclusivo design alato gli consente di trasportare merci da e verso l’orbita terrestre bassa e di mantenere la capacità di atterrare su una pista nello stile di uno space shuttle della NASA. L’unità Shooting Star da 15 piedi può contenere fino a 7.000 libbre di carico internamente e dispone di tre supporti per carico utile esterni non pressurizzati.

Il sistema di trasporto parzialmente riutilizzabile effettuerà almeno sette missioni cargo verso la Stazione Spaziale Internazionale come parte degli sforzi dell’agenzia per espandere i servizi di rifornimento commerciale nell’orbita terrestre bassa. Le missioni future potrebbero durare fino a 75 giorni e consegnare fino a 11.500 libbre di carico.

Mentre la navicella spaziale Dream Chaser è riutilizzabile e può riportare sulla Terra fino a 3.500 libbre di carico, il modulo Shooting Star è progettato per essere gettato in mare e incenerito durante il rientro, offrendo l’opportunità di smaltire fino a 8.500 libbre di rifiuti in ogni attività.

Dream Chaser Tenacity è il primo di una flotta pianificata di Sierra Spacecraft per aiutare a portare a termine queste missioni.

READ  Bilancio delle radiazioni terrestri del satellite della NASA per il rientro atmosferico oggi

Certificazione e operazioni in orbita

Come parte del processo di certificazione del sistema di veicoli per le future missioni di rifornimento dell’agenzia, la NASA e Sierra Space metteranno alla prova lo spazioplano una volta entrato in orbita. Mentre il Dream Chaser Tenacity si avvicina alla stazione spaziale, condurrà una serie di dimostrazioni per dimostrare il controllo dell’assetto, le manovre di transizione e le capacità di interruzione. Dopo aver completato la dimostrazione di manovrabilità, gli astronauti della stazione spaziale utilizzeranno il braccio robotico Canadarm2 per manovrare la navicella e attraccarla in un porto rivolto verso la Terra.

Dopo essere rimasto nel laboratorio in orbita per circa 45 giorni, lo spazioplano verrà lanciato dalla stazione e ritornerà ad atterrare presso la Kennedy Launch and Landing Facility. Dopo l’atterraggio, il Dream Chaser verrà spento e il team Sierra Space lo trasporterà nuovamente all’impianto di lavorazione per eseguire le ispezioni necessarie, scaricare il rimanente carico utile della NASA e iniziare il processo di preparazione per la sua prossima missione.