Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Video in diretta: guarda il lancio della navicella spaziale durante il quarto volo di prova

Video in diretta: guarda il lancio della navicella spaziale durante il quarto volo di prova

Il lancio del suo gigantesco razzo Starship da parte di SpaceX, giovedì, ha raggiunto una serie di obiettivi ambiziosi fissati da Elon Musk, CEO dell’azienda, prima del suo quarto volo di prova.

Anche se il volo non ha avuto pieno successo, ha fornito il segnale che la visione di Musk di costruire il razzo più potente mai realizzato e renderlo riutilizzabile potrebbe trasformare ancora una volta l’industria globale dei lanci spaziali che la sua azienda già domina. Ciò sarà probabilmente incoraggiante per i funzionari della NASA, che utilizzeranno una versione di Starship per trasportare gli astronauti sulla superficie lunare durante la missione Artemis III, attualmente prevista per la fine del 2026.

Bill Nelson, amministratore della NASA, si è congratulato con X, il sito di social networking di proprietà di Musk.

“Siamo un passo avanti verso il ritorno dell’umanità sulla Luna tramite Artemis, e poi aspettiamo con ansia Marte”, ha scritto.

La navicella spaziale è stata sollevata nello spazio nello stadio superiore, ha volato dall’altra parte del mondo, è sopravvissuta al caldo torrido del rientro nell’atmosfera e poi è atterrata sull’acqua dell’Oceano Indiano, come previsto.

Durante la discesa, le telecamere della navicella spaziale catturarono il bagliore colorato dei gas che si riscaldavano sotto di essa e, a più di 30 miglia di altitudine, parte dei pannelli di guida iniziarono a crollare, ma rimasero intatti. La visuale è stata poi ostruita quando i detriti hanno rotto l’obiettivo della fotocamera.

“La domanda è quanto spazio rimane sulla nave”, ha detto Kate Tice, una delle conduttrici della trasmissione SpaceX.

Ma i dati in tempo reale hanno continuato a ritornare, tramite i satelliti Internet Starlink di SpaceX, al quartier generale dell’azienda a Hawthorne, in California, fino a quando l’altitudine è stata segnalata a 0, cioè sulla superficie dell’Oceano Indiano.

READ  I ricercatori di Harvard hanno scoperto che il riscaldamento globale ha generato l'era dei rettili

È stata eseguita un’ultima manovra per riportare la navicella spaziale in posizione verticale appena prima dell’atterraggio.

“Nonostante fossero mancanti diverse piastrelle e una copertura danneggiata, la navicella spaziale è riuscita ad atterrare senza problemi nell’oceano!” Il signor Musk ha scritto su X.

Una folla di dipendenti di SpaceX fuori dal controllo della missione ha esultato selvaggiamente, vedendo il risultato come una conferma dell’approccio “rompi-aggiusta-tutto” dell’azienda all’ingegneria.

All’inizio del volo, il primo stadio del razzo, un gigantesco booster Super Heavy dotato di 33 motori, è stato in grado di eseguire manovre che lo riporteranno in futuro al sito di lancio. Su questo volo è stato simulato l’atterraggio nel Golfo del Messico.

Con l’astronave posizionata su quello che SpaceX definisce un booster molto pesante, il sistema missilistico è, quasi sotto ogni aspetto, il più grande e potente mai costruito.

Il razzo è il più alto di sempre, 397 piedi di altezza, ovvero circa 90 piedi più alto della Statua della Libertà, base inclusa.

Il razzo ha anche il maggior numero di motori di sempre: il Super Heavy ha 33 dei potenti motori Raptor di SpaceX che sporgono dal fondo. Quando questi motori solleveranno la navicella spaziale dalla rampa di lancio, genereranno 16 milioni di libbre di spinta alla massima velocità.

Per il signor Musk, la navicella spaziale è in realtà una nave marziana. Immagina una flotta di astronavi che trasportano coloni sul Pianeta Rosso.

Per la NASA, il veicolo fungerà da lander lunare, trasportando gli astronauti sulla superficie lunare per la prima volta dal 1972.

READ  Gli scienziati scoprono una gigantesca massa d'acqua tropicale nel mezzo dell'Oceano Atlantico

Nel breve termine, SpaceX prevede inoltre di utilizzare Starship per implementare la prossima generazione di satelliti per comunicazioni Internet Starlink.

La caratteristica più trasformativa di Starship è che è progettata per essere completamente riutilizzabile. Questa capacità ha il potenziale per ridurre il costo di invio di carichi utili in orbita, tanto che l’invio di 100 tonnellate nello spazio in un giorno potrebbe costare meno di 10 milioni di dollari, ha previsto Musk.

Qualche settimana fa, dopo un lancio di prova riuscito, Musk ha scritto su X che per questo volo “l’obiettivo principale è ottenere il massimo riscaldamento al ritorno”.

In altre parole, non voleva che l’auto bruciasse.

Durante il lancio, la navicella spaziale raggiunge velocità orbitali di oltre 17.000 miglia orarie raggiungendo un’altitudine di 145 miglia. Quando la navicella rientra nell’atmosfera, è esposta a temperature fino a 2.600 gradi Fahrenheit.

Giovedì l’astronave è stata esposta a quel caldo ed è poi atterrata in una zona remota dell’Oceano Indiano. Un altro obiettivo era far atterrare dolcemente il primo stadio, il booster super pesante, nel Golfo del Messico.

Durante i futuri voli operativi, è previsto che entrambi i veicoli ritornino al sito di lancio e siano confinati interi vicino alla torre di lancio. Questi tentativi sono ancora in futuro.

Il precedente lancio di marzo aveva raggiunto velocità sufficienti affinché la navicella spaziale entrasse in orbita per la prima volta. L’ascesa prevedeva un nuovo sviluppo di successo: la separazione a caldo, quando alcuni motori del secondo stadio si accendevano prima che il booster molto pesante, o primo stadio, si separasse e cadesse.

READ  Gli ingegneri della NASA fanno clic su Voyager 1 e ricevono un dump della memoria

Il secondo segmento della navicella ha raggiunto alcuni dei suoi obiettivi durante il lancio nello spazio, tra cui l’apertura e la chiusura del portellone di carico della navicella e una dimostrazione del movimento del propellente tra due serbatoi all’interno della navicella.

Ma quando la navicella spaziale raggiunse il punto più alto del suo percorso, cominciò a girare senza controllo. Le telecamere a bordo hanno catturato il bagliore arancione del plasma caldo sotto la navicella spaziale. Circa 49 minuti dopo il lancio, si schiantò, perdendo le comunicazioni, ad un’altitudine di 40 miglia.

All’inizio del volo, il booster Super Heavy avrebbe dovuto simulare un atterraggio sul Golfo del Messico. Ma sei dei 13 motori utilizzati per questa manovra si sono fermati presto.

SpaceX ha attribuito al blocco del flusso di propellente la causa più probabile delle perdite del veicolo spaziale e del booster Super Heavy. La società ha affermato di aver apportato modifiche per affrontare questi problemi.