Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È stato lanciato un nuovo satellite che analizzerà la maggior parte dell’acqua della Terra

È stato lanciato un nuovo satellite che analizzerà la maggior parte dell'acqua della Terra

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

È stata lanciata la prima missione per esaminare quasi tutta l’acqua sulla superficie terrestre.

La missione internazionale per le acque superficiali e gli oceani, nota come SWOT, è decollata a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9 dalla base delle forze spaziali di Vandenberg in California alle 6:46 ET di venerdì. Il primo stadio del razzo è atterrato con successo sulla Terra alle 6:54 ET.

La diretta è iniziata Sito web della NASA 6:00 ET.

La missione, uno sforzo congiunto tra la NASA e l’agenzia spaziale francese CNES, rileverà l’acqua su oltre il 90% della superficie terrestre e misurerà l’altezza dell’acqua nei corpi d’acqua dolce e negli oceani. Le due agenzie collaborano da decenni per monitorare gli oceani della Terra e SWOT è il prossimo passo nella loro collaborazione.

Gli approfondimenti delle misurazioni SWOT mostreranno come gli oceani influenzano il cambiamento climatico e come il riscaldamento globale influisce su laghi, fiumi e bacini idrici. I dati satellitari possono anche aiutare le comunità a prepararsi meglio alle inondazioni e ad altri disastri legati all’acqua, che sono in aumento a causa della crisi climatica.

Il satellite per il rilevamento dell'acqua era imballato e pronto per il razzo l'8 dicembre.

Mentre l’acqua è essenziale per la sopravvivenza della vita sulla Terra, modella anche il nostro tempo e il clima perché immagazzina e trasporta carbonio e calore intrappolati nell’atmosfera dalle emissioni di gas serra. L’analisi di questa risorsa può aiutare gli scienziati a comprendere il bilancio idrico globale, valutando le fonti principali, il modo in cui tali fonti stanno cambiando e gli impatti che avranno sui diversi ambienti.

La domanda principale che gli scienziati si pongono riguarda lo scambio di calore tra l’atmosfera terrestre e l’oceano globale e come può accelerare il riscaldamento globale.

“Saremo in grado di vedere cose che non siamo mai stati in grado di vedere prima”, ha affermato Benjamin Hamlington, ricercatore del Sea Level and Ice Group presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA.

“Saremo in grado di tracciare il movimento dell’acqua intorno alla Terra tra l’oceano e la terraferma, e saremo in grado di stabilire alcune di queste connessioni e capire davvero dove si trova l’acqua in un dato momento. Questo è davvero fondamentale perché sappiamo con il cambiamento climatico che il ciclo dell’acqua sta accelerando. Ciò significa che alcuni siti hanno troppa acqua e altri non ne hanno abbastanza”.

Gli strumenti satellitari raccoglieranno dati dettagliati sulle caratteristiche dell’acqua dolce e dell’oceano ad alta risoluzione.

Dopo anni di sviluppo, lo SWOT Radar Interferometer, o KaRIn, è ora pronto per il volo. Il dispositivo sarà in grado di rilevare caratteristiche fino a 10 volte più piccole di quelle catturate dai satelliti a livello del mare.

Queste illustrazioni mostrano il satellite SWOT con entrambe le antenne dello strumento Ka-band Radar Interferometer (KaRIn) estese.

Ad esempio, le attuali osservazioni terrestri e satellitari raccolgono dati su alcune migliaia dei laghi più grandi del mondo, mentre SWOT aumenterà tale numero a più di un milione di laghi.

I ricercatori che studiano i corpi idrici hanno dovuto fare affidamento su strumenti che effettuano misurazioni in luoghi specifici, come misuratori di fiumi o oceani. Allo stesso modo, i precedenti satelliti nello spazio hanno raccolto dati più limitati che non possono raggiungere le vere profondità dei corpi idrici della Terra. Un esempio di ostacolo alla raccolta di letture accurate è che i fiumi ripidi non appaiono più larghi o più stretti anche se vi scorre più acqua.

Ma lo strumento radar KaRIn può raccogliere misurazioni attraverso la copertura nuvolosa e l’oscurità della notte. Le due antenne sono posizionate alle due estremità di un braccio di 10 metri sul satellite. Queste antenne inviano impulsi radar alla superficie dell’acqua e ricevono i segnali.

“Per l’acqua dolce, questo sarebbe un salto di qualità in termini di conoscenza”, ha dichiarato Daniel Esteban Fernandez, responsabile dello strumento KaRIn presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

Il veicolo spaziale visualizzerà e catturerà per la prima volta in 3D quasi tutti i fiumi di larghezza superiore a 330 piedi (100 metri), oltre a misurare le caratteristiche oceaniche di larghezza inferiore a 60 miglia (100 chilometri).

I dati dello SWOT integreranno il sistema sviluppato dall'USGS per misurare l'innalzamento e il flusso dei fiumi dell'Alaska precedentemente non monitorati.  Il satellite Landsat ha catturato questa immagine del fiume Yukon vicino al villaggio di Stevens, in Alaska.

“SWOT ci consentirà davvero di capire come sta cambiando il volume dell’acqua nei nostri fiumi e laghi in tutto il mondo”, ha affermato Tamlin Pavelski, responsabile scientifico SWOT Freshwater della NASA, con sede presso l’Università della Carolina del Nord, Chapel Hill. “Sarà un vero punto di svolta”.

I dati di SWOT possono aiutare i ricercatori a colmare le lacune di conoscenza mentre cercano di comprendere gli effetti a cascata della crisi climatica, ad esempio come cambia il livello del mare lungo le coste e quali aree potrebbero essere più vulnerabili alle inondazioni, per prevedere meglio i futuri aumenti del livello dell’acqua.

La crisi climatica sta anche alimentando modelli meteorologici estremi, tra cui siccità e forti piogge. I satelliti possono monitorare entrambi e fornire informazioni essenziali alle agenzie di preparazione alle catastrofi e di gestione dell’acqua.

Un posto in particolare che potrebbe beneficiare di un monitor SWOT è l’Alaska. Sebbene lo stato si trovi ai margini del circolo polare artico, detiene anche circa il 40% delle risorse idriche superficiali degli Stati Uniti, inclusi oltre 12.000 fiumi e centinaia di migliaia di laghi. Le dimensioni dell’area e il terreno accidentato, nonché la sua generale inaccessibilità, hanno ostacolato le misurazioni dell’acqua dell’Alaska.

“SWOT ci permetterà di vedere cosa sta succedendo in Alaska dal punto di vista idrologico in modi che non abbiamo mai fatto prima”, ha detto Pavelski.

“Questo è importante, perché l’Alaska, essendo nell’Artico, è anche il luogo negli Stati Uniti che sta vivendo il più grande cambiamento climatico in questo momento. Se vuoi sapere perché è importante, pensa a quante risorse otteniamo dall’Alaska. ”

La portata della missione SWOT significa che il satellite sarà in grado di monitorare regolarmente altre regioni del mondo dove prima era difficile stimare le risorse idriche.

“Sarà trasformativo nella nostra capacità di fornire informazioni che alla fine miglioreranno la vita quotidiana e i mezzi di sussistenza di quasi tutti qui sulla Terra”, ha affermato Hamlington.

READ  Cambiamenti nel nucleo esterno della Terra rivelati dalle onde sismiche dei terremoti