Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È stato mappato un gruppo di città perdute nell’Amazzonia ecuadoriana che durò 1.000 anni

È stato mappato un gruppo di città perdute nell’Amazzonia ecuadoriana che durò 1.000 anni

WASHINGTON (AP) – Gli archeologi hanno scoperto un gruppo di città perdute nella foresta amazzonica che ospitavano almeno 10.000 agricoltori circa 2.000 anni fa.

Una serie di cumuli di terra e strade sepolte in Ecuador furono osservati per la prima volta più di due decenni fa dall'archeologo Steven Rusten. Ma all'epoca, “non ero sicuro di come tutto questo combaciasse”, ha detto Rustin, uno dei ricercatori che ha annunciato i risultati giovedì. Nella rivista Scienza.

La mappatura moderna che utilizza la tecnologia dei sensori laser ha rivelato che questi siti fanno parte di una fitta rete di insediamenti e strade collegate, situati ai piedi delle Ande, che durò circa 1.000 anni.

“Era una valle perduta di città”, ha detto Rostin, che dirige le indagini presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica. “È incredibile.”

I ricercatori hanno scoperto che gli insediamenti furono occupati dal popolo Obano tra il 500 a.C. circa e il 300-600 d.C., un periodo più o meno contemporaneo all'Impero Romano in Europa.

Gli edifici residenziali e cerimoniali erano situati su più di 6.000 tumuli di terra circondati da campi agricoli e canali di drenaggio. Le strade più grandi erano larghe 33 piedi (10 m) e si estendevano da 6 a 12 miglia (da 10 a 20 km).

Sebbene il numero della popolazione sia difficile da stimare, il sito ospitava almeno 10.000 persone – e forse fino a 15.000 o 30.000 al suo apice, ha detto l’archeologo Antoine Dorison, coautore dello studio presso lo stesso istituto francese. Questo è simile alla popolazione di Londra in epoca romana, che allora era la città più grande della Gran Bretagna.

READ  Liz Truss, ministro degli Esteri del Regno Unito, lancia un'offerta per il primo ministro

“Ciò dimostra un'occupazione molto densa e una società molto complessa”, ha detto l'archeologo Michael Heckenberger dell'Università della Florida, che non è stato coinvolto nello studio. “Per la regione, è una classe a parte in termini di anticipo.”

Costruire strade e migliaia di tumuli di terra avrebbe richiesto un sofisticato sistema di lavoro organizzato, ha affermato José Iriarte, archeologo dell'Università di Exeter.

“Gli Inca e i Maya costruivano con la pietra, ma gli abitanti dell'Amazzonia di solito non avevano la pietra disponibile per costruire: costruivano con l'argilla. C'è ancora un'enorme quantità di lavoro da fare”, ha detto Iriarte, che non ha avuto alcun ruolo nella ricerca. .

L'Amazzonia è spesso vista come una “pura natura selvaggia con solo piccoli gruppi di persone. Ma recenti scoperte ci hanno mostrato quanto fosse complesso il passato”.

Gli scienziati hanno anche recentemente trovato prove di complesse comunità della foresta pluviale che hanno preceduto il contatto europeo in altre parti dell’Amazzonia. Anche in Bolivia E in Brasile.

“C’è sempre stata un’incredibile diversità di persone e insediamenti in Amazzonia, e non c’è mai stato un solo modo di vivere”, ha detto Rustin. “Stiamo solo imparando di più su di loro.”

___

Il Dipartimento Salute e Scienza dell'Associated Press riceve il sostegno del Science and Education Media Group dell'Howard Hughes Medical Institute. AP è l'unico responsabile di tutti i contenuti.