Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I ribelli Houthi affermano che i raid guidati dagli Stati Uniti hanno ucciso 5 persone e ne hanno ferite altre 6

I ribelli Houthi affermano che i raid guidati dagli Stati Uniti hanno ucciso 5 persone e ne hanno ferite altre 6

DUBAI, Emirati Arabi Uniti (AP) – Venerdì i ribelli Houthi dello Yemen hanno promesso ritorsioni violente Scioperi americani e britannici contro di loroCiò aumenta la possibilità che scoppi un conflitto più ampio in una regione già colpita dalla guerra intrapresa da Israele a Gaza.

Bombardamento – lanciato in risposta a quest'ultimo Campagna con droni e attacchi missilistici Gli Houthi hanno detto che le navi commerciali si sono trovate nel vitale Mar Rosso, uccidendo almeno cinque persone e ferendone sei.

Mentre i bombardamenti illuminavano il cielo dell’alba su diverse località controllate dai ribelli sostenuti dall’Iran, costrinsero il mondo a concentrarsi sulla lunga guerra dello Yemen, iniziata quando gli Houthi presero la capitale del paese.

Da novembre i ribelli hanno ripetutamente preso di mira le navi nel Mar Rosso, dicendo che si stavano vendicando L'attacco israeliano a Gaza contro Hamas. Ma hanno spesso preso di mira navi con collegamenti fragili o poco chiari con Israele, mettendo in pericolo la navigazione su una rotta importante per il commercio globale e le spedizioni di energia.

Sebbene l’amministrazione Biden e i suoi alleati abbiano provato a farlo Calmare le tensioni in Medio Oriente Per settimane, evitando qualsiasi conflitto più ampio, gli scioperi hanno minacciato di innescare un altro conflitto.

L’Arabia Saudita – che sostiene il governo in esilio contro cui combattono gli Houthi – ha cercato rapidamente di prendere le distanze dagli attacchi mentre cercava di mantenere una delicata distensione con l’Iran e un cessate il fuoco nello Yemen.

Il portavoce militare Houthi, Brig. Il generale di brigata Yahya Sarie ha affermato, in un discorso registrato, che gli attacchi “non rimarranno senza risposta o impuniti”.

Una mappa che mostra lo Yemen e la sua capitale, Sana'a. (foto AP)

Ha aggiunto che gli attacchi contro le aree yemenite sotto il loro controllo hanno provocato la morte di cinque persone e il ferimento di sei forze militari ribelli. L’entità del danno non è chiara, anche se gli Houthi hanno affermato che almeno cinque siti, compresi gli aeroporti, sono stati attaccati.

READ  Atleti russi e bielorussi banditi dalle Paralimpiadi invernali perché il Comitato internazionale della Bielorussia invalida la sentenza

Il Regno Unito ha affermato che gli attacchi hanno colpito un sito a Beni presumibilmente utilizzato dagli Houthi per lanciare droni e un aeroporto ad Abs utilizzato per lanciare missili da crociera e droni.

Hussein Al-Ezzi, un funzionario Houthi del Ministero degli Affari Esteri, ha dichiarato: “L’America e la Gran Bretagna dovranno senza dubbio prepararsi a pagare un prezzo pesante e a sopportare tutte le terribili conseguenze di questa palese aggressione”.

La rotta del Mar Rosso è una via d’acqua critica e gli attacchi che vi hanno colpito hanno causato gravi perturbazioni al commercio globale. Venerdì il prezzo del greggio Brent di riferimento è aumentato del 4% superando gli 80 dollari al barile. Nel frattempo, Tesla ha detto che lo avrebbe fatto Pausa La maggior parte della produzione avviene nello stabilimento tedesco a causa degli attacchi nel Mar Rosso.

Il paese aggiunge alla fonte - In questa foto fornita dal Ministero della Difesa britannico mercoledì 10 gennaio 2024, scattata dalla sala operativa dell'HMS Diamond, i missili Sea Viper sono pronti per il lancio nel Mar Rosso.  I ribelli Houthi dello Yemen hanno lanciato la loro più grande raffica di droni e missili contro le navi nel Mar Rosso, costringendo le marine statunitense e britannica ad abbattere i proiettili in un grande scontro navale.  (Ministero della Difesa britannico tramite AP)

In questa foto fornita dal Ministero della Difesa britannico mercoledì 10 gennaio 2024, scattata dalla sala operativa dell'HMS Diamond, i missili Sea Viper sono pronti per il lancio nel Mar Rosso. (Ministero della Difesa britannico tramite AP)

Nel frattempo, la Marina americana ha riconosciuto un attacco giorni fa contro una nave nelle profondità dell’Oceano Indiano – un attacco che potrebbe indicare che l’Iran si sta preparando a colpire navi come parte di una più ampia campagna navale sul conflitto tra Israele e Hamas.

Teheran giovedì separatamente Un'altra cisterna è stata sequestrata.

Venerdì a Saada, la roccaforte Houthi nel nord-ovest dello Yemen, centinaia di persone si sono radunate in una marcia per denunciare gli Stati Uniti e Israele. Un altro ha attirato migliaia di persone nella capitale Sanaa.

READ  Spostati sul Giappone, il passaporto di questo paese è il più potente del mondo

Lo Yemen è stato oggetto di operazioni militari americane durante le ultime quattro presidenze americane. Una campagna di attacchi con droni è iniziata sotto il presidente George W. Bush per prendere di mira il ramo locale di Al Qaeda, attacchi che sono continuati sotto l’amministrazione Biden. Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno lanciato raid e altre operazioni militari nel contesto della guerra in corso nello Yemen.

Quella guerra iniziò quando gli Houthi invasero Sanaa nel 2014. Una coalizione guidata dall’Arabia Saudita che includeva gli Emirati Arabi Uniti lanciò una guerra a sostegno del governo yemenita in esilio nel 2015, e il conflitto si trasformò rapidamente in uno scontro regionale mentre l’Iran sosteneva gli Houthi con armi e altre armi. supporta.

Ma quella guerra ha subito un rallentamento poiché gli Houthi continuano a impadronirsi del territorio che controllano. A marzo, l’Arabia Saudita ha raggiunto un accordo mediato dalla Cina per riprendere le relazioni con l’Iran nella speranza di ritirarsi dalla guerra.

Tuttavia, un accordo globale deve ancora essere raggiunto, il che probabilmente ha spinto venerdì l'Arabia Saudita ad esprimere “grave preoccupazione” per gli attacchi aerei.

Il Ministero degli Affari Esteri ha dichiarato in una nota: “Mentre il Regno sottolinea l'importanza di mantenere la sicurezza e la stabilità della regione del Mar Rosso… chiede moderazione ed evitare un'escalation”.

L'Iran ha condannato l'attacco in una dichiarazione del portavoce del ministero degli Esteri Nasser Kanaani.

Ha aggiunto: “Gli attacchi arbitrari non avranno altro risultato che quello di alimentare l'insicurezza e l'instabilità nella regione”.

A Pechino, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha invitato i paesi a non intensificare le tensioni nel Mar Rosso.

READ  Quando viene dichiarato re Carlo III? Cosa devi sapere sulla scheda di adesione

L’Oman, che è stato a lungo un interlocutore regionale degli Stati Uniti e dell’Occidente con l’Iran, ha condannato gli attacchi aerei. Ha descritto l’attacco come “una grande preoccupazione in un momento in cui Israele continua la sua brutale guerra e l’assedio della Striscia di Gaza senza responsabilità o punizione”.

Nel frattempo, la Marina americana ha confermato venerdì che alcuni giorni fa era avvenuto un attacco vicino alle coste dell'India e dello Sri Lanka. La nave cisterna chimica Pacific Gold è stata colpita il 4 gennaio da quello che la Marina ha descritto come un “attacco unidirezionale di droni iraniani”, causando alcuni danni alla nave ma nessuna vittima.

Pacific Gold è gestita dalla Eastern Pacific Shipping con sede a Singapore, una società controllata in ultima analisi dal miliardario israeliano Idan Ofer. Lo stesso Iran non ha ammesso di aver effettuato l'attacco.

___

Gli scrittori dell'Associated Press Basem Mroueh a Beirut, Jill Lawless a Londra e Nasser Karimi a Teheran, in Iran, hanno contribuito a questo rapporto.