Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esclusivo per gli Stati Uniti per concentrare l’attenzione delle Nazioni Unite sulle proteste in Iran

Esclusivo per gli Stati Uniti per concentrare l'attenzione delle Nazioni Unite sulle proteste in Iran

NAZIONI UNITE (Reuters) – La prossima settimana, gli Stati Uniti accenderanno i riflettori sulle proteste iraniane innescate dalla morte di una giovane donna in custodia di polizia e cercheranno modi per portare avanti indagini indipendenti e credibili sulle violazioni dei diritti umani in Iran. .

Gli Stati Uniti e l’Albania terranno una riunione informale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite mercoledì, secondo una nota che delinea l’evento, vista da Reuters. Il premio Nobel per la pace iraniano Shirin Ebadi e l’attrice e attivista di origine iraniana Nazanin Bonyadi terranno un briefing.

“L’incontro metterà in evidenza la continua oppressione di donne, ragazze e membri delle minoranze religiose ed etniche in Iran”, si legge nella nota. Identificherà le opportunità per promuovere indagini indipendenti e credibili sulle violazioni e abusi dei diritti umani da parte del governo iraniano.

Anche l’investigatore indipendente delle Nazioni Unite sui diritti umani in Iran, Javed Rehman, parlerà alla riunione, alla quale potrebbero partecipare altri Stati membri delle Nazioni Unite e gruppi per i diritti umani.

L’Iran è stato testimone di proteste dalla morte della 22enne curda Mahsa Amini il mese scorso in custodia di polizia. I disordini si sono trasformati in una rivoluzione popolare da parte degli iraniani di tutti gli strati della società, ponendo una delle sfide più audaci alla leadership religiosa dalla rivoluzione del 1979.

L’Iran ha incolpato i suoi nemici stranieri ei loro agenti per i disordini.

La missione dell’Iran presso le Nazioni Unite a New York ha accusato gli Stati Uniti ei loro alleati di aver abusato del loro programma per “promuovere la loro agenda politica”.

“Data la sua ipocrisia, i doppi standard e l’applicazione selettiva dei diritti umani, riteniamo che le accuse statunitensi di sostegno alle donne iraniane siano ingannevoli e prive di buona fede”, ha affermato.

READ  La Russia "ha dimenticato tutte le lezioni della seconda guerra mondiale"

I gruppi per i diritti umani hanno affermato che almeno 250 manifestanti sono stati uccisi e migliaia sono stati arrestati in tutto il paese. Le donne hanno svolto un ruolo di primo piano nelle proteste, togliendosi e bruciando il velo. L’uccisione di diverse ragazze adolescenti, secondo quanto riferito durante le proteste, ha esacerbato la rabbia.

“L’incontro confermerà il continuo uso illegale della forza contro i manifestanti e il perseguimento da parte del regime iraniano di difensori dei diritti umani e oppositori all’estero per averli rapiti o assassinati in violazione del diritto internazionale”, affermava il memorandum sull’incontro previsto.

Venerdì il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha esortato le autorità iraniane ad affrontare le “legittime lamentele della popolazione, anche per quanto riguarda i diritti delle donne”.

“Condanniamo tutti gli incidenti che hanno provocato la morte o lesioni gravi dei manifestanti e sottolineiamo la necessità che le forze di sicurezza evitino qualsiasi uso non necessario o sproporzionato della forza contro manifestanti pacifici”, ha detto Dujarric ai giornalisti. I responsabili devono essere ritenuti responsabili”.

Segnalato da Michelle Nichols; Montaggio di Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.