Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Francis Ford Coppola consegna a George Lucas la Palma d’Oro onoraria

Francis Ford Coppola consegna a George Lucas la Palma d’Oro onoraria

George Lucas e Francis Ford Coppola hanno parlato del loro legame di lunga data, con il regista di “Megalopolis” che ha consegnato sabato sera al visionario di “Star Wars” una Palma d’Oro onoraria al Festival di Cannes.

Prima di ricevere il premio, Lucas è stato accolto in teatro da una standing ovation per diversi minuti, durante i quali ha regalato al pubblico ammirazione e lacrime agli occhi. Quando Coppola è salito sul palco, i due si sono abbracciati e si sono scambiati alcuni biglietti privati.

Nel suo discorso, Coppola ha ricordato il suo primo incontro con Lucas, che lo accompagnò durante le riprese del suo film “Finian’s Rainbow” nel 1968.

“Avendo il piacere di avere qualcuno della mia generazione, gli ho proposto di venire tutti i giorni, ma solo a una condizione: che ogni giorno suggerisse qualcosa di grande, cosa che faceva costantemente. Così è iniziato un legame che durerà tutta la vita “, ha detto Coppola. “E ha continuato a fare la storia del cinema, la storia della storia, la storia dell’economia e ora la storia in Francia.”

Coppola ha anche menzionato il periodo in cui Lucas fu rifiutato dai proprietari del fumetto “Flash Gordon” quando propose un adattamento cinematografico. “Mi ha guardato e ha detto: ‘Okay, farò il mio film e lo chiamerò ‘Star Battles’ o ‘Star Wars’ o qualcosa del genere”. “Lo ha fatto, e nel processo ha rischiato tutto ciò che aveva per realizzarlo”, ha detto Coppola. “Congratulazioni, George. Non solo io e i tuoi tanti amici siamo orgogliosi di te, ma il mondo qui è orgoglioso di onorarti.”

“Non potrò ringraziarvi abbastanza perché sono solo un ragazzino che cresce in un vigneto a Modesto, in California, e gira film a San Francisco con Francis”, ha detto Lucas ritirando il premio.

READ  Legalmente bionda: Reese Witherspoon è “molto emozionata” per il prequel

Considerando i suoi quasi 60 anni nell’industria cinematografica, Lucas ha aggiunto: “Il mondo adesso è decisamente diverso”.

“In realtà non ho mai fatto un film a Hollywood come regista, quindi è un vero onore essere qui”, ha concluso. “Grazie mille.”

Lucas e Coppola si sono tenuti per mano mentre attraversavano il palco per posare per le foto con il premio, sostenendosi a vicenda in più di un modo.

Venerdì, in un discorso al festival, Lucas ha affrontato alcune delle critiche che ha ricevuto per i primi sei film di Star Wars nel corso degli anni.

“Diranno: ‘Sono tutti uomini bianchi'”, ha detto Lucas dei critici cinematografici. “La maggior parte delle persone sono straniere! L’idea è che dovresti accettare le persone per quello che sono, che siano grandi e coperte di pelliccia o che abbiano la pelle verde o altro. L’idea è che tutte le persone sono uguali .”

L’ultimo sequel di “Indiana Jones”, “Il quadrante del destino”, è stato presentato in anteprima a Cannes lo scorso anno, ma Lucas non era presente al festival, rendendo la sua apparizione alla 77a edizione ancora più speciale. Insieme a Coppola, Lucas si unisce a numerosi autori sulla Croisette quest’anno, tra cui Paul Schrader, che ha portato al festival il suo dramma vietnamita “Oh, Canada”, e David Cronenberg, che ha presentato in anteprima il suo ultimo film “The Shrouds”.