Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli attori del 'Blair Witch Project' chiedono royalties retroattive

Gli attori del 'Blair Witch Project' chiedono royalties retroattive

Il team creativo dietro il film horror del 1999 The Blair Witch Project chiede aumenti retroattivi dei compensi per le tre star del film, nonché una “consultazione significativa” su un prossimo riavvio del film.

La richiesta è arrivata sotto forma di lettera aperta intestata da Joshua Leonard, una delle star del film, e inviata a Mezzi sociali sabato, settimane dopo Lionsgate e Blumhouse Annuncia il riavvio.

“Mentre noi, i cineasti originali, rispettiamo il diritto della Lionsgate di monetizzare la proprietà intellettuale come ritiene opportuno, dobbiamo evidenziare gli importanti contributi del cast originale, Heather Donahue, Joshua Leonard e Mike Williams”, si legge nella lettera, citando i due. Altre piste con Leonard.

E continua: “Celebriamo l'eredità del nostro film e, allo stesso modo, crediamo che gli attori meritino di essere celebrati per il loro legame duraturo con il franchise”.

La lettera è stata firmata dai registi del film, Daniel Myrick e Eduardo Sanchez, nonché da Greg Hill, Robin Coy e Michael Monello, che erano i produttori del film originale.

“The Blair Witch Project” è diventato un fenomeno della cultura pop grazie alla sua cinematografia traballante e ai dialoghi spesso improvvisati, nonché al budget ridotto e alla stravagante campagna di marketing su Internet.

Il film, girato in circa una settimana con un budget di 60.000 dollari, fu un successo commerciale e di critica a sorpresa, incassando quasi 250 milioni di dollari: un record per un film indipendente all'epoca.

La recensione del New York Times l'ha definita “la deviazione più creativa dalla tariffa horror standard”.

Myrick e Sanchez hanno avuto l'idea Studenti di cinema presso l'Università della Florida Centrale. Hanno scelto Donahue (ora noto come Ray Hance), Leonard e Williams per interpretare versioni di se stessi nel film come registi di documentari. Gli attori hanno ricevuto una miseria rispetto all'importo totale: lei è stata pagata, ha detto Hanes in una e-mail 1000 dollari Per due settimane di lavoro.

READ  Josh Duhamel sembra aver sposato Audra Marie, dalle feste al Fargo Bar

Inoltre, gli attori erano il massimo Hanno pagato $ 300.000 quando sono stati acquistati dalla loro quota dell’1%, privandoli di fatto del surplus futuro. Non sono stati coinvolti nelle trattative per l'acquisizione, ha detto Leonard in una e-mail.

Dominic Romano, un avvocato dello spettacolo con sede a New York, ha detto che il tentativo da parte del cast originale di “Blair Witch” non avrebbe molte possibilità se provassero a portare la questione in tribunale.

“Lo studio si è preso il rischio di ottenerlo, ha pagato loro un importo prestabilito e hanno potuto condividere il rischio con lo studio”, ha detto Romano. “Invece non l'hanno fatto al momento della vendita”, ha detto, aggiungendo: “Stanno cercando di rinegoziare l'accordo a posteriori”.

Il successo del film ha portato a due sequel: Il libro delle ombre: Blair Witch 2 nel 2000 e Blair Witch nel 2016. Myrick e Sanchez sono stati produttori esecutivi di entrambi i progetti e co-sceneggiatori di uno. Entrambe furono delusioni commerciali. C'è anche un tema “Blair Witch”. Escape room immersiva a Las Vegas.

Alcuni membri dello staff creativo associato al film originale sono rimasti sorpresi dalla notizia.

“A questo punto, sono 25 anni di mancanza di rispetto da parte delle persone che ottengono la parte del leone (gioco di parole) dei profitti dalla nostra attività, e questo sembra sia negativo che inclassificabile”, ha detto Leonard. Su Instagram.

Blum e Lionsgate hanno rifiutato di commentare. I rappresentanti di Merrick e Sanchez non hanno risposto alle richieste di commento.

Il film originale è stato distribuito da Artisan Entertainment, che ha acquisito i diritti per 1 milione di dollari dopo la sua uscita Anteprima al Sundance Film Festival. Volendo trarre vantaggio dal successo dell'originale, Artisan ha promosso un seguito, che ha portato ad una causa nel 2002. Fornito dagli attoriClip dei loro personaggi sono apparse nel film e nel materiale promozionale senza il loro permesso. La Lionsgate ha acquisito la Artisan nel 2003 e non ha negoziato accordi originali per gli attori.

READ  È morto Tom Wilkinson, protagonista di Full Monty e Michael Clayton

Nella loro lettera, gli attori chiedono pagamenti residui legati al franchise di “Blair Witch”, che dicono che avrebbero ricevuto se avessero avuto “un’adeguata rappresentanza sindacale o legale durante la produzione del film”. Inoltre, il team richiede “consulenze significative” sui futuri progetti di Blair Witch, nonché una “Blair Witch Scholarship” – una sovvenzione annuale di $ 60.000 pagata a un aspirante regista che cerca di fare il suo debutto.

“Siamo andati avanti, ma sembrava che la Lionsgate non l'avrebbe mai fatto, quindi era giunto il momento che ci pagassero per questi usi continuati”, ha detto Hance, che ha rifiutato di essere intervistato. ha detto in un post su Instagram il 13 aprile.

“Ciò sottolinea l'importanza di avere una rappresentanza legale, che si tratti di un buon agente, di un buon manager o di avvocati del settore dello spettacolo, prima di firmare un accordo”, ha detto Romano.