Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli investitori del mercato azionario stanno ignorando la curva dei rendimenti che avverte di una recessione, per ora. Ecco perché.

Gli investitori del mercato azionario stanno ignorando la curva dei rendimenti che avverte di una recessione, per ora.  Ecco perché.

Un battito di ciglia e te lo sei perso, ma il rendimento del Tesoro a due anni è stato scambiato per un breve periodo al di sopra del rendimento del titolo a 10 anni martedì pomeriggio, invertendo temporaneamente la curva dei rendimenti e innescando campanelli d’allarme di recessione.

I dati mostrano che in passato non ha pagato per separarsi dalle azioni nel momento in cui la curva dei rendimenti del Tesoro si capovolge, con rendimenti a breve termine superiori a quelli a lungo termine.

Non è un buon strumento di cronometraggio

“Sebbene sia un buon indicatore dei futuri problemi economici, la curva dei rendimenti invertita non è stata un ottimo strumento di tempismo per gli investitori azionari”, ha scritto Brian Levitt, analista del mercato globale di Invesco in una nota del 24 marzo.

essere visto: Una parte importante della curva dei rendimenti del Tesoro si è finalmente capovolta, innescando un avviso di recessione: ecco cosa devono sapere gli investitori

“Ad esempio, gli investitori che hanno venduto quando la curva dei rendimenti si è invertita per la prima volta il 14 dicembre 1988, hanno perso un successivo guadagno del 34% nell’S&P 500”, ha scritto Levitt. “Coloro che hanno venduto quando è successo di nuovo il 26 maggio 1998, hanno perso un ulteriore 39% in più sul mercato”, ha detto. “In effetti, il rendimento medio dell’indice S&P 500 dalla storia in ogni ciclo quando la curva dei rendimenti viene invertita al picco del mercato è del 19%”. (Vedi tabella sotto).

Invesco

Gli investitori di certo non si sono diretti verso le colline martedì. azioni statunitensi Si è concluso con forti guadagnisulla base del rimbalzo dai minimi di inizio marzo al push dell’S&P 500 SPX,
+ 1,23%
Per uscire dalla correzione di mercato entrata a febbraio. Dow Jones Industrial Average DJIA,
+ 0,97%
È balzato di 338 punti, o 1%, mentre il Nasdaq Composite è balzato,
+ 1,84%
anticipo 1,8%.

Leggere: S&P 500 fuori correzione: ecco cosa dice la storia accade accanto all’indice del mercato azionario statunitense

Colpi di stato e cosa significano?

La curva dei rendimenti, la linea che misura i rendimenti su tutte le scadenze, di solito è inclinata verso l’alto a causa del valore temporale del denaro. L’inversione della curva indica che gli investitori si aspettano prezzi a lungo termine inferiori a quelli a breve termine, fenomeno ampiamente visto come segnale di una possibile recessione economica.

Ma c’è anche un ritardo. Levitt ha osservato che i dati, che risalgono al 1965, mostrano che il tempo medio tra un’inversione e una recessione era di 18 mesi, che corrisponde all’intervallo medio tra l’inizio di un’inversione e il massimo dell’S&P 500.

Inoltre, i ricercatori hanno affermato che è necessaria una continua inversione per inviare un segnale, qualcosa che non è ancora accaduto, ma è ancora ampiamente previsto.

Quale curva?

Storno biennale TMUBMUSD02Y,
2.322%
/ 10 anni TMUBMUSD10Y,
2.411%
Ross Mayfield, analista della strategia di investimento di Baird, ha dichiarato lunedì in una nota che la misurazione della curva dei rendimenti ha preceduto tutte e sei le recessioni dal 1978, con un solo falso positivo.

I ricercatori hanno notato che lo spread 3 mesi/10 anni era considerato ugualmente, anche se leggermente, più affidabile ed era più comune tra gli accademici. Presso la Federal Reserve Bank di San Francisco. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell all’inizio di questo mese ha espresso la preferenza per una misura più mirata a breve termine che misuri i tassi a 3 mesi rispetto alle previsioni dei tassi a 3 mesi a 18 mesi nel futuro.

Mayfield ha osservato che la differenza di 3 mesi/10 anni era “lontana dall’essere reversibile”.

essere visto: Gli investitori del mercato azionario dovrebbero guardare questa porzione della curva dei rendimenti per il “miglior indicatore anticipatore di problemi futuri”.

In effetti, la differenza tra le due misure della curva attentamente osservate è stata un graffio per alcuni osservatori del mercato.

“La cosa notevole è che i due sono andati testa a testa fino a circa dicembre 2021, quando i 3m/10 hanno iniziato a diminuire quando i 2/10 sono crollati”, ha affermato in una nota Jim Reed, stratega della Deutsche Bank, martedì. ).

Banca tedesca

“Non c’era una tale differenza di direzione probabilmente a causa della Fed [has] ha detto Reed. “Se i prezzi di mercato sono corretti, recupereranno rapidamente il ritardo nel prossimo anno, quindi è possibile che la metrica 3 mesi/10 anni possa essere piatta poiché i tassi di interesse aumentano a breve termine poiché la Fed aumenta la sua politica di riferimento aliquote.

Il punto, ha scritto Mayfield, è che la curva dei rendimenti è ancora un indicatore forte e almeno indica un’economia fredda.

“La volatilità deve rimanere elevata e il benchmark per il successo dell’investimento alzato. Ma alla fine, riteniamo che valga la pena dedicare del tempo per comprendere il quadro più ampio e non fare affidamento su alcun indicatore.

In uno schema: “Finalmente rompendo la diga”: i rendimenti dei Treasury a 10 anni aumentano fino a superare il canale di trend ribassista visto dalla metà degli anni ’80

READ  Petrolio in calo di oltre il 2% a causa delle preoccupazioni sulla domanda e un dollaro più forte