Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati risolvono il mistero del carburante mancante su Marte

Gli scienziati risolvono il mistero del carburante mancante su Marte

Per quasi due anni, gli ingegneri della NASA si sono preoccupati che la riserva di carburante del Mars Odyssey si stesse esaurendo, Il che porta una tragica fine alla preziosa astronave. Ma a quanto pare, hanno calcolato male ciò che era rimasto nel serbatoio del gas dell’orbiter e che era OK restare per altri due anni, secondo NASA.

Mars Odyssey orbita attorno al Pianeta Rosso da più di due decenni, attraversando l’equivalente di 1,37 miliardi di miglia (2,21 miliardi di chilometri) nello spazio. Quando è stato lanciato nel 2001, l’orbiter aveva 500 libbre (225,3 chilogrammi) di propellente idrazina per alimentarlo attraverso la sua orbita. Viaggi su Marte. Tuttavia, ciò che Odyssey non fa sia indicatore del carburante, rendendo difficile per i controllori di missione Determinare Esattamente quanto carburante c’è in orbita lasciato nel suo armadietto.

Per controllare l’approvvigionamento di carburante dell’orbiter, il team dietro la missione riscalderà i due serbatoi di carburante del veicolo spaziale e vedrà quanto tempo impiegano a raggiungere una certa temperatura. “Come con una teiera, un serbatoio di carburante quasi vuoto si riscalda più velocemente di un serbatoio pieno”, scrive la NASA. Non è perfetto, ma fornisce comunque a Mission Control una buona stima di quanto gas è rimasto nel serbatoio, per così dire.

Nell’estate del 2021, le stime del carburante sembravano indicare che l’Odyssey si stava esaurendo con circa 11 libbre (5 chilogrammi) di propellente rimanente. Più tardi, nel gennaio 2022, i calcoli del team hanno mostrato che erano rimaste solo 6 libbre (2,8 chilogrammi) di idrazina, secondo la NASA. Ciò significa che la missione esaurirà il carburante in meno di un anno, prima di quanto previsto dal team.

READ  Hai un problema di carpenteria stampata in 3D? Prova il picchettamento termico

Odyssey ha scattato questa immagine di una duna di sabbia marziana nel 2006.
immagine: NASA/JPL-Caltech/Arizona State University

Gli ingegneri della spedizione erano perplessi; O la navicella stava perdendo carburante o i loro calcoli erano semplicemente sbagliati. Hanno passato mesi a cercare di capirlo prima di coinvolgere un consulente esterno, Boris Endler, specializzato nella stima del carburante per veicoli spaziali.

Dopo aver studiato il funzionamento interno dell’Odissea, Endler determina il motivo dietro la scomparsa del Carburante. L’orbiter utilizza riscaldatori per evitare che le sue parti si congelino nelle profondità dello spazio e uno dei suoi riscaldatori, che collega i serbatoi di carburante, ha causato il riscaldamento del propellente a una velocità maggiore del previsto. Di conseguenza, i tentativi del team di stimare la quantità di carburante rimasta nell’Odyssey sono stati vanificati poiché il propellente si è riscaldato più velocemente di quanto previsto, portandoli a credere che ci fosse meno carburante nel serbatoio dell’orbiter.

“Il nostro metodo di misurazione era buono. Il problema è che la fluidodinamica che si verifica a bordo di Odyssey è più complessa di quanto pensassimo”, ha dichiarato Jared Cole, del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. Voglio dire, suona un po’ sulla difensiva, ma vabbè.

Il team dietro la missione è tornato al tavolo da disegno, calcolando la quantità di carburante rimasta sull’Odyssey tenendo conto del calore in eccesso. Si scopre che l’orbiter è a posto fino al 2025. Ma questo non significa che lo sia contenuto, Il team sta ancora lavorando per migliorare le misurazioni.

“È un po’ come il nostro processo di scoperta scientifica”, ha detto Cole. “Stai esplorando un sistema di ingegneria e non sai cosa troverai. E più a lungo guardi, più trovi di quanto ti aspettavi.”

Odyssey è un prezioso membro della flotta marziana della NASA. La sonda non solo trasmette dati tra il centro di controllo a terra della NASA e i suoi due rover su Marte, ma ha anche contribuito a rilevare minerali, depositi di ghiaccio e potenziali siti di atterraggio sul Pianeta Rosso. Si spera che nel suo serbatoio sia ancora rimasto del gas per la navicella spaziale, continuando la sua eredità di 22 anni.

Di più: Il rover Curiosity scopre chiare prove di acqua antica su Marte