Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati sviluppano una batteria ultrasottile che può essere caricata con le lacrime

Gli scienziati sviluppano una batteria ultrasottile che può essere caricata con le lacrime

Lo scienziato Lee Seok-woo ha detto che una scena del film “Mission: Impossible” ha ispirato la sua ultima invenzione: batterie per lenti a contatto intelligenti.

Nel quarto film della serie, l’agente indossa lenti a contatto capaci di riconoscimento facciale e tracciamento oculare. Lee voleva trasformare quell’obiettivo in realtà.

“Stavo pensando: ‘Come posso lavorare in questo campo delle lenti a contatto intelligenti?'”, ha detto a “The Edge” della CNBC l’assistente professore presso la Scuola di ingegneria elettrica ed elettronica della Nanyang Technological University.

L’esperienza di Li con i componenti delle batterie è servita da trampolino di lancio per il suo ingresso nel campo della tecnologia indossabile. Si rese conto che le lenti a contatto intelligenti avrebbero avuto bisogno di batterie sicure e integrate, essenziali per far avanzare lo sviluppo di questi dispositivi.

Le lenti a contatto stesse sono molto sottili, con uno spessore di soli 0,5 mm, quindi le dimensioni e la flessibilità di queste batterie sono fondamentali per prevenire il disagio dell’utente.

“La nostra batteria ha uno spessore di circa 0,2 mm, ovvero circa il doppio dello spessore di un capello umano”, ha affermato Lee.

Dimostrazione di come le lenti a contatto intelligenti si adattano a un modello dell’occhio umano.

Lauren Chu | CNBC

Lee e il suo team hanno inventato una batteria che può essere alimentata utilizzando una soluzione salina biocompatibile come alternativa alle batterie agli ioni di litio, che contengono materiali infiammabili.

Questa nuova batteria può essere caricata utilizzando il metodo di cablaggio tradizionale o il metodo chimico. La batteria è rivestita di glucosio e, quando immersa in una soluzione salina, il glucosio reagisce con gli ioni di sodio e cloruro per caricarla.

READ  Cities: Skylines II è stato annunciato per PS5, Xbox Series X e PC

Gli scienziati della NTU di Singapore dimostrano come è possibile caricare una batteria per lenti a contatto intelligenti utilizzando il metodo di cablaggio tradizionale.

Lauren Chu | CNBC

Dopo otto ore di ricarica chimica, la batteria può raggiungere l’80% della sua piena capacità. Successivamente può essere utilizzato per alcune ore durante la giornata.

Tuttavia, esiste un altro modo insolito di far funzionare la batteria.

“La soluzione lacrimale contiene anche glucosio. Ciò significa che mentre indossi le lenti a contatto, le tue lacrime possono anche caricare la batteria”, ha detto Lee.

“Se piangi di più, puoi caricare di più la batteria.”

Uno scienziato mostra una lente a contatto intelligente dotata di un prototipo funzionante di una piccola batteria.

Lauren Chu | CNBC

Attualmente la capacità e la tensione della batteria sono ancora molto basse. Utilizzando entrambi i metodi, la batteria può produrre solo una tensione di circa 0,3 V – 0,6 V. La tensione standard per una singola batteria AA è di 1,5 volt.

A questo punto, questo risultato non è sufficiente per alimentare l’archiviazione dei dati o la connettività Internet, ma il team sta lavorando allo sviluppo delle specifiche della batteria.

Il potenziale partner che ha individuato per me lavora nel settore sanitario.

“Utilizziamo il glucosio come biocarburante. Ci sono molti diabetici che controllano il loro livello di glucosio ogni giorno”, ha detto Lee.

“Abbiamo studiato come rilevare il livello di glucosio mentre l’utente indossava le lenti a contatto”.

Nonostante le potenziali prospettive di tale innovazione, Li ritiene che i costi dovrebbero essere mantenuti bassi, tenendo conto della capacità delle batterie.

“Una volta commercializzata seriamente, la batteria dovrebbe costare solo pochi dollari”.

READ  iPhone 16 Pro: quattro nuove funzionalità della fotocamera in arrivo quest'anno