Dicembre 4, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti intendono boicottare diplomaticamente le Olimpiadi invernali di Pechino

Washington (AB) – Gli Stati Uniti effettueranno un boicottaggio diplomatico delle prossime Olimpiadi invernali di Pechino. La Casa Bianca lunedì ha riaffermato la sua opposizione alle violazioni dei diritti umani in Cina, affermando che la Cina accoglierebbe con favore la mossa con “decise contromisure”.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che gli atleti americani continueranno a gareggiare e “avranno il nostro pieno sostegno”, ma “non contribuiranno al tifo per i Giochi”.

“Di fronte alle gravi violazioni dei diritti umani e alle atrocità della Repubblica popolare cinese nello Xinjiang, la rappresentanza diplomatica o ufficiale degli Stati Uniti scambierà questi giochi come al solito, e non possiamo farlo”, ha detto Psaki ai giornalisti durante la conferenza di lunedì.

“Abbiamo un impegno fondamentale nella promozione dei diritti umani. Siamo impegnati nella nostra posizione e continueremo a lavorare per promuovere i diritti umani in Cina e oltre”.

L’annuncio arriva mentre Biden si prepara a ospitare un incontro virtuale di leader ed esperti della società civile di oltre 100 paesi giovedì e venerdì per ospitare il vertice della Casa Bianca sulla democrazia. L’amministrazione ha affermato che vorrebbe utilizzare l’incontro di Biden per “annunciare impegni, riforme e iniziative sia individuali che collettivi per proteggere la democrazia ei diritti umani in patria e all’estero”.

Il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, Robert Menendez, ha definito il DNJ tale boicottaggio diplomatico “un passo necessario per dimostrare il nostro incrollabile impegno per i diritti umani di fronte agli abusi senza scrupoli del governo cinese”.

Ha invitato “altri alleati e partner che condividono i nostri valori a unirsi agli Stati Uniti in questo boicottaggio diplomatico”.

Tuttavia, il senatore del Partito Repubblicano dell’Arkansas. Tom Cotton ha definito il boicottaggio diplomatico “mezza azione”. Funzionari statunitensi, tra cui Biden, hanno criticato Pechino per le violazioni dei diritti umani contro gli uiguri nella provincia nordoccidentale dello Xinjiang, la repressione delle proteste democratiche a Hong Kong e l’occupazione militare dell’isola autonoma di Taiwan. L’amministrazione del presidente Donald Trump nei suoi ultimi giorni ha dichiarato “genocidio” gli abusi nella Cina nordoccidentale.

READ  Ondata di caldo negli Stati Uniti: le temperature pericolosamente alte dureranno per tutto il fine settimana, con milioni di americani che sperimenteranno un caldo a tre cifre

“Gli Stati Uniti devono ignorare completamente i giochi genocidi a Pechino”, ha detto Cotton. “Le imprese americane non dovrebbero finanziare il Partito comunista cinese e non dovremmo esporre il Team USA ai pericoli di un regime dittatoriale spregevole che perde i propri giocatori”.

Cotton sembrava riferirsi all’ex campione di doppio del Grande Slam Peng Shuai, che è stato eliminato dalla vista dopo aver accusato pubblicamente di molestie sessuali un ex alto funzionario del Partito Comunista. Le preoccupazioni per la sua sicurezza hanno spinto la Women’s Tennis Association a sospendere gli eventi in Cina e a fornire ulteriore carburante a coloro che si oppongono a ospitare i giochi cinesi.

Psaki non ha voluto commentare gli atleti trascinati da Biden, molti dei quali si sono allenati per anni per competere sulla scena mondiale. Negli anni ’80, nel bel mezzo della Guerra Fredda, Jimmy Carter ospitò gli atleti americani delle Olimpiadi estive del 1980 a Mosca contro l’invasione sovietica dell’Afghanistan.

“Non pensiamo che questa sia la mossa giusta per imporre multe agli atleti che si allenano e si preparano per il momento, e riteniamo di poter inviare un messaggio chiaro senza inviare rappresentanti ufficiali degli Stati Uniti”, ha detto Psaki.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha accusato i politici statunitensi di essere troppo generosi nel non inviare funzionari di alto rango a partecipare a eventi che la Cina ritiene mostreranno la sua crescita economica e la sua abilità tecnologica.

Parlando con i giornalisti alla conferenza quotidiana, Zhao ha affermato che una tale mossa sarebbe una “provocazione politica completa”, ma non ha spiegato come la Cina potrebbe vendicarsi.

READ  Il Senato ha votato per approvare l'adesione alla NATO di Svezia e Finlandia

Difensori dei diritti umani E i legislatori negli Stati Uniti che sostengono un boicottaggio dicono che è un passo necessario. Citano lo scarso record della Cina sui diritti umani, dicendo che la Cina sta usando i giochi per maltrattare gli attivisti per i diritti civili, gli oppositori politici e le minoranze etniche.

“Non invitati, i politici statunitensi stanno incoraggiando il cosiddetto boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino, che è un pensiero puramente facoltativo e grandioso”, ha detto Zhao ai giornalisti durante la conferenza quotidiana. “Se la parte americana cerca di andare per la propria strada, la Cina intraprenderà un’azione decisiva”.

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha dichiarato in una nota che “rispetta pienamente” la decisione di escludere le personalità dallo sport “una decisione politica per ogni governo”.

“Allo stesso tempo, questo annuncio chiarisce che la partecipazione alle Olimpiadi e la partecipazione degli atleti è al di là della politica, e lo accogliamo con favore”, ha affermato la dichiarazione del Cio.

La presidente della Camera Nancy Pelosi, che da mesi sostiene un boicottaggio diplomatico, ha elogiato Biden per aver fatto il passo. Tuttavia, il Cio afferma che consentire a un Paese di ospitare le Olimpiadi per “vergognoso record di diritti umani” è una presa in giro della Carta olimpica, che cerca di rispettare i principi etici universali e fondamentali dello sport”.

L’invio dei migliori delegati a ciascuna Olimpiade è stata a lungo una tradizione tra gli Stati Uniti e le altre nazioni leader. L’allora presidente George W. Bush. Bush ha partecipato alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Estivi di Pechino 2008. La First Lady Jill Biden ha guidato la squadra americana alle Olimpiadi estive di Tokyo di quest’anno e il secondo gentleman Doug Mhoff ha guidato una delegazione ai Giochi Paralimpici.

READ  GameStop ha licenziato i dipendenti e licenziato il suo CFO

Il boicottaggio diplomatico arriva mentre gli Stati Uniti cercano di stabilizzare le relazioni instabili con Pechino, pur mantenendo una posizione dura sul commercio e sui conflitti sulle attività della Cina a Taiwan, sui diritti umani, a Hong Kong e nel Mar Cinese Meridionale. La CNN ha riferito per la prima volta che è previsto un annuncio questa settimana.

Pechino ha risposto duramente a tutte le critiche degli Stati Uniti, condannandole per aver interferito nei suoi affari interni e aver vietato i visti ai politici statunitensi che ritiene anti-cinesi.

Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto.

Anche l’Australia, le cui relazioni con la Cina sono state invischiate in una serie di polemiche, ha sollevato la possibilità di un boicottaggio diplomatico.

Quando Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno parlato il mese scorso, Zaki ha affermato che i giochi non hanno discusso del boicottaggio diplomatico. Ha riconosciuto che il loro numero non era sufficiente per sconfiggere il governo di Pittsburgh.