Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti sono prossimi a completare la costruzione di un bacino galleggiante da 320 milioni di dollari per aiutare Gaza

Gli Stati Uniti sono prossimi a completare la costruzione di un bacino galleggiante da 320 milioni di dollari per aiutare Gaza

Apri Editor's Digest gratuitamente

L’esercito americano è in fase di completamento di un bacino galleggiante da 320 milioni di dollari al largo di Gaza, un progetto complesso che consentirà il trasporto di aiuti umanitari via mare verso l’enclave bloccata dove le rotte terrestri più affidabili sono state interrotte dalla politica e dalla guerra.

Centinaia di soldati statunitensi hanno trascorso settimane a costruire la struttura volta a calmare la terribile crisi umanitaria nella Striscia, dove le navi della Marina statunitense trasportano attrezzature specializzate fino a un punto a circa due miglia dalla costa dove dovrebbero attraccare le navi umanitarie in arrivo da Cipro.

Da lì, una flotta di piccole navi trasporterà le merci in un sito sulla costa di Gaza, dove l’esercito israeliano ha ripulito 70 acri di terra. Il Pentagono stima che questa iniziativa sia già costata 320 milioni di dollari. I lavori di prova del molo potrebbero iniziare non prima di metà maggio, e si prevede che funzionerà solo fino all'autunno, quando il tempo cambierà, secondo due persone che hanno familiarità con il progetto.

Il progetto, promesso dal presidente americano Joe Biden all’inizio di marzo, mira a superare alcuni degli ostacoli creati dalla politica e dalla burocrazia israeliane nel fornire alla Striscia aiuti sufficienti per salvare Gaza dall’orlo della carestia.

Ma la necessità di uno sforzo così complesso e costoso per trasportare gli aiuti a 250 miglia dall’isola mediterranea di Cipro rimane in discussione. Gaza ha diversi valichi di frontiera attraverso i quali la Striscia può essere “inondata di aiuti”, come i funzionari americani hanno ripetutamente affermato di volere.

READ  Gli Stati Uniti abbattono i missili antinave Houthi per la seconda volta in 3 giorni

Invece, centinaia di camion carichi di cibo, medicine e altri beni di prima necessità rimangono bloccati fuori dai confini terrestri di Gaza in attesa dell’autorizzazione da parte dell’esercito israeliano, o non possono entrare nella Striscia perché le strade danneggiate e l’illegalità rendono difficile la distribuzione.

“È una distrazione inutile”, ha detto del nuovo marciapiede un alto funzionario delle Nazioni Unite, che ha chiesto di rimanere anonimo. “Ci sono strade, ci sono valichi di frontiera – ci sono [already] Gli aiuti stanno aspettando fuori Gaza”.

I gruppi umanitari e gli Stati Uniti concordano sul fatto che trasportare merci a Gaza è il modo migliore per garantire che i civili palestinesi ricevano le migliaia di tonnellate di aiuti acquistati dalle Nazioni Unite e da altri organismi internazionali.

A marzo le Nazioni Unite hanno affermato che l’intera Striscia di Gaza era sull’orlo di una carestia provocata dall’uomo e che la carestia si stava diffondendo nella metà settentrionale della Striscia.

Con il rifiuto di Israele di consentire all'agenzia di soccorso dell'UNRWA di distribuire aiuti via mare, gli Stati Uniti hanno mediato un accordo con il Programma alimentare mondiale per assumersi il compito di fornire alcuni aiuti al nord di Gaza. Il resto degli aiuti, che viaggeranno per diversi giorni a bordo della nave, saranno trasportati nei magazzini delle Nazioni Unite nel sud di Gaza, alcuni dei quali si trovano a pochi minuti di macchina dal territorio israeliano.

L’inefficienza e il costo di queste spedizioni rispecchiano ciò che è accaduto con i pallet di aiuti lanciati a Gaza nelle ultime settimane, con navi da trasporto militare che trasportavano al massimo qualche camion carico di rifornimenti sganciati dal retro degli aerei. Molti di loro sono caduti in acqua e alcuni hanno addirittura ferito e ucciso palestinesi.

READ  La Russia prende di mira le dighe mentre le forze ucraine si spingono a sud

Persuadere Israele a semplificare e facilitare il trasferimento degli aiuti a Gaza è diventato uno sforzo diplomatico internazionale. Ci sono volute settimane di pressioni americane affinché Israele aprisse parzialmente un valico per consentire ai camion degli aiuti di guidare per 30 minuti dal porto di Ashdod.

Finora, le Nazioni Unite e altre agenzie lamentano il numero insufficiente di scanner ai posti di controllo di sicurezza israeliani, il rifiuto arbitrario di un certo numero di camion e l’insufficiente sicurezza sulle strade principali all’interno di Gaza per lo spostamento dei camion degli aiuti.

Israele ispezionerà gli aiuti destinati al molo statunitense nella stessa Cipro, e i funzionari statunitensi sperano di accelerare le consegne “una volta che gli aiuti umanitari avranno raggiunto la riva” a Gaza. Le Nazioni Unite e altre agenzie umanitarie hanno affermato che le ispezioni israeliane ai confini terrestri rappresentano un collo di bottiglia ricorrente.

Gran parte della destra israeliana si oppone alla consegna di aiuti ai civili a Gaza finché Hamas non rilascerà gli ostaggi che tiene ancora in ostaggio, e la polizia ha fatto ben poco per sedare le proteste periodiche lungo il percorso che i camion devono prendere, e al tempo stesso ingresso alla Striscia. Attraversamento di Kerem Shalom, a sud della Striscia di Gaza.

Mercoledì i manifestanti hanno fermato un convoglio umanitario giordano che viaggiava attraverso Israele, gettando rifornimenti sulla strada, secondo un video pubblicato online. La polizia israeliana ha detto che stava conducendo un'indagine.

Un funzionario americano ha detto ai giornalisti la settimana scorsa che il molo e le infrastrutture adiacenti, a piena capacità, potrebbero essere in grado di gestire l’equivalente di circa 150 camion carichi di aiuti. Prima dell’inizio della guerra, il 7 ottobre, Gaza riceveva circa 500 camion di aiuti al giorno, mentre la media è arrivata a circa 200 al giorno negli ultimi sei mesi.

READ  Biden e il principe ereditario saudita hanno in programma di incontrarsi alla fine di questo mese

Le Nazioni Unite stimano che Gaza avrà bisogno di fino a 1.000 camion di aiuti al giorno nelle prossime settimane per superare la grave carenza di cibo, medicine e altre forniture vitali che si è accumulata negli ultimi mesi.

Martedì, in un incontro con il primo ministro Benjamin Netanyahu, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha riconosciuto che Israele ha apportato alcuni miglioramenti dall’inizio di aprile, quando Biden ha spinto Netanyahu a semplificare il movimento degli aiuti a Gaza.

“Il progresso è reale ma, data la necessità, data l’enorme necessità di Gaza, deve essere accelerato e sostenuto”, ha detto Blinken mercoledì nel porto di Ashdod.