Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La giunta militare del Myanmar rilascia l’economista australiano ed ex inviato britannico con un’amnistia di massa

La giunta militare del Myanmar rilascia l'economista australiano ed ex inviato britannico con un'amnistia di massa
  • Un australiano è stato trattenuto per 650 giorni per violazione di segreti di stato
  • Gli oppositori mettono in dubbio le motivazioni del consiglio militare
  • Turnell diretto in Australia – PM
  • L’intelligenza artificiale è un punto luminoso in un “momento incredibilmente oscuro” – Blinken

(Reuters) – L’esercito al governo del Myanmar ha rilasciato giovedì un ex ambasciatore britannico, un regista giapponese e un consigliere economico australiano della destituita leader Aung San Suu Kyi, tra circa 6.000 prigionieri coperti da un’amnistia di massa, hanno detto funzionari.

L’Australia ha detto che l’economista Sean Tornell ha lasciato il Myanmar giovedì ed è arrivato nella vicina Thailandia, mentre una fonte diplomatica ha confermato che l’ex inviato britannico Vicki Bowman aveva lasciato il paese.

La MRTV statale del Myanmar ha trasmesso filmati della coppia, così come il giapponese Toru Kubota, mentre firma i documenti di uscita con i funzionari. Gli Stati Uniti hanno dichiarato che il suo cittadino, Kyaw Htay O, è stato rilasciato.

Tornell è stato arrestato pochi giorni dopo che i militari avevano preso il potere dal governo eletto di Suu Kyi nel febbraio dello scorso anno, ponendo fine a un decennio di democrazia provvisoria.

Il colpo di stato ha scatenato il caos e la sanguinosa repressione del dissenso da parte dell’esercito ha attirato la condanna internazionale e alimentato un movimento di resistenza armata contro l’esercito.

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha ringraziato i leader di Thailandia e Cambogia per aver fatto pressioni sui militari per il rilascio di Turnell, riconosciuto colpevole di aver violato i segreti di stato e condannato a settembre a tre anni di carcere.

READ  I ministri della difesa Usa e cinese restano fermi su Taiwan nel primo incontro

“Ho appena parlato con Sean Turnell, che è stato rilasciato dopo 650 giorni di ingiusta e iniqua detenzione in Myanmar”, ha detto Albanese ai giornalisti a Bangkok dove sta partecipando al vertice della cooperazione economica Asia-Pacifico.

Si recherà in Australia di notte per stare con la sua famiglia.

I media controllati dallo stato hanno affermato che l’amnistia includeva 5.774 prigionieri e stranieri che sono stati rilasciati “a causa delle relazioni con altri paesi e anche per scopi umanitari”.

Parlando a Bangkok, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che il rilascio è stato “un punto luminoso in un momento altrimenti incredibilmente oscuro”.

“Se questo indica qualcosa di più ampio sulle intenzioni del regime, non posso dirvelo, è troppo presto per dirlo”.

Tattiche degli ostaggi

Il governo ombra di unità nazionale del Myanmar, che sostiene il movimento di resistenza, ha affermato che l’amnistia è incoraggiante, ma ha affermato che il mondo non dovrebbe essere ingannato.

“Questi tipi di tattiche di presa di ostaggi da parte della giunta non dovrebbero ingannare la comunità internazionale nel pensare che i militari abbiano cambiato colore”, ha detto Htin Lien Aung, ministro e portavoce del governo di unità nazionale.

Un portavoce del consiglio militare non ha risposto alle chiamate a Reuters in cerca di commenti.

READ  L'ultima guerra Russia-Ucraina: cosa sappiamo il giorno 186 dell'invasione | Ucraina

Bowman, ambasciatore della Gran Bretagna dal 2002 al 2006, a capo di un gruppo che promuove il business etico in Myanmar, era stato incarcerato per violazioni dell’immigrazione.

I media hanno riferito che Kyaw Htay o è stato arrestato con l’accusa di terrorismo. Kubota è stato condannato il mese scorso 10 anni di carcere Violare le leggi sulla sedizione e sulle comunicazioni.

I gruppi per i diritti umani hanno affermato che gli arresti di loro e di migliaia di altri erano politicamente motivati. Il consiglio militare ha negato questo.

Il segretario capo di gabinetto giapponese Hirokazu Matsuno ha dichiarato giovedì scorso che il Giappone “continuerà a chiedere al Myanmar di adottare misure specifiche e appropriate per ricostruire una società democratica e risolvere i problemi in modo pacifico e serio”.

Secondo i media statali, altri inclusi nell’amnistia sono 11 celebrità oltre a Kyaw Tint Swee, ex ministro e stretto collaboratore di Suu Kyi.

L’ex portavoce del partito al governo Suu Kyi Myo Nyunt e l’eminente sostenitrice della democrazia Mya Aye erano tra coloro che hanno assistito all’uscita dalla prigione di Insein nella più grande città di Yangon.

“Sarò con il popolo del Myanmar, qualunque cosa accada”, ha detto Mya Aye.

L’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici, che ha documentato la repressione militare, ha affermato che il consiglio militare ha rilasciato gli stranieri per allentare la pressione politica.

“Ancora una volta, i prigionieri politici vengono usati come merce di scambio”, ha aggiunto.

Le persone non dovrebbero essere incarcerate per aver espresso le proprie opinioni politiche, ha affermato Phil Robertson, vicedirettore per l’Asia di Human Rights Watch.

“Si spera che questo rilascio non sia un evento unico, ma piuttosto l’inizio di un processo da parte del consiglio militare per liberare tutti i prigionieri politici”, ha detto.

READ  Mosca minaccia di vendicarsi se la NATO si muove con armi nucleari vicino ai suoi confini

Segnalazione da parte del personale Reuters. Scritto da Kanupriya Kapoor e Martin Beatty; Montaggio di Lincoln Feast, Simon Cameron Moore, William Maclean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.