Aprile 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Unhappy Trail Blazers di Stephen A. Smith hanno potenzialmente chiuso Damian Lillard

Gli Unhappy Trail Blazers di Stephen A. Smith hanno potenzialmente chiuso Damian Lillard

I Portland Trail Blazers 31-40 sono la testa di serie numero 13 nella NBA Western Conference, avendo perso otto delle ultime 10 partite e potenzialmente una possibilità di lottare al torneo. Nel bel mezzo di una campagna deludente, circolavano voci secondo cui il franchise avrebbe potuto chiudere Damian Lillard per il resto della stagione regolare.

L’analista ESPN Stephen A. Smith che tiene a freno la lingua, e Parla francamente In “First Take” sulla potenziale chiusura di Lillard e sul suo essere così infastidito dalla lealtà di Lillard al franchise:

Si può ricavare molto da una clip audio di Smith, ma niente di meglio del suo dire: “Loro [Portland] È solo che non ce l’ho.” Smith ha ragione: i Trail Blazers non hanno un roster degno di un campionato.

I numeri mostrano che i Blazers sono una squadra sopra la media in attacco e una squadra secondaria in difesa. Ma il test della vista ha urlato per il ribaltamento imprudente, l’incapacità di intercettare tutti e tre i puntatori in modo coerente, una scarsa protezione del bordo e persino una scarsa difesa perimetrale.

Certo, gli infortuni sbagliati hanno privato Portland di arrivare al round finale nel corso della stagione regolare, ma non sembravano una squadra che potesse uscire seriamente dai playoff per mesi, anche a pieno regime. Potrebbe essere saggio chiudere Lillard.

Il 32enne ha lottato con fastidiosi handicap durante tutto l’anno, principalmente un infortunio al polpaccio che gli ha fatto saltare 12 delle prime 23 partite di Portland. Interpretare Lillard apre la porta al riaggravamento o peggio.

Smith ha anche affermato che “i Portland Trail Blazers non sono il posto dove stare”. Lillard ha costantemente dichiarato la sua incrollabile lealtà alla città di Portland e all’organizzazione dei Blazers. La sua partenza per pascoli più verdi è altamente improbabile, poiché ha raddoppiato quei sentimenti nella sua recente apparizione nel podcast “Old Man and the Three” di JJ Redick.

La direzione di Blazers dovrebbe sentirsi obbligata a ripagare la lealtà a Lillard costruendo un team All-Star competitivo per il 2023. L’acquisizione di Jerami Grant è stato il primo passo. Soprattutto, devono riutilizzare la posizione centrale e portare uomini di linea difensivi senior più alti e versatili in bassa stagione. È necessario un difensore perimetrale alto con altezza al centro di partenza, e il playmaker del passaggio si inserirà per primo per facilitare a Dame gli ultimi ritocchi su un contendente serio.

Per saperne di più

READ  Il rapporto afferma che Giannis Antetokounmo di Bucks ha subito un intervento chirurgico al ginocchio