Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guerra tra Israele e Gaza: i recenti colloqui per il cessate il fuoco non sono molto promettenti – Qatar

Guerra tra Israele e Gaza: i recenti colloqui per il cessate il fuoco non sono molto promettenti – Qatar

Il mediatore Qatar ha affermato che i colloqui volti ad concordare un cessate il fuoco tra Israele e Hamas a Gaza “non sono stati molto promettenti” negli ultimi giorni.

Il primo ministro Mohammed bin Abdul Rahman Al Thani si è detto ottimista ma ha aggiunto che “il tempo non è dalla nostra parte”.

Ciò avviene nel momento in cui il primo ministro israeliano ha dichiarato che porterà avanti i piani per un’invasione di terra di Rafah, nonostante la crescente pressione internazionale.

Hamas ha accusato Israele di non aver fatto progressi nel raggiungere un accordo di cessate il fuoco.

I colloqui si svolgono al Cairo, dove alti funzionari di Stati Uniti, Israele, Egitto e Qatar si incontrano per cercare di mediare la fine dei combattimenti.

“Lo schema degli ultimi giorni [is] “Non è molto promettente, ma come ripeto sempre, rimarremo sempre ottimisti e manterremo sempre la pressione”, ha detto Sheikh Mohammed durante un incontro dei leader mondiali alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

Ha aggiunto: “Credo in questo accordo perché stiamo parlando su una scala più ampia e vediamo ancora alcune difficoltà nell'aspetto umanitario di questi negoziati”.

Ma ha detto che la tregua non dovrebbe dipendere dal raggiungimento di un accordo per il rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas.

Ha detto: “Questo è il dilemma in cui siamo caduti, e sfortunatamente molti paesi ne hanno fatto un uso improprio. Per raggiungere un cessate il fuoco, il raggiungimento di un accordo sugli ostaggi è condizionato”.

Israele ha lanciato il suo attacco militare dopo che i militanti guidati da Hamas hanno ucciso almeno 1.200 persone e preso 253 ostaggi in un attacco a sorpresa sul suo territorio il 7 ottobre.

Il Ministero della Sanità guidato da Hamas afferma che più di 28.800 persone – la maggior parte delle quali donne e bambini – sono state uccise nella campagna israeliana.

Sabato, parlando a Gerusalemme, Netanyahu ha ribadito il suo obiettivo di distruggere Hamas e ha detto che le sue forze avrebbero combattuto finché Israele non avesse ottenuto la “vittoria totale”.

Ha detto che coloro che si oppongono all'azione militare nella città più meridionale di Rafah nella Striscia di Gaza, da cui sono fuggite circa 1,5 milioni di persone, stanno effettivamente chiedendo al paese di “perdere la guerra”, aggiungendo che le sue forze entrerebbero anche se un accordo è stato raggiunto sugli ostaggi.

Nei primi giorni della guerra, Israele ordinò ai palestinesi di cercare rifugio a Rafah mentre l’esercito israeliano si muoveva contro le città del nord.

Le autorità israeliane hanno dichiarato questa settimana di voler trasferire i civili in quella che chiamano una “zona umanitaria” – una sottile striscia di terreno agricolo lungo la costa mediterranea conosciuta come Al-Mawasi.

Il presidente Biden ha esortato Israele a non lanciare un attacco a Rafah senza un piano per preservare la sicurezza dei civili.

Netanyahu deve anche affrontare pressioni interne per rimpatriare gli ostaggi ancora a Gaza.

Nel frattempo, Hamas ha accusato Israele per la mancanza di progressi nel raggiungimento di un accordo di cessate il fuoco e ha minacciato di sospendere la sua partecipazione a meno che non fossero stati portati aiuti umanitari nel nord di Gaza. Le agenzie umanitarie affermano di essere sempre più preoccupate per la carenza di cibo, acqua e medicinali nella zona.