Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guerra tra Israele e Hamas: gruppo armato disposto al disarmo se verrà creato uno stato palestinese, dicono i funzionari di Hamas

Guerra tra Israele e Hamas: gruppo armato disposto al disarmo se verrà creato uno stato palestinese, dicono i funzionari di Hamas

Chris McGrath/Getty Images

Combattenti palestinesi di Hamas durante una parata militare nell'area di Bani Suhaila il 20 luglio 2017 a Gaza City, Gaza.



CNN

Alcuni Funzionari di Hamas Sottolineano che il gruppo armato potrebbe abbandonare la lotta armata contro Israele se i palestinesi ottenessero uno stato indipendente nei territori da loro occupati. Israele Nella guerra del 1967.

I messaggi indicano un ammorbidimento della posizione di Hamas, poiché è in gioco il suo destino Bombardamento israeliano della Striscia di GazaChe prima della guerra era governato da Hamas. Il gruppo armato palestinese chiede da tempo la distruzione dello Stato ebraico.

Basem Naim, membro dell'ufficio politico di Hamas con sede a Istanbul, ha detto giovedì alla CNN che il movimento accetterebbe il disarmo se fosse creato uno stato palestinese indipendente.

Ha aggiunto: “Se si creasse uno Stato indipendente con Gerusalemme come capitale, preservando il diritto al ritorno dei rifugiati, sarebbe possibile integrare le Brigate Al-Qassam nel (futuro) esercito nazionale”, riferendosi al braccio armato di il movimento.

Hamas ha tradizionalmente rifiutato una soluzione a due Stati che porterebbe alla creazione di uno Stato palestinese accanto a Israele, e ha invece chiesto la creazione di uno Stato palestinese sull’intero territorio della Palestina storica che oggi comprende Israele, Israele. Cisgiordania occupataGerusalemme Est e Gaza occupate.

Mustafà BarghouthiIl capo dell'Iniziativa Nazionale Palestinese ha detto di non essere stato a conoscenza prima dell'offerta di Hamas di deporre le armi, ma ha detto che se fosse vero sarebbe un passo importante.

“È importante nel senso che i palestinesi resistono all’occupazione perché l’occupazione c’è”, ha detto alla CNN. “Se l’occupazione non esistesse, non avrebbero bisogno di resistervi”, ha detto, riferendosi al controllo militare di Israele sulle terre occupate nel 1967, dove vivono milioni di palestinesi.

READ  Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Ephraim Inbar, capo del Jerusalem Institute for Strategy and Security, ha affermato che chiedere il ritorno dei rifugiati palestinesi alle loro case ancestrali in quello che oggi è Israele sarebbe un fallimento perché potrebbe equivalere alla “distruzione dello Stato di Israele”. ” Dove gli ebrei costituiscono la maggioranza.

Ha descritto l'offerta di Hamas come una trovata di pubbliche relazioni rivolta ai paesi occidentali.

Ha detto: “Vedono che c’è molto sostegno nel mondo occidentale (per i palestinesi)… e stanno cercando di dimostrare che loro sono i buoni, e Israele è i cattivi, e Israele dirà di no”. .”

Ha detto che gli Stati Uniti e i paesi europei potrebbero usarlo per chiedere a Israele di “dare loro una possibilità”, ma Israele probabilmente accetterebbe il gesto con “un granello di sale”.

Il governo di Netanyahu ha promesso di eliminare Hamas dopo aver condotto un attacco contro Israele il 7 ottobre, uccidendo 1.200 persone e rapindone altre 250.

Lo ha detto mercoledì un alto funzionario di Hamas, Khalil al-Hayya Lo ha detto all'Associated Press A Istanbul, il gruppo ha annunciato l’accettazione di “uno Stato palestinese pienamente sovrano in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza e il ritorno dei rifugiati palestinesi in conformità con le risoluzioni internazionali”.

Israele occupò la Cisgiordania, Gerusalemme Est e Gaza nella guerra del 1967. Questi territori sono considerati dal diritto internazionale e dalla maggior parte della comunità internazionale territori occupati e sono i luoghi in cui i palestinesi vogliono stabilire il loro futuro Stato. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si oppone da tempo a tale possibilità, sostenendo che metterebbe a repentaglio la sicurezza del suo Paese.

Al-Hayya ha anche detto all'AP che Hamas si unirà all'Organizzazione per la Liberazione della Palestina per formare un governo unificato per Gaza e la Cisgiordania. Hamas si è astenuto dall’aderire all’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, un gruppo ombrello che comprende fazioni palestinesi con cui ha firmato accordi di pace negli anni ’90.

READ  I soccorritori scavano per raggiungere 40 lavoratori intrappolati in un tunnel stradale crollato nel nord dell'India

Barghouti ha affermato che Hamas lo aveva indicato fin dal 2007, quando guidava un movimento palestinese Governo di unità nazionaleÈ pronto ad accettare uno Stato palestinese ai confini del 1967. Hamas ha aggiunto che è favorevole anche all'adesione all'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, ma un simile passo non raggiungerebbe automaticamente il livello di riconoscimento di Israele o degli Accordi di Oslo che l'OLP ha firmato con esso. negli anni '90.

Hamas non ha rilasciato una dichiarazione ufficiale che specifichi le concessioni promosse dai suoi funzionari, e non è chiaro se le dichiarazioni rilasciate dai suoi funzionari all'estero riflettano il pensiero della sua ala militare sul terreno a Gaza.

In risposta alla domanda se la dichiarazione di Al-Hayya all’Associated Press equivalga a un cambiamento nella posizione di Hamas, Naim ha detto alla CNN che le sue dichiarazioni riflettono i messaggi del movimento dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas.

Israele finora non è riuscito a raggiungere il suo obiettivo dichiarato Eliminare Hamas della Striscia di Gaza, senza che gli alti dirigenti del gruppo siano stati catturati né uccisi, ma ha ridotto significativamente le sue capacità militari e la capacità di governare lì poiché la sua campagna di bombardamenti ha decimato l’enclave.

La settimana scorsa, il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan ha dichiarato, in una conferenza stampa nella capitale del Qatar, Doha, che Hamas è pronto ad agire da solo. Come partito politico Una volta creato uno Stato palestinese, citando gli incontri tra il gruppo e funzionari turchi.

Ha invitato Hamas a “esprimere chiaramente le sue posizioni”.

Inbar, del Jerusalem Institute for Strategy and Security, ha affermato che dopo il 7 ottobre gli israeliani trattano Hamas come un'entità ostile e vogliono vederla sconfitta. “Comprendiamo che cercheranno di ricostruire le infrastrutture militari” dopo che Israele le avrà distrutte, ha detto, aggiungendo che Israele continuerà a “falciare l’erba”, riferendosi a operazioni militari occasionali per ridurre la capacità militare di Hamas.

READ  Dignità negata perché più di 3.000 scuole in Sud Africa usano ancora latrine a fossa