Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hai fatto un’offerta per acquistare un appartamento. Poi il venditore ha saputo che era nero.

Hai fatto un’offerta per acquistare un appartamento.  Poi il venditore ha saputo che era nero.

L’appartamento di Virginia Beach, arroccato su una collina che domina l’Oceano Atlantico, era esattamente ciò che voleva il dottor Raven Baxter. Aveva un camino in marmo, un atrio privato e dettagli come modanature a corona e pannelli in legno nelle tre camere da letto e nei tre bagni.

A $ 749.000, anche quello rientrava nel suo budget. Ho offerto il prezzo richiesto, che è stato accettato, e ho inviato un acconto. All’inizio di questo mese, mentre era in deposito a garanzia, il suo broker l’ha chiamata nella tarda notte del 17 maggio, un venerdì, con alcune brutte notizie.

Il venditore voleva recedere dall’affare.

Perché? “Potevi sentire la paura e l’incredulità nella sua voce”, ha detto la dottoressa Baxter, ricordando ciò che le disse dopo il suo mediatore. “Ha detto: ‘Non so come dirtelo, ma lei non vuole venderti la casa, e questo perché sei nero.’

La commessa Jane Walker, 84 anni, è bianca.

La signora Walker non ha risposto alle richieste di commento. “Non abbiamo commenti su questo perché non possiamo fare nulla che metta a rischio i nostri clienti”, ha affermato Bill Loftis, broker del Dr. Baxter. [sic] pratico.”

La situazione è esplosa allo scoperto poche ore dopo, quando il dottor Baxter, 30 anni, biologo molecolare e comunicatore scientifico che gestisce il sito Il dottor Raven è un esperto di scienzaha condiviso l’accaduto in un post su X. Her Radiodiffusione pubblica Ai suoi 163.000 follower e ad altri, ha richiamato l’attenzione sui pregiudizi che ancora affliggono il settore immobiliare e sulle leggi che dovrebbero proibire la discriminazione, anche se il dottor Baxter ha preso provvedimenti per perseguire infine l’acquisto dell’appartamento.

Due leggi federali – il Fair Housing Act del 1968 e il vecchio Civil Rights Act del 1866 – rendono illegale sia per i venditori di case che per gli agenti immobiliari discriminare durante la vendita delle case. Ma più di 50 anni dopo che il redlining è stato messo al bando, la discriminazione razziale rimane un problema, dicono i sostenitori dell’edilizia abitativa. Un’indagine segreta pluriennale condotta dalla National Fair Housing Alliance, una coalizione no-profit di organizzazioni immobiliari con sede a Washington, ha scoperto che l’87% degli agenti immobiliari si sono impegnati in attività di tutoraggio razziale, scegliendo di mostrare le case ai propri clienti solo nei quartieri in cui avevano il maggior numero di vicini. La loro stessa razza. Gli agenti si sono anche rifiutati di lavorare con acquirenti neri e hanno mostrato agli acquirenti neri e latini meno case rispetto agli acquirenti bianchi.

Seguendo la raccomandazione dei commentatori del suo post sui social media, la dottoressa Baxter ha presentato una denuncia di discriminazione al Virginia Office of Fair Housing e al Dipartimento per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti. Ha anche contattato un avvocato specializzato in diritti civili.

READ  Ronda Rousey fa licenziare Charlotte Flair, Bloodline vince di nuovo

“Se non fossi andato su Twitter e non avessi ricevuto aiuto da persone che sapevano cosa stavano facendo, sarei stato nel panico per tutto il fine settimana”, ha detto il dottor Baxter. “Questa era la prima volta che compravo una casa. Sapevo che i miei diritti civili erano stati violati. Sapevo che stava succedendo qualcosa di illegale, ma nessuno sapeva cosa fare.”

La dottoressa Baxter, che lavora da remoto al Mount Sinai Hospital di New York, attualmente condivide un appartamento in affitto ad Alexandria, in Virginia, con il suo ragazzo, il dottor Ronald Gamble Jr., 35 anni, un astrofisico teorico. Dopo aver divorziato due anni fa, era ansiosa di possedere subito una casa e il dottor Gamble l’ha incoraggiata a trovare una casa vicino alla spiaggia, che era stato il suo sogno di lunga data. Ha promesso di dividere il suo tempo tra la nuova casa e Washington, D.C., dove lavora al Goddard Space Flight Center della NASA.

Il dottor Baxter ha visto per la prima volta l’annuncio dell’appartamento di Virginia Beach all’inizio di maggio su Zillow e ha contattato l’agente, Wayne Miller, che si è offerto di visitarlo e di farle un tour tramite FaceTime.

Il dottor Baxter ha tenuto la telecamera chiusa mentre il signor Miller, che è bianco, ha fatto un giro della casa con l’agente della signora Walker come una delle guide. Il tour virtuale è bastato al Dr. Baxter per fare una presentazione.

“È una casa classica con carattere. È così meravigliosa e puoi camminare fino alla spiaggia. È stato come un affare”, ha detto. “Fondamentalmente ho fatto un’offerta senza che nessuno ti vedesse.”

Due settimane dopo, con la casa venduta come deposito a garanzia e lo stesso giorno dell’ispezione della casa, il dottor Baxter e il dottor Gamble fecero un viaggio di tre ore fino a Virginia Beach per vedere la casa di persona per la prima volta. La signora Walker arrivò mentre la coppia se ne andava e l’agente della signora Walker, Susan Bender della Berkshire Hathaway RW Towne Realty, presentò il venditore all’acquirente.

Poco dopo che il dottor Baxter e il dottor Gamble lasciarono la casa, la signora Walker informò il suo agente che non desiderava vendere la sua casa a una persona di colore e che desiderava annullare la vendita, secondo una cronologia degli eventi compilata dal signor Miller e condiviso con il New York Times dal Dr. Baxter. Il signor Miller ha rifiutato di commentare e la signora Bender non ha risposto a molteplici richieste di commento.

Ma ciò che seguì, secondo il dottor Baxter e il dottor Gamble e supportato dalla cronologia scritta narrata dal signor Miller, fu una serie di azioni frenetiche da parte degli agenti immobiliari di entrambe le parti focalizzate sul salvataggio dell’affare della casa.

READ  HBO Max rimuove 200 episodi di Sesame Street

L’agente della signora Walker ha chiamato il signor Miller per dirgli che la signora Walker voleva ritirarsi dalla vendita della casa. Il signor Miller a sua volta ha contattato il signor Loftis, il broker supervisore di 757 Realty, dove il signor Miller è un agente, per chiedere indicazioni.

Più tardi quella sera, mentre la dottoressa Baxter si stava preparando per andare a letto in un hotel di Virginia Beach, ricevette una telefonata dal signor Loftis.

Ha messo il vivavoce in modo che il dottor Gamble, che al momento della chiamata stava lavorando alla sua ricerca nella camera d’albergo, potesse ascoltare la conversazione.

“Mi sono accasciato sulla sedia”, ha detto il dottor Gamble. “Non potevo credere a quello che stavo sentendo. Dopo il movimento per i diritti civili, dopo Covid, dopo George Floyd, penseresti che la società la penserebbe ancora in questo modo. Ma nel 2024, lo faranno ancora”.

In una raffica di e-mail e chiamate nelle successive 24 ore, ricevute dal dottor Baxter, registrate e riviste dal New York Times, il signor Miller e il signor Loftis hanno espresso il loro shock per la svolta degli eventi e la loro simpatia per il dottor Baxter . . Le assicurarono anche che la casa sarebbe stata venduta nonostante la volontà del venditore.

Non hanno fornito immediatamente indicazioni su come la dottoressa Baxter avrebbe potuto proteggersi legalmente o presentare una denuncia per discriminazione ai sensi del Fair Housing Act. I rappresentanti sia dell’HUD che della National Fair Housing Alliance hanno consigliato che questo fosse il loro primo passo.

Il dottor Baxter è apparso sui social media subito dopo la mezzanotte di sabato. Era provocatoria, concludendo il suo post dicendo: “Tesoro, o comprerò la tua casa o comprerò il tuo edificio. Scegline uno.”

Ore dopo, il signor Loftis ha scritto un’e-mail al dottor Baxter. “È stato un peccato che la commessa sia andata allo stand per portare la Rice [sic] Nel processo, ha scritto. “Sembra che i figli del venditore siano riusciti a risolvere la situazione. Anche se si è trattato di un problema sfortunato, speriamo che l’acquisto riprenda la giusta direzione.

Il signor Miller chiamò il dottor Baxter, che le disse che era terrorizzata di perdere la casa. In quella conversazione, la incoraggiò a firmare un’addendum di rimozione d’emergenza all’ispezione, sollevando il venditore da tutti gli obblighi di effettuare riparazioni alla casa, anche se l’ispezione della casa aveva rivelato un sistema di aria condizionata che aveva più di 30 anni e necessitava di una revisione. aggiornamento. . Due giorni dopo, su istruzione del signor Loftis, il signor Miller ha inviato al dottor Baxter un’e-mail contenente un collegamento al modulo di reclamo per l’edilizia abitativa della Virginia Fair.

In una e-mail, Jay Mitchell, supervisore del broker presso Berkshire Hathaway RW Towne Realty, ha scritto che nessuna delle parti si è ritirata dall’accordo. “Come azienda, condanniamo qualsiasi tipo di discriminazione indipendentemente dalla fonte o dall’obiettivo. Tutti i nostri agenti e dipendenti sono pienamente formati per riconoscere la discriminazione nelle sue molteplici forme”, ha affermato, rifiutandosi di rispondere ad ulteriori domande.

READ  Vincitori degli Spirit Awards 2024: elenco completo

Un portavoce di Berkshire Hathaway HomeServices, la società immobiliare residenziale di proprietà di Berkshire Hathaway Energy di Warren E. Buffett, ha affermato che RW Towne Realty è una società di proprietà e gestione indipendente che concede in licenza solo il nome Berkshire Hathaway.

“Berkshire Hathaway HomeServices e la sua società madre, HomeServices of America, aderiscono rigorosamente al Fair Housing Act e non tollerano discriminazioni di alcun tipo”, ha aggiunto.

Poco dopo che il New York Times ha contattato il signor Mitchell, il dottor Baxter ha ricevuto un’e-mail da Barbara Wolcott, CEO di Berkshire Hathaway RW Towne Realty.

“Alla luce delle azioni orribilmente fuorvianti del nostro venditore, mi sento obbligata a inviarti questa email”, ha scritto. “Ti assicuriamo che la posizione di questa persona non può essere tollerata da Berkshire Hathaway RW Towne Realty, Susan Pender o chiunque all’interno della nostra organizzazione o regione.”

Quando è stata raggiunta telefonicamente e le è stato chiesto perché Berkshire Hathaway R.W. Towne Realty non tollerasse le azioni del venditore, la signora Wolcott ha detto: “Ci siamo occupati di questo. Tutto quello che devi sapere è che è stato corretto il giorno successivo. Ha rifiutato di rispondere ulteriori domande.” domande.

La vendita della casa del dottor Baxter dovrebbe concludersi entro la fine dell’estate. Ma anche se l’accordo andasse in porto, i suoi diritti ai sensi del Fair Housing Act sarebbero comunque violati, afferma Brenda Castañeda, vicedirettrice dell’advocacy presso HOME of VA, un’organizzazione no-profit che aiuta i cittadini della Virginia che credono di essere stati oggetto di discriminazione abitativa. Gli agenti immobiliari sono tenuti per legge a non discriminare, il che significa che devono informare i venditori che insistono ad agire con pregiudizio che non li rappresenteranno e assolversi dalla vendita se il venditore non si adegua. Ma ci sono altri modi in cui può verificarsi la discriminazione.

“Non so se si possa curare la discriminazione semplicemente cambiando idea e portando a termine l’accordo”, ha detto la signora Castaneda, aggiungendo che anche le azioni degli agenti immobiliari di entrambe le parti potrebbero costituire una violazione. “Questa persona può essere danneggiata perché ha subito la perdita dei suoi diritti civili e l’angoscia di ricevere una dichiarazione discriminatoria”.

Ha aggiunto: “Il dott. Baxter rimase ferito dal fatto che l’accordo andasse a buon fine o meno. “Vogliamo solo che questo sia un campanello d’allarme per le persone.”