Settembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I capi della finanza del G7 concordano su un tetto per i prezzi del petrolio russo, ma il livello non è stato ancora determinato

I capi della finanza del G7 concordano su un tetto per i prezzi del petrolio russo, ma il livello non è stato ancora determinato

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – I ministri delle finanze del Gruppo dei Sette principali paesi industrializzati hanno concordato venerdì di imporre un tetto ai prezzi del petrolio russo con l’obiettivo di ridurre le entrate della guerra di Mosca in Ucraina evitando aumenti dei prezzi, ma la Russia ha affermato che fermerà le vendite di petrolio ai paesi che lo impongono.

I ministri delle ricche democrazie del Gruppo dei Sette hanno confermato il loro impegno al piano dopo un incontro virtuale. Ma hanno affermato che i dettagli chiave, incluso il livello di prezzo al barile del limite di prezzo, sarebbero stati determinati in seguito “sulla base di una serie di input tecnici” che sarebbero stati concordati dalla coalizione dei paesi che lo implementano.

“Oggi confermiamo la nostra comune intenzione politica di finalizzare e attuare un divieto globale sui servizi che consentono il trasporto marittimo di petrolio greggio di origine russa e prodotti petroliferi in tutto il mondo”, hanno affermato i ministri del G7.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La fornitura di servizi di spedizione dominati dall’Occidente, inclusi assicurazione e finanziamento, sarà consentita solo se le spedizioni petrolifere russe vengono acquistate a un livello di prezzo pari o inferiore a “fissato dall’ampia coalizione di paesi impegnati a rispettare il tetto dei prezzi e la sua applicazione”.

Un alto funzionario del Tesoro degli Stati Uniti ha detto ai giornalisti che l’alleanza avrebbe fissato un limite di prezzo in dollari specifico per il greggio russo e altri due per i prodotti petroliferi – non tagli ai prezzi del mercato globale – e il livello dei prezzi sarebbe stato riconsiderato secondo necessità.

READ  Con l'Ucraina che perde le sue forze, per quanto tempo può continuare a combattere?

“Questo tetto ai prezzi all’esportazione del petrolio russo è progettato per ridurre le entrate di Putin e chiudere un’importante fonte di finanziamento per la guerra di aggressione”, ha affermato il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner, l’attuale capo delle finanze del G7. “Allo stesso tempo, vogliamo frenare l’aumento dei prezzi globali dell’energia. Ciò ridurrà l’inflazione a livello globale”.

tagliare l’olio

Il Cremlino ha risposto alla dichiarazione del G7 dicendo che avrebbe smesso di vendere petrolio ai paesi che applicano il tetto dei prezzi, affermando che ciò destabilizzerebbe i mercati petroliferi globali.

“Semplicemente non coopereremo con loro su principi non di mercato”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. [nL8N3091TK]

Il funzionario del Tesoro ha affermato che la Russia non avrebbe altra scelta che vendere petrolio a prezzi scontati in linea con il massimale, perché India, Cina e altri paesi al di fuori dell’alleanza vorrebbero comunque acquistare petrolio il più a buon mercato possibile e un’assicurazione alternativa sarebbe molto più costosa . .

Una vista mostra il terminal del petrolio greggio di Kuzmino sulla riva della baia di Nakhodka vicino alla città costiera di Nakhodka, in Russia, il 12 agosto 2022. Mulino REUTERS/Tatiana

“Abbiamo ricevuto segnali positivi da altri paesi, ma non ci sono ancora impegni fermi”, ha affermato una fonte di alto livello del G7 in merito agli sforzi per reclutare altri paesi nella coalizione. “Volevamo inviare un segnale di unità verso la Russia e con paesi come la Cina”.

L’annuncio del G7 ha avuto un impatto minimo sui prezzi del greggio di riferimento, che sono aumentati in previsione delle discussioni dell’OPEC+ sui tagli alla produzione di lunedì a causa della domanda debole.

I ministri hanno affermato che lavoreranno per finalizzare i dettagli, attraverso le proprie procedure interne, al fine di allinearli all’inizio delle sanzioni dell’UE che vieteranno le importazioni di petrolio russo dal blocco da dicembre.

READ  Casi Covid, booster vaccinali e notizie BA.2: aggiornamenti in tempo reale

Il G7 è composto da Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti.

L’imposizione del tetto dipenderà in larga misura dal rifiuto dell’assicurazione del trasporto mediata da Londra, che copre circa il 95% della flotta mondiale di navi cisterna, e dal finanziamento di spedizioni troppo care. Ma gli analisti affermano che è possibile trovare alternative per aggirare il tetto e le forze del mercato potrebbero renderlo inefficace

L’Agenzia internazionale per l’energia ha dichiarato il mese scorso che, nonostante il calo delle esportazioni petrolifere russe, le sue entrate derivanti dalle esportazioni di petrolio a giugno sono aumentate di 700 milioni di dollari rispetto a maggio a causa dell’aumento dei prezzi dovuto alla guerra in Ucraina.

La dichiarazione dei ministri delle finanze del G7 fa seguito alla decisione dei loro leader di giugno di esplorare il price cap, una mossa che Mosca afferma di non rispettare e che potrebbe contrastarla inviando petrolio ai paesi che non aderiscono al price cap. Leggi di più

Preoccupazioni sui prezzi

Il Tesoro degli Stati Uniti ha espresso preoccupazioni sul fatto che l’embargo dell’UE potrebbe portare a una corsa a forniture alternative, inviando prezzi globali del greggio fino a $ 140 al barile, e da maggio ha promosso un tetto dei prezzi come un modo per mantenere il greggio russo in circolazione.

I prezzi del petrolio russo sono aumentati in previsione del divieto dell’UE, con il greggio degli Urali scambiato con uno sconto di $ 18 a $ 25 al barile rispetto al Brent, in calo da $ 30 a $ 40 all’inizio di quest’anno. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

READ  Il vertice del G7 prende il via alla luce della guerra in Ucraina e del rischio di stagflazione

Rapporti aggiuntivi di Jan Stropchowski, Matthias Williams, Steve Shearer, William James, Lee Thomas, Timothy Gardner, Daphne Psalidakis e Rami Ayoub; Montaggio di Raju Gopalakrishnan e Chizu Nomiyama

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.