Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I democratici sigillano il controllo del Senato degli Stati Uniti con la vittoria in Nevada

PHOENIX, 12 nov (Reuters) – I democratici prenderanno il controllo del Senato degli Stati Uniti dopo che la senatrice Catherine Cortez Masto ha vinto la rielezione in Nevada, ha previsto Edison Research sabato.

Tuttavia, i repubblicani erano vicini a conquistare il controllo della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti poiché i funzionari hanno contato i voti espressi nelle elezioni di medio termine negli Stati Uniti di martedì.

Cortes Masto ha sconfitto di poco lo sfidante repubblicano Adam Laxalt, un ex procuratore generale sostenuto dall’ex presidente Donald Trump.

Con la vittoria di Masto dopo la vittoria per la rielezione del senatore democratico Mark Kelly in Arizona alla fine di venerdì, i democratici controllererebbero almeno 50 seggi al Senato, consentendo al vicepresidente Kamala Harris di rompere i legami nella camera dei 100 membri.

“Crediamo nella nostra democrazia e l’America ha dimostrato che le radici della democrazia sono profonde e forti”, ha detto il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, un democratico, in una conferenza stampa.

Il Senato è attualmente diviso 50-50 tra Democratici e Repubblicani. Il neoeletto Senato presterà giuramento il 3 gennaio.

I democratici con il controllo continuo del Senato possono ancora approvare le nomine di Biden, come i giudici federali. Se si apre un posto vacante nei prossimi due anni, qualcuno sarà nominato alla Corte Suprema.

Se il senatore democratico Raphael Warnock vincesse le elezioni del ballottaggio in Georgia del 6 dicembre contro il repubblicano Herschel Walker, amplierebbe la maggioranza democratica a 51-49. Ciò darebbe ai Democratici un vantaggio in più nell’approvazione di alcuni progetti di legge che potrebbero avanzare con un voto a maggioranza semplice, piuttosto che i 60 voti richiesti per la maggior parte della legislazione.

READ  Gruppi per i diritti civili fanno causa sulla mappa del Congresso della Florida firmata da Desantis

Diluirebbe anche l’influenza dei senatori democratici Joe Manchin in West Virginia e Kirsten Sinema in Arizona, “oscillanti” voti che hanno bloccato o ritardato alcune delle iniziative chiave di Biden, comprese le espansioni di alcuni programmi sociali.

Stato di Washington sconvolto

Potrebbero volerci giorni o più prima che i risultati di un numero sufficiente di gare della Camera siano noti per determinare quale partito deterrà la maggioranza nella camera da 435 seggi. I repubblicani continuarono a mantenere un vantaggio, ma le entrate continuavano a fluire in molte razze, comprese molte nella California di tendenza liberale.

Parlando in Cambogia, Biden ha detto che il suo partito si concentrerà sulla vittoria della corsa al Senato della Georgia, ma sulla prospettiva di mantenere il controllo della camera, ha detto: “È una forzatura”.

I repubblicani della Camera hanno promesso che se vinceranno, cercheranno di annullare le vittorie di Biden nella lotta al cambiamento climatico e rendere permanenti i tagli alle tasse in scadenza nel 2017. Pianificano anche audizioni sulle attività dell’amministrazione Biden e indagini sul figlio del presidente, che ha legami d’affari con l’Ucraina e la Cina.

I democratici hanno ottenuto una notevole vittoria nel 3° distretto congressuale di Washington sabato, dove la democratica Mary Klusenkamp Perez ha sconfitto Joe Kent, sostenuto da Trump.

In Nevada, il democratico Cisco Aguilar ha vinto la gara per essere il prossimo segretario di stato e il massimo funzionario elettorale dello stato. Ha sconfitto il repubblicano Jim Marchant, che ha sostenuto la falsa affermazione di Trump di aver perso contro Biden a causa di frodi elettorali nelle elezioni del 2020.

READ  Risultati e punteggi del campionato statunitense di pattinaggio di figura 2022

I democratici hanno anche sconfitto i candidati repubblicani in Michigan e Arizona che cercavano di essere i massimi funzionari elettorali del loro stato sostenendo le false affermazioni di Trump.

I democratici hanno ricevuto un grande impulso alla fine di venerdì quando Kelly, il senatore democratico dell’Arizona, ha sconfitto il repubblicano Blake Masters, un repubblicano appoggiato da Trump, per mantenere il suo seggio. Masters non accetta di scommettere.

“Abbiamo visto le conseguenze quando i leader si rifiutano di accettare la verità e si concentrano più sulle cospirazioni passate che sulla risoluzione delle sfide che dobbiamo affrontare oggi”, ha detto Kelly, ex pilota di caccia e astronauta della Marina, in un breve discorso di vittoria. sabato ai suoi sostenitori a Phoenix.

Nessun vincitore è ancora previsto nella corsa al governatore dell’Arizona, dove la democratica Katie Hobbs ha uno stretto vantaggio su un altro sfidante pro-Trump, il repubblicano Gary Lake.

(Risultati elettorali diretti in tutto il paese Qui)

Incarichi giudiziari a rischio

Un Senato controllato dai democratici fornirebbe un’assicurazione per Biden, i cui candidati otterranno conferme per riempire dozzine di giudici federali. Negli ultimi due anni del mandato di Biden, un seggio alla Corte Suprema, che ora ha una maggioranza conservatrice di 6-3, potrebbe essere cruciale per i Democratici.

Quando lunedì il Senato uscente tornerà a una sessione di lavoro post-elettorale, Schumer mira a confermare immediatamente altri due giudici federali in attesa dei voti finali.

Trump, che ha girato tutto l’anno le elezioni di medio termine del 2022, ha usato la sua continua popolarità tra i conservatori di estrema destra per influenzare i candidati repubblicani per le gare congressuali, governative e locali.

READ  AMD conferma che RX 7900 XTX è un concorrente di RTX 4080, FSR3 può essere supportato da architetture pre-RDNA3

Trump è stato accusato della performance poco brillante dei repubblicani martedì – anche se hanno ottenuto il controllo a maggioranza ristretta della Camera – per aver nominato candidati che non hanno potuto fare appello a un elettorato sufficientemente ampio.

La sconfitta del repubblicano in Georgia potrebbe intaccare ulteriormente la popolarità di Trump, poiché i consiglieri affermano che questa settimana sta valutando la possibilità di annunciare una terza corsa alla presidenza nel 2024.

Reportage di Tim Reid a Phoenix e Richard, Gowan, Jason Lange e Kanishka Singh a Washington; Montaggio di Daniel Wallis, Ross Colvin e William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.