Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I meteoriti fiammeggianti provenienti dal sistema solare esterno hanno dato origine alla vita sulla Terra 4,6 miliardi di anni fa

I meteoriti fiammeggianti provenienti dal sistema solare esterno hanno dato origine alla vita sulla Terra 4,6 miliardi di anni fa

Grandi palle da sparare! I meteoriti fiammeggianti provenienti dalle regioni esterne del sistema solare hanno dato origine alla vita sulla Terra 4,6 miliardi di anni fa.

Un nuovo studio rivela che grandi sfere di fuoco provenienti dalle regioni esterne del sistema solare hanno portato i mattoni della vita sulla Terra 4,6 miliardi di anni fa.

Gli scienziati del Massachusetts Institute of Technology e dell’Imperial College di Londra hanno scoperto che questi antichi meteoriti contengono condriti carboniose, costituite da potassio e zinco.

Il potassio aiuta nella produzione di fluidi cellulari, mentre lo zinco è un componente vitale nella formazione del DNA.

Il team ha scoperto che queste rocce spaziali costituivano il dieci percento delle rocce spaziali che si sono scontrate con il pianeta durante la sua nascita.

Il restante 90 percento proveniva dal materiale non carbonioso del sistema solare interno.

La vita sulla Terra è stata creata da palle di fuoco che si sono schiantate sul pianeta appena nato 4,6 miliardi di anni fa

“I nostri studi completano e confermano le reciproche scoperte in molteplici modi”, ha detto a SWS l’autrice principale dello studio, la dott.ssa Nicole Ni.

READ  La perseveranza della NASA fa nuove scoperte nel cratere Jezero su Marte

“Tra gli elementi moderatamente volatili, il potassio è il meno volatile mentre lo zinco è uno degli elementi più volatili.”

I meteoriti fornivano il 20 percento del potassio terrestre e la metà dello zinco.

Entrambi sono considerati volatili, ovvero elementi o composti che passano dallo stato solido o liquido allo stato di vapore a temperature relativamente basse.

L’autore senior, il professor Mark Rekamper, del Dipartimento di Scienze della Terra e Ingegneria dell’Imperial College di Londra, ha dichiarato in una dichiarazione dichiarazioneI nostri dati mostrano che circa la metà dei depositi di zinco sulla Terra sono stati forniti da materiale proveniente dal sistema solare esterno, oltre l’orbita di Giove.

“Sulla base degli attuali modelli del primo sviluppo del sistema solare, questo è stato del tutto inaspettato”.

Precedenti ricerche hanno indicato che la Terra si è formata quasi esclusivamente da materiale del sistema solare interno, che i ricercatori concludono essere la principale fonte di sostanze chimiche volatili sulla Terra.

Tuttavia, il nuovo studio fornisce la prima prova che la Terra si è formata in parte da meteoriti carboniosi provenienti da asteroidi nella fascia principale esterna.

“Questo contributo del materiale del sistema solare esterno ha svolto un ruolo fondamentale nella creazione dello stock terrestre di sostanze chimiche volatili”, ha affermato Recamber.

Sembra che senza il contributo del materiale del sistema solare esterno, la Terra avrebbe materia molto meno volatile di quella che conosciamo oggi, rendendola molto più secca e forse incapace di nutrire e sostenere la vita.

Il team ha analizzato 18 meteoriti,11 dalla regione interna e il resto viaggiato dalle regioni esterne.

E poi, lo sono Misura l’abbondanza relativa delle cinque diverse forme di zinco – o isotopi.

Hanno quindi confrontato ogni impronta isotopica con i campioni della Terra per stimare quanto questi materiali contribuiscono all’inventario di zinco della Terra, il che indica che la Terra comprende solo circa il 10 percento della sua massa in corpi carboniosi.

I ricercatori hanno scoperto che è probabile che anche le sostanze con un’alta concentrazione di zinco e altri componenti volatili siano relativamente abbondanti nell’acqua, fornendo indizi sull’origine dell’acqua terrestre.