Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I passeggeri che volano negli Stati Uniti affrontano severi test COVID-19

WASHINGTON – I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) hanno dichiarato in ritardo che gli Stati Uniti stanno spostando tutti i viaggiatori aerei che entrano nel Paese per testare il COVID-19 negativo entro un giorno dalla partenza in risposta alle preoccupazioni su una nuova variante del virus corona. Martedì.

Attualmente, i passeggeri internazionali vaccinati possono dare un risultato negativo del test entro tre giorni dalla partenza. Quasi tutti gli stranieri devono essere vaccinati per entrare negli Stati Uniti. I passeggeri che non sono attualmente vaccinati dovrebbero ricevere un test COVID-19 negativo entro un giorno dall’arrivo.

Il nuovo requisito per il test di un giorno si applica ugualmente ai cittadini statunitensi e agli stranieri.

Reuters aveva precedentemente riferito che una bozza di proposta per un drastico requisito di test stava circolando tra le agenzie governative.

Un portavoce del CDC ha confermato che l’agenzia stava lavorando per modificare le sue regole di test globali per i viaggi: “Mentre apprendiamo di più sulla variante Omicron; L’ordine modificato ridurrà la scadenza del test richiesta per tutti i passeggeri internazionali a un giorno prima della partenza per gli Stati Uniti.

Le autorità hanno affermato che la direzione sta anche valutando se i passeggeri debbano ricevere un altro test Covit-19 entro tre-cinque giorni dall’arrivo negli Stati Uniti.

Il CDC non lo conferma, ma raccomanda che “i passeggeri dovrebbero essere testati per il virus COVID-19 3-5 giorni dopo l’arrivo” e “l’isolamento post-viaggio per i passeggeri non vaccinati”.

Giovedì potrebbero essere annunciate regole più severe, ma non è chiaro quando entreranno in vigore.

Il direttore del CDC, Rochelle Valensky, ha dichiarato: “Stiamo valutando come eseguire i test prima della partenza per rendere i viaggi internazionali il più sicuri possibile, compresa la vicinanza dei tempi di volo e le considerazioni su ulteriori controlli post-arrivo e l’autoisolamento”.

READ  Brooks Copca è diventato l'ultima stella del golf a lasciare il PGA Tour per la LIV Golf Series, confermano le fonti

Lunedì, la Casa Bianca ha bandito tutti gli stranieri che erano stati di recente in Sudafrica e in altri sette paesi sudafricani a causa delle preoccupazioni sulla variazione di Omigran.

Martedì, un funzionario della Casa Bianca ha affermato che l’amministrazione stava valutando le operazioni COVID-19, “compresi i requisiti di test più seri per i viaggi internazionali”.

Martedì, il CDC ha consigliato agli americani di non recarsi in Niger, Papua Nuova Guinea, Polonia e Trinidad e Tobago, citando le preoccupazioni del governo 19.

Il CDC ora elenca circa 80 destinazioni straniere come “Level Four”, il suo più alto scambio COVID-19, e incoraggia gli americani a viaggiare verso quelle destinazioni.