Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I prezzi del petrolio e dell’oro sono crollati mentre l’Iran ha minimizzato la portata dell’attacco

I prezzi del petrolio e dell’oro sono crollati mentre l’Iran ha minimizzato la portata dell’attacco
Commenta la foto, L’Iran è il settimo produttore di petrolio al mondo

  • autore, Mariko ciao
  • Ruolo, Giornalista d'affari

I prezzi del petrolio e dell'oro sono crollati dopo che le autorità iraniane hanno minimizzato le notizie di un attacco da parte di Israele.

Standard internazionale del greggio Brent È caduto dopo aver saltato brevemente a più di 90 dollari al barile dopo che sono emerse notizie di un attacco.

L'oro si è avvicinato brevemente al massimo storico prima di stabilizzarsi sotto i 2.400 dollari l'oncia.

Si teme che l’escalation del conflitto in Medio Oriente possa interrompere le forniture di petrolio.

Gli investitori stanno osservando da vicino la risposta di Israele all'attacco diretto di droni e missili da parte dell'Iran lo scorso fine settimana.

Inizialmente i prezzi del petrolio erano saliti fino al 3,5%. Ma il greggio Brent è poi sceso a quasi 87 dollari al barile dopo che i media statali iraniani hanno affermato che non ci sono stati “nessun danno” nella provincia di Isfahan, dove ci sono state segnalazioni di esplosioni.

Aumenti forti e persistenti dei prezzi del petrolio minacciano di alimentare l’inflazione. I paesi dipendono fortemente dalle materie prime utilizzate per produrre carburante, come benzina e diesel.

I prezzi del carburante e dell’energia sono stati il ​​principale motore dell’aumento del costo della vita in tutto il mondo negli ultimi due anni.

Anche se il ritmo dell'inflazione sta rallentando, nel Regno Unito è ancora al di sopra dell'obiettivo del 2% della Banca d'Inghilterra, e alcuni economisti prevedono che i tagli dei tassi di interesse potrebbero non avvenire fino all'estate o più avanti nel corso dell'anno.

“Nel Regno Unito, i tassi di inflazione rimangono intorno al 3,2% – ancora leggermente fuori obiettivo – e sono diventati una preoccupazione per i politici”, ha affermato Summel.

“È bello vedere che la situazione non si è ulteriormente aggravata e speriamo che lo sconvolgimento dei mercati sia di breve durata”.

Il prezzo del greggio Brent è ben al di sotto dei massimi raggiunti dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, quando alcune delle principali economie hanno imposto sanzioni al paese produttore di petrolio.

Il prezzo del petrolio ha raggiunto i 125 dollari al barile nelle settimane successive, portando a un lungo periodo di bollette energetiche domestiche elevate.

Il prezzo dell'oro spesso aumenta durante i periodi di incertezza poiché è visto come un investimento sicuro.

La crescente tensione in Medio Oriente ha portato a preoccupazioni riguardo alle eventuali conseguenze sulla navigazione attraverso lo Stretto di Hormuz tra Oman e Iran.

Si tratta di una rotta marittima vitale, attraverso la quale passa circa il 20% della fornitura globale totale di petrolio.

I membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) – Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Iraq – inviano la maggior parte del petrolio che esportano attraverso lo stretto.

L'esperta del mercato energetico Vandana Hari di Vanda Insights ha affermato che l'aumento iniziale dei prezzi del petrolio è stata una “reazione istintiva ai timori di una rinnovata escalation della guerra tra Israele e Iran”.

Ha aggiunto: “Ciò che i recenti eventi confermano è la crescente fragilità e volatilità della situazione in Medio Oriente”.

I mercati azionari sono stati contrastanti poiché gli investitori hanno reagito agli eventi recenti.

Negli Stati Uniti, a mezzogiorno il Dow Jones Industrial Average è salito di quasi lo 0,5%, mentre l'S&P 500 è sceso dello 0,5% e il Nasdaq dell'1,3%.

Nel Regno Unito, il FTSE 100 ha chiuso in rialzo dello 0,2%, mentre il FTSE 250 in ribasso dello 0,3%.

In Asia, il Nikkei 225 giapponese ha ceduto il 2,7%, mentre l'Hang Seng di Hong Kong ha ceduto lo 0,9%.