Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il cinema è stato censurato dai Democratici dell’Arizona per aver bloccato il diritto di voto

Il gesto simbolico dei Democratici dell’Arizona di sabato si aggiunge alla pressione che il cinema deve affrontare da coloro che nel suo stato hanno contribuito a ribaltare il seggio al Senato nel 2018. Il cinema – il progressista che ha iniziato la sua carriera politica – è preso di mira dalla sinistra. Le sue posizioni durante l’amministrazione di Fiden.

Cinema del West Virginia e il sen. I due centristi di Joe Munchin sono stati gli unici due democratici a detenere la soglia dei 60 voti del Senato mercoledì, insieme a tutti i repubblicani. Philippester sulla legge. Con soli 51 voti, i Democratici hanno cercato di cambiare le regole del Senato per approvare la legge sul voto.

“Anche se non siamo contenti di questo annuncio, il comitato esecutivo dell’ADP ha deciso di censurare formalmente il Senator Cinema perché non ha fatto nulla per garantire la salute della nostra democrazia”, ​​ha affermato il leader dei Democratici dell’Arizona Rahul Teren. Rapporto a seguito della riunione del comitato esecutivo di sabato mattina.

“Voglio essere chiaro, i Democratici dell’Arizona sono una coalizione diversificata con molto spazio per differenze politiche, ma nella fretta di difendere Philipster e il diritto di voto, siamo chiari”, ha detto Deron. “Nel difendere un antico protocollo legislativo e il diritto di voto dell’Arizona, scegliamo quest’ultimo, e lo faremo sempre”.

In una dichiarazione di sabato, l’ufficio del Cinema ha difeso il suo record.

“Tre volte alla Camera degli Stati Uniti, e ora al Senato, Kirsten ha sempre promesso l’Arizona, non per entrambi i partiti politici”, ha detto la portavoce del cinema Hannah Hurley.

Quando lei era Sul retro Le proposte di voto dei Democratici, ha affermato Cinema in una dichiarazione mercoledì, hanno mantenuto la sua opposizione di lunga data a misure che “approfondirebbero le nostre divisioni e causerebbero ripetuti capovolgimenti radicali nella politica federale, stabilizzando l’incertezza e erodendo ulteriormente la fiducia nel nostro governo”.
I membri del comitato statale dei Democratici dell’Arizona hanno approvato a settembre Risoluzione Se “Philipster non ha votato a favore della riforma”, delinea la possibile azione che il partito intraprenderà contro il cinema per consentire l’emanazione della legge sul diritto di voto. Il consiglio ha consentito al cinema di far passare una formale lettera di condanna “con la chiara consapevolezza che perderà il sostegno dell’ADP nel 2024”.

I democratici sono stati frustrati dal cinema e da Munch negli ultimi mesi poiché continuano a votare contro la volontà dei leader democratici, mentre il partito ha una maggioranza esigua alla Camera e al Senato, cosa che potrebbero perdere nelle imminenti elezioni suppletive del 2022.

La CNN ha riferito questa settimana che il rappresentante democratico dell’Arizona Ruben Galego Stanno arrivando le chiamate Fu convinto da altri del partito, compresi i colleghi del cinema al Senato, a contestarlo. Gallego ha detto che il cinema della CNN potrebbe subire una rivalità primaria.

Anche l’originale $ 3,5 trilioni di Built Back Better Act del presidente Joe Biden è stato approvato dalla critica cinematografica con soli 51 voti ed è stato spinto a tagliare i costi.

READ  Brian Robinson Jr. dei Washington Commanders afferma che "l'intervento è andato bene" dopo essere stato colpito da un colpo di arma da fuoco in un tentativo di rapina o furto d'auto.