Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il collo di 50 piedi di questo dinosauro non aveva un allungamento

Il collo di 50 piedi di questo dinosauro non aveva un allungamento

Poche creature hanno spinto l’anatomia ai suoi limiti come i sauropodi. Questi enormi dinosauri si muovevano su arti simili a pali che sostenevano un’enorme circonferenza, afferravano code simili a fruste per allontanare i predatori e usavano lunghi colli per succhiare le foglie.

Mentre questo intero gruppo di dinosauri è comunemente indicato come “dal collo lungo”, il Mamenchisaurus, che si aggirava intorno a quella che oggi è la Cina durante il tardo Giurassico, sarebbe stato l’invidia di altri sauropodi. In uno studio pubblicato mercoledì in Giornale di paleontologia sistematicaI ricercatori stimano che il collo di Mamenchisaurus si estendesse per quasi 50 piedi. Più lungo dello scuolabus medio, il suo collo è il più lungo stimato di qualsiasi sauropode. Potrebbe essere il collo di animale più lungo mai osservato.

Nel 1987, i paleontologi scoprirono lo scheletro parziale di un sauropode che sporgeva dall’arenaria rossa arrugginita della formazione Shishogu, ricca di dinosauri, nel nord-ovest della Cina. I resti erano frammentari, costituiti principalmente da una mascella inferiore, pezzi di cranio e due vertebre, ma alludevano a un enorme animale che minacciava le pianure paludose 162 milioni di anni fa insieme a dinosauri primitivi.

I ricercatori hanno chiamato il dinosauro Mamenchisaurus sinocanadorum e lo hanno collegato a molti altri sauropodi dal collo lungo dell’Asia orientale. Ma le vere dimensioni del Mamenchisaurus sono rimaste un mistero. Non sono stati scavati altri resti fossili di sauropodi, lasciando agli scienziati solo quelle vertebre da esaminare.

Questo è stato il caso di molti dei più grandi dinosauri, ha affermato Andrew Moore, un paleontologo della Stony Brook University che studia l’anatomia dei sauropodi. Moore, che ha guidato il nuovo studio, ha detto.

READ  New York sta affondando? Sì, gli scienziati della NASA trovano la maggior parte delle parti sommerse nell'acqua

Quindi si è rivolto ai fossili di diversi parenti stretti di Mamenchisaurus, in particolare Xinjiangtitan, un sauropode leggermente più antico scoperto nella Cina nordoccidentale nel 2013. Sorprendentemente, i ricercatori hanno portato alla luce l’intera spina dorsale del Titano dello Xinjiang. Con una lunghezza di circa 44 piedi, rappresenta il collo completo più lungo nella documentazione sui fossili.

“Utilizzando questi esemplari più completi, ma più piccoli, possiamo espandere e fornire una stima molto competente di come sarebbe stato il Mamenchisaurus”, ha affermato il dott. Moore.

Dopo aver confrontato Mamenchisaurus e Xinjiangtitan, il dottor Moore e il suo team hanno concluso che Mamenchisaurus possedeva un collo lungo circa 50 piedi. Ciò rappresenterebbe quasi la metà della lunghezza totale del corpo stimata ed equivarrebbe a poco più di otto colli di giraffa impilati da un capo all’altro.

Per determinare come Mamenchisaurus ha gestito il suo collo fintanto che era un semirimorchio di un camion, il dottor Moore ei suoi colleghi hanno utilizzato una macchina per la tomografia computerizzata (TC) per analizzare le vertebre dell’animale. Invece di essere imbottito di midollo e tessuti pesanti mentre il dinosauro era vivo, l’interno delle vertebre del sauropode era pieno di grandi sacche d’aria simili a quelle degli uccelli moderni come cicogne e pellicani. Queste tasche vuote rappresentavano fino al 77 percento del volume di ciascun osso, il che riduceva notevolmente il peso della colonna vertebrale del Mamenchisaurus.

Il sollievo dal collo è essenziale per tutti i sauropodi, ha affermato Cary Woodruff, paleontologo del Frost Museum of Science di Miami, specializzato nello studio dei sauropodi. “Avere un collo così lungo è un sacco di peso da togliere dal corpo”, ha detto il dottor Woodruff, che non è stato coinvolto nel nuovo studio. “Se dovessi tenere un martello con il braccio teso, il tuo braccio si stancherà molto velocemente.”

READ  In questo momento, tecnicamente la Terra *non* ruota attorno al Sole

Sebbene le sue vertebre fossero cave, il collo del Mamenchisaurus era tutt’altro che debole. Durante gli scavi iniziali, i paleontologi hanno scoperto un bastoncino fossilizzato di tessuto osseo lungo diversi piedi. Potrebbe essere un’estensione rigida della vertebra, spesso chiamata costola cervicale, che avrebbe percorso la lunghezza del collo, sostenendo le sue ossa leggere come un tutore. Mentre questo riduceva la flessibilità del suo collo, queste costole aiutavano a mantenere stabile la struttura tentacolare.

“Anche se aveva un sacco di ossa, non era come un serpente che potesse raggomitolarsi”, ha detto il dottor Woodruff. “Era fondamentalmente come una verga.”

Con la sua spina dorsale rinforzata, Mamenchisaurus probabilmente manteneva il collo orizzontale con un angolo relativamente basso rispetto al suolo. Ma grazie al suo collo lungo, può ancora strappare le foglie dalle cime di molti alberi. Ciò potrebbe aver aiutato i sauropodi a inserirsi in una nicchia unica in un ecosistema che avrebbe potuto essere affollato da altri erbivori giganti.

Secondo i ricercatori, diversi gruppi di sauropodi sembrano aver sviluppato colli estremamente lunghi, che potrebbero aver rivaleggiato con le proiezioni simili a gru di Mamenchisaurus.

“Non sappiamo davvero quali siano i limiti, perché continuano a spingerli mentre facciamo sempre più scoperte”, ha affermato il dott. Moore. “Dovrebbe sempre essere la nostra impostazione predefinita presumere che ci sia qualcosa di più grande là fuori.”