Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il deputato Pat Ryan afferma che la percentuale in calo degli americani nelle forze armate “è un grosso problema per la democrazia”.

Il deputato Pat Ryan afferma che la percentuale in calo degli americani nelle forze armate “è un grosso problema per la democrazia”.

Washington- Il deputato Pat Ryan ha detto domenica che vede il divario tra la piccola percentuale di americani – meno dell’1% – che sono membri in servizio attivo delle forze armate statunitensi e il resto del paese “profondamente problematico quanto lo è la democrazia”.

“Quando perdiamo la connessione tra coloro che combattono le nostre guerre, le loro famiglie e tutti gli altri, è qualcosa di assolutamente necessario, quindi dobbiamo capire come riunire le persone, convincere più persone a servire”, ha detto Ryan su “Face la nazione.” Prima del Giorno della Memoria.

Ryan, un veterano, ha detto che lui e i suoi colleghi al Congresso hanno lavorato per dare priorità alla bozza del disegno di legge annuale sulla difesa, citando le sfide tra ciascun ramo dell’esercito per quanto riguarda i numeri di reclutamento.

“Abbiamo esercitato pressioni e adottato una serie di direttive per affermare che ciò non è accettabile per il Dipartimento della Difesa”, ha affermato Ryan. “E stiamo iniziando a vedere i numeri salire.”

Ma per il democratico di New York, ha detto che “la cosa più potente” che ha fatto al Congresso è stata quella di partecipare alla tradizione del lavaggio delle mani al Vietnam Veterans Memorial nel Memorial Day. Lo sforzo bipartisan è stato avviato dal deputato Mike Waltz, che è apparso anche domenica in “Face the Nation”.

I rappresentanti Pat Ryan e Mike Waltz in “Face the Nation” il 26 maggio 2024.

Notizie della CBS


Waltz, un repubblicano della Florida che è anche un veterano, ha detto della tradizione che è “importante per il popolo americano” vedere legislatori di diversa estrazione “onorare i nostri antenati” insieme, nonostante le loro differenze.

“Ho visto l’acrimonia e le lotte intestine e ho detto, sai, mettiamo insieme un gruppo di veterani”, ha detto Waltz, spiegando come è iniziata la tradizione. “Persone che hanno davvero la pelle in gioco.”

Ryan e Waltz hanno pubblicizzato il lavoro per aumentare il numero di veterani al Congresso, dicendo che sperano di attrarre più persone che hanno prestato servizio militare o nazionale per rappresentare gli americani.

Waltz ha osservato che quando si tratta di servire il Paese, “il servizio non deve essere solo militare”.

“Una delle cose in cui ci impegniamo e sosteniamo è il ritorno al servizio nazionale come nazione”, ha detto Waltz. “Non deve necessariamente essere in uniforme, ma potrebbe essere con un parco nazionale, tutoraggio nei centri urbani o assistenza agli anziani. Ma come possiamo portare i giovani in un ambiente in cui apprendono la leadership, la disciplina e il rispetto ? Servono una causa più grande di loro e dei loro compagni americani che potrebbero non assomigliare a loro o non provenire dal loro stesso background.”

Waltz ha suggerito che il governo incentivi il servizio e ha suggerito che i giovani possano svolgere un anno di servizio dopo la laurea e ricevere un beneficio.

“Penso che dobbiamo ripensare il servizio come nazione”, ha aggiunto.

READ  Lo chiamano "The Pit": gli ucraini descrivono gli orrori dell'occupazione di Kherson